Libri, Secondi
comments 7

In fatto di cocotte

Come stavo dicendo, in fatto di cocotte ho un debole che non oso neppure nascondere.
E’ un po’ come giocare con le pentoline. Te lo ricordi?

Tutto il mondo era fatto a nostra dimensione. Non solo mamma e papà ci scorazzavano attorno con  mille sorprese e sacrosanta pazienza, ma tutte le cose da grandi venivano fatte piccole.
Io, scusami se me ne vanto ancora :), non avevo solamente le pentoline degli indiani, ma anche i fornelli. Avevo una cucina perfettamente funzionante nella mia fantasia fin da allora. Possedevo persino un servizio completo di pentoline e padelline. I toni erano quelli del rosso accesso ed i decori erano gli indiani d’America. Da cui il  nome storico di pentoline degli indiani. Non mi mancava nemmeno il tipi. Tante e tante merendine mi portano la tenda per essere un’indiana perfetta nella cameretta.

Credo che sia per questo che le cocotte mi fanno impazzire.
E credo che il destino a volte sia capace di fare grandi doni. Prima il libro Cocotte sale e dolci della DeAgostini e poi il regalo di mia sorella.
Io ho sempre voluto una sorellina si dice. Di sicuro so che all’alba degli otto anni i miei genitori non volevano scoprire se avrei avuto una sorellina o un fratellino. Li spaventava l’opzione fratellino. Poi meno male mio padre entrò in casa della Cia (non chiamatela nonna) con la novità: “E’ nata Fiorella“.

Ad anni di distanza, la sorellina nominata e voluta ha pensato bene di regalarmi le cocotte, arancioni a ricordarmi il suo colore preferito. Come tutte le brave sorelline che si rispettino ha imposto le sue regole: “Le voglio vedere nel blog“.

Così tempo pochi giorni eccole le cocotte di una 37enne.
Sono partita da una ricetta di Cocotte sale e dolci. Ho giocato con gli ingredienti, come accade con ogni buon libro di cucina. Avevo del formaggio La Tur del Piemonte a base di latte di capra e di pecora e della ricotta. Ho fatto ciao ciao al roquefort della ricetta e ho offerto alla Cavia le:

Uova in cocotte a La Tur e ricotta

Ingredienti per 2 persone
140 gr formaggio La Tur
125 gr ricotta fresca
pepe nero macinato sul momento
2 uova
un rametto di maggiorana

Ho acceso il forno per preriscaldarlo a 180°C.
Dentro il forno ho messo fin da subito una pirofila riempita con due dita di acqua. La pirofila era abbastanza grande da poter contenere le due cocotte.

Nel frattempo che il forno raggiungesse la temperatura desiderata, ho tagliato a dadini il formaggio La Tur.
Ho distribuito dentro ciascuna delle due cocotte metà del formaggio La Tur.
Sopra di questo ho messo la ricotta.
Poi ho macinato del pepe nero abbondante.
Infine, sopra i formaggi ho messo l’uovo, ovviamente rompendolo prima.

Ho messo le cocotte (senza coperchio) nel forno dentro la pirofila e ho fatto cuocere in forno caldo a 180°C per 8 minuti e per 5 min a 190°C.

Ho tolto la pirofila e ho estratto le cocotte cercando di non scottarmi con l’acqua. Per maggiore sicurezza la Cavia è corsa in mio aiuto 🙂

Sopra l’uovo di ogni cocotte ho messo un rametto di maggiorana fresca.
Ho appoggiato il coperchio e ho servito sorridente in tavola.

L’esito? Sembra che le cocotte non conquistino solo me. Uova in cocotte apprezzate.



7 Comments

  1. che belle queste foto rossella, stai migliorando moltissimo.
    Mi piacciono sempre di più.
    Le uova fatte in questo modo sono irresistibili, ci credo che vi hanno conquistati.
    Baci

  2. io amo le cocotte, avevo già riempito la casa genovese di cocotte colorate e ora ci sto lavorando su con quella londinese 🙂

  3. pasticciona says

    Le cocotte sono finalmente giunte a destinazione,nonostante la mia gaffe. La sorellina riesce a risolvere i problemi. Belle le foto, belle le annotazioni attorno alle cocotte arancioni

  4. ooh come migarbano le cocotte.. che poi io sono una facilemnte impressionabile così che se mi porti una minestra di terra con bastoncini e qualche foglia (come si faceva da bambine..) mi viene persino l’ acquolina e tutto sembra più buono.
    Tuttavia c’ è da dire che tua sorella ti ha regalato le cocotte con la C maiuscola!!
    sono sicura che queste uova sono solo il principio delle meravigliose ricette che ti ispireranno, e comunque io le uova in cocotte le amo :O)

  5. Pingback: Nostalgia della Corsica – Uova in cocotte | Family, bakery and country

  6. Batti says

    Fantastiche le cocotte! Vorrei fare una precisazione in merito al buonissimo e non scherzo, formaggio La Tur. Spesso lo si cita, ed a me cosi l’hanno venduto, come formaggio di capra ed è ciò che ho sempre pensato di mangiare,dal momento che sono intollerante al latte vaccino. Leggendo l’etichetta però, muniti di buona vista o di buona lente ci si riesce, ho notato che gli ingredienti sono cosi in ordine: Latte. Latte di pecora. Latte di capra. Anche sui siti che promuovono questo formaggio gli ingredienti sono in questo ordine con l’aggiunta,a volte di:Latte di mucca,pecora,capra. Considerando la regola la quale dice che gli ingredienti vengono posti in etichetta in ordine decrescente in base alla quantità presente nel prodotto, deduco che ci sia più presenza di latte vaccino che di capra e pecora. Purtroppo non è dato sapere in quale percentuale. Ripeto, La Tur è comunque buonissimo. Ciao a tutti. Batti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *