Eventi, Friuli
Leave a comment

Cjarsòns di Piedim

Ecco un’altra delle ricette di Cjalsòns suggerite ai blogger. Ma come, nel titolo di legge Cjarsòns!
E sì, si chiamano a Cjarsòns più alla carnica o Cjalsòns nella maniera più da “pianura” friulana. Come ogni piatto tipico ha le sue versioni, se non si era già capito.

Pling Pling: Messaggio promozionale 🙂 E’ uscita la raccolta dei post sui Cjalsons, di tutti i 51 partecipanti a questa avventura. Basta cliccare qui per accedere all’ebook.

Ma ora alla ricetta: I Cjarsòns di Piedim sono stati testati da una blogger solamente, ma non una blogger friulana, nemmeno una blogger italiano, ma….ma il primo contributo in fatto di Cjarsòns è arrivato niente meno che dalla Lituania e da 7 ravioli. E’ stata una vera emozione vedere come un piatto locale abbia superato anche la vecchia cortina di ferro.

E se mai volessi scoprire che ricetta ha superato questa barriera, eccola:

Cjarsòn di Piedim

Agnolotti di Piedim
Ricetta tipica originale, tratta da Nuova e Vecchia Cucina di Carnia

Cosa serve

60 minuti

Per la pasta

200 gr farina
200 gr patate
1 cucchiaio di strutto
1 cucchiaio di olio

per il ripieno

50 gr di arachidi
30 gr di cioccolato
25 gr di noci
25 gr di cedri canditi
100 gr ricotta fresca
50 gr biscotti secchi
30 gr marmellata di prugne
1 limone grattugiato
1 cucchiaino di cannella in polvere
2 cucchiai di rhum
1 cucchiaio di cacao
1 cucchiaio di miele

per il condimento

100 gr di burro
100 gr ricotta affumicata stagionata
un pizzico di cannella in polvere
1 cucchiaio di zucchero

Come fare

Grattugiare i biscotti e la cioccolata, macinare gli arachidi, le noci ed i cedri canditi, preparare quindi il ripieno, pistum, con tutti questi ingredienti.

A parte lessate le patate, sbucciatele, passatele al setaccio, unite la farina, un cucchiaio di strutto, l’olio ed il sale; impastate bene e stendete una sfoglia dalla quale ricavate dei dischi di diametro di circa 8 cm.

Su ogni disco ponete un cucchiaio di ripieno, piegate a metà e chiudete bene la sfoglia premendo sui bordi.

Gettate i cjalsòns in acqua bollente salata, nella quale avrete versato un cucchiaio di olio; dopo alcuni minuti, quando verranno a galla, raccoglieteli con una schiumarola.

Poneteli quindi in una pirofila, conditeli con la ricotta affumicata grattugiata, la cannella, lo zucchero e versatevi sopra il burro cotto caldo, “ont”.

Cosa bere

Most di melùz (mosto/sidro di mele)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *