Torte
comments 6

Ciliegie, yoghurt ed olio: sia torta

Leggevo Laurie Colwin e sono finita a fare una ricetta di Karen Edwards. Non so però se Karen sia d’accordo, perchè la sua ricetta al cacao l’ho trasformata, senza bisogno di una bacchetta magica, in una torta alle ciliegie candite. Tutta colpa di Cake Duchess e dell’evento mensile #BundtaMonth.

Basta parlar arabo. Vi presento tutti quanti.
Di Cake Duchess sono una grande fan. La leggo e la seguo assiduamente. Mi sono pure unita alla sua ciurma del TwelveLoaves. Ma lei è veramente infaticabile. E’ anche promotrice del #BundtaMonth. Ogni mese un tema diverso per fare quello che noi chiamiamo ciambellone e loro Bundt. Trae le sue origine dal Gugelhupf, ma per noi donne pratiche può essere adattato allo stampo da ciambellone che abbiamo.
Beh abbiamo. Io il mio l’ho  perso durante un trasloco, almeno credo. Meno male che ultimamente mi sono decisa a comprarlo in silicone e senza vergogna dico che l’ho fatto per il #BundtaMonth.
Appena a casa sono corsa a leggere il tema del mese: ciliegie…..

Non è stagione di ciliegie. Come faccio?
Semplice, le ciliegie candite del Natale scorso sono uscite allo scoperto ed ecco che Karen Edwards sono finita in cucina.
Chi fosse Karen non lo sapevo e non lo so tutt’ora. Ha scritto un libro di ricette e ha trovato la ricetta da premio Nobel per la torta al cioccolato, almeno a quanto scrive Laurie Colwin. E ora posso dire io che è anche un’ottima ricetta da cui partire per fare una torta alle ciliegie. Ho eliminato il cacao, ovviamente, e ho aggiunto della farina, ma poco di più, per giungere alla ricetta che trovi qui sotto.

E’ una torta veloce da farsi. Basta un mestolo di legno per amalgare gli ingredienti.
L’impasto risulterà umido seppur cotto. L’olio extra vergine d’oliva si nota in questo particolare. Il suo sapore sarà compensato però dalla dolcezza dello zucchero e delle ciliegie.

Torta alle ciliegie candite

180 gr farina di farro
65 gr farina tipo 00
1 cucchiaio di cioccolato fondente grattugiato
165 gr zucchero di canna
1 cucchiaino di lievito per dolci
un pizzico di sale
una punta di cucchiaino di zenzero in polvere
una punta di cucchiaino di chiodi di garofano
80 gr ciliegie candite (pari ad una bella manciata)
150 gr yoghurt magro
115 gr olio extra vergine d’oliva

Predisporre una stampo a ciambella e nel caso non fosse di silicone passarci del burro e della farina.
Preriscaldare il forno a 180°C.
Tagliare in quarti l’ingrediente più importante: le ciliegie candite.

In una ciotola mescola assieme la farina di farro, la farina tipo 00, il cioccolato grattugiato, lo zucchero, il lievito, le spezie ed il sale.
Unire anche le ciliegie tagliate in quarti.
Aggiungi poi lo yoghurt e l’olio e mescolare con un mestolo di legno. Non serve altro.

Distribuire il composto nello stampo a ciambella e livellarlo con le mani.

Cuocere in forno caldo a 180°C per 30-35 minuti.
Come il solito accertarsi del livello di cottura verso la fine usando uno stuzzicadente grande.

Lasciar raffreddare prima di servire.

A chi  lancia il  suo occhio fin qua sotto dico chi è l’adorabile Laurie Colwin.
E’ una grande scrittice. Di suo ho More Home Cooking. A writer returns to the kitchen. Sebbene lei sia scomparsa più che prematuramente, sfogliando il libro scopro ogni volta un’amica di cui fidarmi. Scrive la cucina di tutti, quella di tutti i giorni e racconta letteralmente le ricette. Così capita che se dice che una ricetta è una ricetta da premio Nobel tu abbia voglia di rifarla e vedere il gusto che fa 🙂


6 Comments

  1. ooooh ma tu ed il tuo post oggi siete proprio la mia ciliegina sulla torta :O)
    nelle ultime settimane sto cercando di fare ordine in dispensa, via le vecchie farine, i vecchi ingredienti ecc ecc. Giusto domenica ho passato il pomeriggio a crucciarmi su come far fuori fette di canditi vari e CILIEGIE candite!!
    Ma quanto sei avanti tu che mi leggi nel pensiero? E poi non conoscevo nè la Cake Duchess nè il mesedelciambellone.. vabbè io vivo proprio in un altro mondo. ma il tuo mi garba parecchio: mondo, ricette e bundt compreso!
    Solo che io gli stampi di silicone non li uso mai per cuocere, non so perchè ma non mi ci trovo proprio.. :O(
    Questo we mi lancio nella ricetta da premio Nobel, che voglio dire solo il nome fa un certo effetto..
    buona giornata!

  2. Mi piace molto come parti da una ricetta per poi farti guidare dalla tua creatività. Riesci sempre ad ottenere dei risultati meravigliosi. Inoltre ci dai sempre un sacco di informazioni interessanti, anch’io come la signorina qui sopra non conoscevo Cake Duchess
    e la sua iniziativa, rimediare subito!Grazie come al solito per gli spunti, per le parole e le ricette (la ricetta da premio nobel va provata assolutamente!). Buona giornata!

  3. astrid says

    ciao secondo te verrebbe bene anche con i mirtilli rossi? ne ho una piccola scorta che vorrei usare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *