Menu
comments 3

Nel bel mezzo di un menù autunnale

Periodo intenso, certo non noioso.
Un rapido viaggio di lavoro dietro la porta, un po’ di scadenze sempre di lavoro, la voglia di scrivere sempre al massimo, nel mezzo le mie energie.
Così capita che anche questa settimana, dedico un attimo a segnalare ciò che scrivo altrove.
Io ed Erodoto siamo andati a scoprire il pane dei faraoni, o almeno dell’Egitto antico, sulle pagine del Blog del Pane.
Poi mi sono concessa una lettura particolare del  The Oxford Companion to Beer di Garrett Oliver ed Honest Cooking su E birra sia mi ha lasciato fare.
Infine, tra il sentimentale e l’ironico mi sono messa l’agevole maschera da Gastroscettica su Cibando per parlare di Questi benedetti prodotti tipici.

Ma non mi dimentico del lettore che vuole qualcosa in più. Quel qualcosa in più è l’idea di un menù per una cena tra amici. Amici attori, raffreddati e aspiranti video maker 🙂 …mi sono ritrovata con loro a tavola. Internet si è pure intromesso per qualche voto pro Cristina su I rilassati e la ricerca di filmografie varie. Prima fu Melanie Griffit col suo Pazzi in Alabama, poi qualche contrometraggio del Festival di Venezia e tutto per una battuta su Banderas nelle pubblicità. Son cose che capitano con un Prosecco Colfondo Bele Casel e un Ronchi di Cialla.

Mentre sulla tavola di casa sono apparsi e scomparsi man mano:

Pane cafone fatto con un misto di farina di farro e di kamut
Patè di olive nere e pomodori secchi

Zuppa di carote allo zenzero, ma non solo

Insalata di cavolfiore, adattamento di una ricetta fatte molto di recente
Frittata di topinambur e foglie di carote, beh qui la ricetta te la lascio immaginare

Lebkuchen home made, ma per la ricetta bisogna aspettare un po’
Torta di amaretti e pesche omaggio di una mamma delle invitate

Ed torno alla mia nevrastenica routine di fine novembre in attesa di farmi confortare da qualche tuo commento 🙂

La fotografia del post è presa da Women in European History.

3 Comments

  1. Elena è appassionata dell’Egitto per cui il tuo post sul pane dei faraoni è stato stampato e quando sarà il momento verrà utilizzato dalla piccola scolara per parlarne in classe.. se tu consenti, naturalmente!

  2. rossdibi says

    @Cristina Mi commuovi. Autorizzo Elena di sicura e se serve altro sono a sua disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *