Dolci al cucchiaio, Vino
comments 3

L’amaro e lo yoghurt

Il gusto pieno della vita
Ma chi ci credeva!
Amaro. Già la parola mi teneva distante. Perché mai l’amaro avrebbe dovuto piacermi.
Era scuro, insondabile. Lo bevevano i “vecchi”, così l’adolescenza porta ad essere molto netti. Io sapevo cos’era la vita e non la volevo amara. Che credi! A quattordici o sedici anni si sa già tutto. Il carattere più che formarsi erutta sentenze.
No, no e poi no. Niente amaro per me.

L’arroganza poi si attenua placcata da ambizioni che richiedono sacrifici. Si attenua, ma ancora i pregiudizi galleggiano nei gesti. Se ti offrono limoncello o amaro, la scelta è ancora fin troppo facile.
Avvicinandosi la soglia degli -enta quei pregiudizi diventano ricerca di nuovi sapori. In tutta quella fretta di crescere è come se avessi perso qualcosa. Gusti, sapori.

Miraggi di momenti calmi e pacifamente noiosi della campagna. Li osservi e non ci credi. Mancano.
Ribollono i ricordi. Uno brilla più dell’altro.
Frenetica diventa la città. Desideri di calma guizzano qua e là. Vorresti essere capace di voler bene alla vita, la tua.
E allora i “vecchi” diventano quasi un modello da capire.
Così se non sul tavolo della nonna inzuccherato ti ritrovi nel tuo tavolino, piccolo e bislacco, a scrutare quel liquido scuro ed insondabile.

Così quell’amaro diventa un gusto. Il gusto della vita.
Pian piano lo capisci. Sa raccontarti di sapori trascurati eppure, tanto per essere diretti, mi piacciono.
Ma la frenesia della città resta, così che in quell’inseguire esperienze e novità, quell’amaro diventa anche un bicchierino con yoghurt  e lime.

Bicchierino d’amaro e yoghurt

Ingredienti per 2 bicchieri

3 cucchiai di yoghurt magro
la buccia grattugiata di 1/4 di lime
una goccia di sciroppo d’agave
Amaro Averna

Ho mescolato in una ciotola lo yoghurt con la buccia grattugiata di lime e lo sciroppo d’agave.
Poi in ciascun bicchierino ho messo mezzo dito di amaro.
Ho versato metà del composto a base di yoghurt. Ho decorato con qualche pezzetino di scorza di lime.
Poco prima di assaggiare il tutto ho fatto le fotografie, mescolato il tutto e servito.

Consiglio no.1: non esagerare col lime.
Consiglio no.2: una volta servito mescolare.
Consiglio no.3: godersi il momento.

3 Comments

  1. Bellissima idea! Non è semplice cucinare con un amaro, alla fine te la sei cavata alla grande! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *