All posts filed under: Bevande

Unpacking coffee

Unpacking Coffee: il video podcast che spacchetta il caffè

Unpacking Coffee: il video podcast che mette il tuo caffè nelle  mani di un’antropologa ed un cofffe guy. Segnati questi nomi: Raymond e Kandace Brigleb. Prendi una mappa e cerchia Portland (è in Oregon, negli Stati Uniti). E soprattutto preparati un buon caffè. Non resta che … accendere un computer e seguire Unpacking Coffee. Unpacking Coffee è video podcast, che tradotto per chi non ama l’inglese, è una serie di brevi video liberamente visibili online. Li trovi su Unpacking Coffee o sul canale Vimeo di Unpacking Coffee. In meno di 8 minuti scoprirai un nuovo caffè. In ogni puntata, Raymond e Kandance Brigleb aprono un pacchetto di caffè e lo studiano dall’apparenza alla sostanza. Ciò che cambia è il caffè ed il suo torrefattore. Quando ho chiesto a Kandance di riassumere in 3 parole Unpacking Coffee, mi son sentita rispondere: Chi è Quirky, curious, fans: Unpacking Coffe o chi gira i video? O chi li guarda? 🙂

Gelatina al caffè: per non essere impreparati

Gelatina al caffè: caffè, zucchero e gelatina in polvere. Per avere sempre il caffè a portata di mano. Dico jelly e … Penso a ciò che non so. Così diffusa oltreoceano, così carente nella mia vita. Jelly? Gelatina o no? Colla di pesce o agar agar? Non saprò mai spiegarti l’esistenza di una gelatina in maniera così approfondita come Bressanini. Questo non è il mondo di gradi Bloom, non siamo così puntigliosi da voler misurare perfettamente la solidità di un gel. Questo è il regno di chi tenta golosamente ogni strada. E’ l’universo di chi si preoccupata di affondare un cucchiaino nel desiderio e gustarlo. Dico caffè e… Palpito d’amore. Non ho mai avuto un debole per Brad Pitt. You don’t impress me much (come diceva la saggia Shania Twain). Ma il mio Mr Black, quello sì che lo noto. Sveglia la mattina, ricarica durante il giorno ed ora siamo grandi abbastanza per scoprirlo meglio. Solo così mi spiego la mia rubrica sul caffè. Dico coffee jelly e … M’accorgo che posso usare anche l’italiano, …

Biscotti alla crusca con caffè

Biscotti alla crusca di avena con caffè: la ricetta di un biscotto ricco di fibre e di energia data dal caffè. Un pizzico di gusto in più con lo zucchero alla cannella. Lo capisco bene questo clima: se lavori e sei chiusa in ufficio splende il sole, appena arriva il fine settimana compaiono le nuvole.  Sì, lo so, è molto più complesso di così. Nel mentre che il problema si risolva, non mi resta che mangiarmi dei biscotti alla crusca e caffè. Non posso negarlo. Questo sole che c’è quando non riesco a sfruttarlo, mi mette addosso un gran desiderio di primavera. Non è voglia di golf di cotone (sempre odiati per la cronaca), neppure di maniche corte (sono una freddolosa. Prima le rondini e solo dopo gli abitini fru fru). Desidero solo ed ardentemente il calore dei raggi del sole e l’energia della primavera. Voglio già rinascere. Invece, mi devo accontentare di giocare in…tavola sbirciando online. Guarda Dalani con le sue proposte di Mise en Place di Primavera. Sei un Rosa Quarzo o un Colour Splash? …

Beer wishlist: libera la pinta che è in te

Beer wishlist: è tempo di aggiornare i desideri attorno alla birra. Che sia in una pinta, in un teku o in un calice a tulipano, la birra soddisfa molti desideri. Ogni mese ha i suoi desideri. Dopo la wishlist per Natale, dopo la coffee wishlist, è giunto il tempo della beer wishlist. Più birra per tutti, libero sfogo a quelle irresistibili tentazioni che si nascondono anche nelle schiume meno persistenti. Per una beer wishlist non c’è bisogno di un mago della lampada. Basta il tavolino logoro di un pub ed il Mago della Fermentazione. Contro il logorio del bevitore moderno, c’è Mr. Luppolo a porgere una teku ed un po’ di conforto. Con questi personaggi, non molto inventati, ho scartabellando nel cassetto delle birre che ho e che non ho. Altro che collezione Panini, la beer wishlist sempre esisterà. Dopo una Toast Ale come potrò non voler intraprendere un viaggio con la mia beer cap map? Anche se poi so, che basta dirigermi al pub preferito per capire che forse l’OWA è importante, ma anche no. Non resta che …

caffè a Londra

Il caffè a Londra visto da Mondo Mulia

Il caffè a Londra è nel pieno del Third Wave Movement. Giulia Mulè di Mondo Mulia ci racconta come scoprire il caffè londinese… abbandonando un po’ di pregiudizi. La prima cosa da fare per apprezzare il caffè a Londra è abbandonare la presunzione che l’espresso italiano è il più buono al mondo. Si inizia col botto. Così mi piace. Giulia Mulè l’ho conosciuta qualche anno fa Londra in occasione del Food Blogger Connect. Già allora in giro per la capitale britannica cominciavano a farsi notare i coffee shop. Ora, come racconta anche Caffeine Magazine, il caffè londinese rischia di surclassare il nostro tanto osannato espresso. Giulia, pur vivendo a Londra da quando ha 25 anni, è romana. Mi è, quindi, sembrata subito la persona da disturbare subito. Era perfetta, perché ha tutto l’attenzione di una food e travel blogger professionale (conosci Mondo Mulia?) e la capacità di confrontare due realtà: quella inglese e quella italiana. Dai, lasciamo da parte presunzioni vari e vediamo cosa c’è oltre l’espresso, la Fika svedese ed il caffè colombiano.  E’ …