Antipasti, Contorni, Eventi
comments 3

Cocotte, uova e Trentingrana

Quando si dice che gli uomini in cucina se la cavano bene.
Questa ricetta nasce da un’idea di mio marito, anzi da una sua abitudine.
Una sera stanca e stufa del  dover faticare ancora l’ho implorato di preparare la cena. Niente pizze surgelate a facilitargli il compito. Lui non demorde. Prende le uova e …
Mi presenta in tavola una frittata di pane.
L’osservo curiosa. Assaggio ed un bacio sulla guancia divenne d’obbligo.
Un piatto semplice, comune nella sua famiglia, decisamente assente nella mia.

Così quando Trentingrana mi chiese di fare una ricetta col profumo del Trentino, ho pensato a quella frittata e l’ho resa più blogger inside 🙂 ponendola in una cocottina.
Sulla via per casa comprai del pane di segale e dal colore direi anche di melassa.
Col pelapatate ricavai delle scaglie ampie di Trentingrana.

Et voilà.
La cottura in forno fece il resto della magia.

Cocotte di frittata

Ingredienti per due persone

2 fette di pane di segale
alcune scaglie di Trentingrana DOP
3 uova
sale, pepe

Porre sul fondo delle cocotte (o cocottine) parte delle fette di pane di segale.
Io ho schiacciato prima le cocotte sulla fetta per definire la grandezza di pane che mi serviva per coprire il fondo delle cocotte. Poi ho tagliato il pane col coltello facendolo scorrere lungo l’impronta lasciata.
Sopra il pane ho distribuito le scaglie di Trentingrana. Per farle ho usato un comune pelapatate.

Ho preriscaldato il fondo a 180°C.
Mentre il forno si scaldava, ho sbattuto le uova col sale, il pepe e la mollica rimasta delle fette di pane di segale. Ovviamente ho tagliato la mollica a pezzettini ed ho lasciato da parte la crosta.

Ho versato il composto di uova e pane nella cocotte.
Ho cotto in forno caldo a 180°C per circa 25 minuti.

Il bello è che si gonfiano durante la cottura e diventano anche molto artistiche.
Lasciar raffreddare un attimo prima di avventarsi sulle cocotte.

 Questa frittata è stata servita per il pranzo della Vigilia di Natale.

3 Comments

  1. pasticciona says

    Le cocotte mi sono giunte dal romano babbo natale, le uova in frigo ci sono sempre, il grana stranamente è presente da natale accanto al mio latteria assieme al pane fatto con il lievito madre : ho tutti gli ingredienti per sperimentare la tua frizzante ricetta

  2. Ciao, eh si davvero una ricetta semplice semplice ma gustosa e che dovremmo provare solo per poter gustrare al meglio tutti gli ingredienti!
    Bacioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *