Biscotti
comments 2

Biscotti con frutta candita secondo Ada Boni

biscotti con frutta candita

I biscotti con frutta candita di Ada Boni: profumi ed incanto dei biscotti di una volta da una ricetta de Il Talismano della Felicità

Chiudi gli occhi. Immagina.
Il tempo diventa vago. I profumi giungono.
Ti ricordi di quando eri piccola. E’ una di quelle giornate calme, molto calme. Fuori le mani si intirizziscono al primo vento. I guanti calano furtivi su di loro. Tu di corsa cerchi di superare questa tranquillità che non è ancora diventata noia.
Di corsa arrivavi dalla nonna o comunque in una casa dove ci sono persone grandi. Molto grandi per te a cui la nonna canta “i papaveri sono alti alti e tu piccolina cosa ci puoi far“.

Sono tutte davanti ad un tavolo semplice le persone grandi.
Un tè caldo sopra. Un piattino con dei biscotti ad attenderti. Son biscotti di una volta, senza fronzoli, ma con un profumo che tu ricordi ancora.

E’ il sapore di un’epoca, se non lontana, almeno nascosta nei ricordi. I papaveri ora son piccoli.
Però il naso ti porta  lontano. Torni là.
Equilibrio di sapori, energie condensate ed elegante chiacchiericcio nell’aria.
La magia dei grandi ad avvolgerti. La semplicità di case oramai abbandonate ti è addosso.

Son loro, lo vuoi urlare. Sono loro. Loro i biscotti della tua fanciullezza.
Niente marchi a contraddistinguerli, solo ricordi indelebili.
Son ricette quasi fatte a caso eppure la riconosci in questa.

Io son giunta in questo luogo, ho questa ricetta tra le mani. Tutto grazie a Jul’s Kitchen e ai suoi biscotti di Ada Boni.
I biscotti con frutta candita riportano la magia di un tempo e la dolcezza del suo ingrediente principale.
I miei biscotti di Ada Boni son diventati biscotti di chiusura del tour de force del cucinamento folle per Natale. Altra frutta candita e secca si è aggiunta a quella ufficialmente concessa.

Non c’è Natale con cui non finisca di fare i biscotti con frutta candita impastando i biscotti di Ada Boni.
Non c’è anno in cui non si facciano notare questi biscotti di una volta. Frutta secca e canditi abbondano. Biscotti senza burro, senza spezie, eppure sanno farsi notare.

Biscotti con frutta candita di Ada Boni

200 grammi zucchero a velo
4 uova medie
150 grammi di uvetta sultanina bagnata con 3 cucchiai di grappa (o Punt e Mes)
100 grammi mandorle
40 grammi pinoli
40 grammi pistacchi
120 grammi nocciole
60 grammi cedro candito
65 grammi ciliegie candite
125 grammi scorza d’arancia candita
200 grammi farina di farro o farina 00

Bagna l’uvetta con la grappa e prepara tutti gli ingredienti per i biscotti di Ada Boni.
Trita, quindi, la frutta secca (mandorle, nocciole, pinoli, pistacchi) e tagliuzza il cedro, l’arancia e le ciliegie candite. Se ti manca uno di questi frutti canditi, regolati pure liberamene. Basta che tu abbia 250 grammi di frutta candita…e tagliata a dadini.

Mescola assieme l’uvetta bagnata (e non strizzata) di grappa con la frutta secca.

Versa lo zucchero a velo in una ciotola ed incorpora un uovo per volta mescolando con le fuste elettriche. Dovi ottenere un composto ben montato e spumoso.

Poi ho aggungi la frutta secca e l’uvetta. Procedi con calma aggiungendole in tre tornate. Abbandona anche le fruste elettriche. Sarà più utile un cucchiaio di legno.

Continua unendo la frutta candita.

Ultima fatica è l’aggiunta della farina.

Accendi il forno a 170°C e copri la teglia con della carta da forno.

Distribuisci della farina sul piano da lavoro e poni sopra la farina il composto.
Dai al composto la forma di un tronchetto e ponilo sulla teglia (ricoperta con la carta forno).
Attenzione che qui le mani si sporcano ed il tronchetto tenderà a sfaldarsi. Abbi fiducia. I biscotti con frutta candita di Ada Boni non nascondono tranelli. Compattalo con le mani e battendolo con il retro del cucchiaio.

La ricetta vorrebbe che il tronchetto sia spennellato con dell’uovo, ma io ometto questa fase.

In forno preriscaldato, cuoci i biscotti che son tronchetto per 60-65 minuti a 170°C.

Una volta cotto il dolce (perché finora è un dolce) va tolto dal forno e fatto raffreddare alcuni minuti.

Dopo 10-15 minuti taglialo a metà (o a terzi, a seconda della larghezza che gli hai dato) nel senso della larghezza e poi a fettine.

Raffreddato del tutto poni i biscotti di Ada Boni (o biscotti di una volta9 nella scatola di latta.

Saranno aggrediti con piacere per alcuni giorni…poi finiranno 🙂

2 Comments

  1. è incredibile come davvero un morso di un biscotto o di una torta possa portarti in un altro mondo, chiamalo effetto madeleines di Prouste, o anche dolcetto di Alice nel Paese delle Meraviglie, fa lo stesso!
    I biscotti hanno fatto lo strano effetto anche a me, incredibili, eppure sono ingredienti che uso quotidianamente… c’era un po’d i magia di Ada Boni, son sicura!
    Buon anno Rossella!

  2. pasticciona says

    Inaugurare l’anno con i biscotti alla frutta secca e candita è di buon auspicio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *