Secondi
comments 9

Patate viola e portulaca

Lo ammetto, la ricetta non è delle più difficili ed astruse che conosca.
E’ una semplice rivisitazione della classica insalata di patate. L’unica scusante, o motivazione, che possa addurre è il quasi concomitante arrivo a Roma di mia madre e la consegna delle patate viola da parte di Giulia di Rossa di Sera.
Nell’animo avevo la voglia di stupire mia madre ed insieme di ringraziare Giulia dell’acquisto solidale delle patate che ha lanciato su Facebook. Non meno gradito è stato l’aperitivo pomeridiano insieme a lei, Claudia di Verde Cardamomo, Alessandra di Cuoca a tempo perso e Jajo di Viaggi, Cucina e…io. Davanti Campo dei Fiori è stato veramente un piacere scambiarsi chiacchiere libere, segreti di cucina, risate e sfoghi lavorativi e non.
Nella speranza di trasmettere l’atmosfera di quell’aperitivo è nata questa insalata di patate viola, proposta a mammà come piatto unico domenicale. Per la scelta del secondo ingrediente clou si rimanda al post dedicato a miss portulaca, scoperta pochi giorni prima al mercato sempre con mammà 🙂

Insalata di patate viola e portulaca

4 patate viola di piccola dimensione
portulaca in abbondanza
1/2 peperone rosso
pomodorini secchi sott’olio
1/4 cipolla rossa
gomasio (o sale)
pepe (per tradizione famigliare)
olio extra vergine d’oliva

Ho lessato le patate viola in acqua non salata. Una volta lessate le ho scolate e lasciate raffredare.
Nel frattempo del raffredamento ho proposto e portato a termine una passeggiata a Piazza Navona 🙂

Pronte e spellate le patate, le ho tagliate a pezzetti.
Ho unito la buccia di peperone rosso tagliata a dadini ed i pomodorini secchi sott’olio tagliati a striscioline.
Ho mescolata al tutto anche le foglie di portulaca.

Infine, ho condito e mescolato con olio, gomasio (o sale) e pepe.

In abbinamento del pane aramaico casalingo.

Per usi più sopraffini ed inusuali delle patate viole, ancora un po’ di pazienza. E’ una promessa!

9 Comments

  1. DOPPIO SGRUNT (come direbbe mia figlia)! Ancora non sono riuscito ad utilizzare le patate viola “spacciateci” dalla Rossa! 🙂

    Rossella, le tue hanno mantenuto proprio un bel viola! Aspetto curioso la prossima preparazione…

  2. …ma sono le patate che produco io !!!!!!! wowww che bella ricetta sono orgogliossima del risultato ; ))

  3. rossdibi says

    @Gio Ma sono le tue, tue?! Le trovo ottime, come consistenza e sapore. Rischi di avere una (ma credo anche di più) clienti fissi a Roma
    @Verdecardamomo @Maurizio Le mie patate viola sono quasi finite. Le sto provando in tutte le salse. A mo’ di chips, lesse come qui, in zuppa etc.etc.
    @Max 🙂 Cucinare coi colori è sempre un’ottima idea.

  4. si si sono le mie mie ; )) piantate zappate e tirate su a mano ; ))
    la cosa è nata piu per sfida e testardaggine che altro ..ma adesso che le vedo nei vostri blog … ne sono felice
    voglio vedere tutte le vostre ricette !!!!!!!! e voglio consigli e critiche per migliorare !!!!

  5. Ciaooo, provate anche io (e altre due o tre ricettine le ho in mente: magari le pelo e le surgelo per non diventare… monotematico hehehehe).
    Si, ottima l’insalata di patate e portulaca (ed il pomeriggio con voi) ma… mammà cosa pensa delle patate di quello strano colore ? :-)))

  6. rossdibi says

    @Gio Ne farò buon uso. La prossima settimana parlerò del pane con le tue patate

    @Jajo La mamma? Prima ha fatto la sostenuta, della serie “Bah, non è sta grande novità”. Poi se le è mangiate dicendo, contraddicendosi: “Buone, non le avevo mai provate”. Certe mamme sono peggio di un rebus, altre parlano tante, mia madre sa essere entrambe le cose 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *