Torte
Leave a comment

Torta di prugne rosse

Si è tutti bambini dentro, in qualche modo, più o meno occulto.
Facciamo i capricci, abbiamo pretese, sbuffiamo riaprendo la porta dell’ufficio al ritorno delle ferie. Rischiamo di essere delle vere e proprie palle al piede per noi stessi e gli altri.
Prendi una foodblogger. Una persona normale con un granello di doppia vita non appena si mette in cucina. Da lavoratrice dipendente combatte col destino con un’energia inimmaginabile di fronte ai fornelli. Cucina, fotografa, scrive e corre a dirlo a tutti, direttamente nel web. Timidezza, intimità, privacy scompaiono. La condivisione diventa la sua ossessione.
A volte però, come dal ritorno dalle ferie, qualcosa si blocca. Quella foodblogger cucina, fotografa e …vorrebbe scrivere, ma non ci riesce. Non ce la fa proprio. Si dimena davanti lo schermo del computer. Non è capace di introdurre la sua prima ricetta di ritorno dalla Normandia. E questo diventa il suo dilemma 🙂

Vuoi per la pigrizia delle vacanze, vuoi per le avvolgenti emozioni provate tra Omonville e Jumieges, vuoi perché si è buttata a capofitto nel sogno di scrivere un racconto lungo. Banalmente, senza giustificarla tanto, quella foodblogger non riesce a raccontarti di come quelle prugne rosse al mercato l’hanno convinta a fare una torta. Sai, uno di quei dolci di cui si ha quasi incosapevolmente una voglia pazza?!

Frutta di stagione, rosso marcato, un po’ di cocco, delle stuzzicanti gocce di cioccolato e una torta semplice, casalinga. Aveva voglia di Casa nonostante i suoi occhi vagassero ancora tra Honfleur e Biville. Non riusciva a dirti tra un soggetto ed un verbo che desiderava far sentire il sapore di Casa al suo autista preferito.
Ecco quella torta nata tra Campo dei Fiori, le pagine di Super Natural Every Day e l’immancabile fantasia capricciosa tipica di quella foodblogger.
Benvenuti a Casa mia!

Torta di prugne rosse

torta prugne intera rdb

100 gr farina di farro integrale
195 gr farina tipo 00
25-30 gr cocco grattugiato
2 cucchiaini rasi di lievito per dolci
70 gr miele
1/2 cucchiaino di sale
3 uova medie
200 gr yoghurt intero
60 gr burro sciolto a bagnomaria (o nel forno a microonde)
la buccia di un limone biologico
40 gr goccie di cioccolato

Per decorare:
200 gr (pari a 2 prugne) prugne rosse (lavate)
3 cucchiai di zucchero di canna
buccia di limone grattugiata

Predisposti tutti gli ingredienti, fuso delicatamente il burro, pulite e tagliate a fette le prugne, si comincia ad assemblare la torta. Non dimenticarti neppure di preparare una teglia apribile con diametro di 26 cm. Io l’ho ricoperta con la carta forno.
Prima di cominciare a lavorare veramente ricordarsi anche di preriscaldare il forno a 200°C.

Ora si può mescolare assieme in una ciotola  le farine col lievito, il miele ed il sale.
In un’altra ciotola si mescolano con le fruste le uova con lo yoghurt e poi anche col burro fuso.
Ottenuta una crema omogenea si grattugia sopra la buccia di limone e si mescola ancora.
Unisci a questo punto il composto liquido alle farine e sempre con le fruste elettriche amalgama il tutto.
L’ultima aggiunta sono le goccie di cioccolato.

Versa ora il composto nello stampo. Per distribuirlo bene aiutati con una spatola di plastica. Per livellarlo bagna leggermente la spatola.
Decora la torta con le fette di prugne.
Sopra di queste distribuisci circa 3 cucchiai di zucchero di canna e un po’ di buccia grattugiata di limone.

Fai cuocere in forno caldo a 220°C per 45 min. Controlla il livello di cottura già dopo 30 minuti per adattare al meglio il tempo di cottura al tuo forno.

E prima di addentare l’ultima fetta, un suggerimento.

torta pesca fetta 2 rdb
Se proprio quell’ultima fetta non ti va giù prova a rivistarla. Ho stuzzicato l’appetito a casa tagliandola a dadini, mettendoci sopra un paio di guduriose gocce di cioccolato, un zinzino di sciroppo d’agave (ma del miele va benissimo). Poi ho “nascosto” tutto nel forno caldo a 190°C per 2 minuti magici. Basta  poco a far morbido il cioccolato e stregare dolcemente il bambino (non) capriccioso che è in noi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *