Tè ed infusi, Torte
Leave a comment

Quattro quarti Kahlua

Andiamo con ordine, come mi ha sempre tentato di insegnare il papà. Io ogni tanto ho posto una strenua resistenza a questo adagio, perchè animata da un impeto che spesso sa imporsi quasi una disciplina invisibile. Ma capisco solo ora, dopo le vacanze, che andar con calma è un’esigenza, quasi un lusso che anch’io ora amo concedermi.
Allora, la ricetta, perché di questo si tratta, nasce da due importanti incontri sulla strada per Damasco :). La versione base della Quattro parti l’ho carpita tra i post di Juls Kitchen e già proposta con successo al compleanno della Cavia (del presente blog). Mentre Kahlua è un tè nero a base di tè nero Assam e Cina, arrichito con pezzi di caramello e fiori di girasole.
“Provalo, è ottimo col latte” così stuzzicò la mia curiosità il teista di fiducia assoluta.
Ho messo così insieme il sorriso energico di Juls e la ricercatezza delle offerte di BiblioTeq, ove opera il suddetto teista.
Ne è venuta fuori una torta goduriosa, ma con stile. Profumata, che si abbina a momenti di svago non pretestuoso. Adatta per quei momenti in cerca di autore 🙂

Ma veniamo al dunque:

Quattro quarti al tè Kahlua

4 uova medie (circa 250 gr totali)
200 gr zucchero semolato
100 gr cioccolato fondente, fuso a bagnomaria (o al forno a micronde)
150 gr burro sciolto a bagnomaria (o al forno a micronde)
50 gr tè Kahlua, foglie incluse
250 gr farina tipo 00
1/2 bustina di lievito per dolci

Ho preriscaldato il forno a 180°C.

Intanto ho sciolto il cioccolato fondente ed il burro nel forno a microonde. Stavolta ho anche preparato il tè scaldando 100 gr di acqua fino a raggiungere quasi il bollore. Il mio approccio al tè è di scaldare l’acqua fin quando cominciano a salire le prime bollicine di acqua. Poi ho tolto l’acqua dal fuoco e ho messo ad infusione 1 cucchiaino di tè Kahlua per 3 min. Finito il tempo di infusione, ho continuato con gli altri preparativi per la ricetta.

Ossia, ho montato le uova con lo zucchero per alcuni minuti.

Ho versato il burro fuso e il cioccolato fondente a filo sulle uova e ho continuato a montare il tutto con le fruste elettriche.

Ho unito anche la farina preventivamente setacciata col lievito. Poi è stata la volta del tè Kahlua. Attenzione qui! Ho aggiunto solo 50 gr di tè Kahlua e tutte le foglie utilizzate per prepararlo. Ovviamente, poi ho mescolato il tutto: composto e tè insieme, foglie incluse.

Infine, ho versato il tutto in uno stampo rettangolare da plum cake (di 28 cm) precedentemente imburrato ed infarinato e lasciato cuocere a 180°C per 50 minuti. Stavolta i tempi di cottura, rispetto al Quattro quarti al cioccolato bianco, sono stati rispettati.

Et voilà, è arrivato il momento dell’assaggio dopo adeguato raffredamento.

Piaciuta, a me, alla Cavia e al teista di fiducia assoluta 🙂
Non resta che sia tu a provarla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *