Eventi, Matrimonio
comments 4

Oh, ma ci sposiamo #9: io stata mai qua

La frase è entrata nella storia della mia famiglia.
Correva l’anno 1979, la dolce e ninnina Rossella stava poggiando il suo regale piedino in piazza San Marco. Il motoscafo che il papà aveva noleggiato per l’occasione aveva appena attraccato. La mamma osservava il scena.
Tre anni di impertinenza e trentatrè anni di saggezza. Il papà osservava Venezia del vivo per la prima volta, mentre Rossella aveva da ridere: “Io stata mai qua”….e vi pare il caso di farmi aspettare tanto per arrivare qui, ho ben tre anni 🙂

Ah, quanto ero meravigliosamente egocentrica. L’unico motoscafo della mia vita, la mia Venezia, il papà e la mamma accanto e tanta tanta voglia di avere ancora molto.
Un po’ di faccia tosta se ne è andata, o è stata mascherata, ma ora in questo frastuono di preparativi mi viene da dire più e più volte: “Io stata mai qua”.

Smorfiosetta, eh!
Eppure direi ancora non lo stesso aplomb: “Io stata mai qua”

L’ho pensato quando..

…  a ben 35 anni una proposta di matrimonio sui generis ingenerò emozioni e timori che credevo non miei.
…  compare la paura più grande, ossia quella di ritrovarsi a litigare anche se per anni si è andati d’accordo. Della serie “Ma se ci sposiamo, poi dobbiamo litigare?” 🙂
….nonostante i litigi in famiglia che mi han fatto crescere, incomincio ad apprezzare gli sforzi fatti da quella mamma che parla tanto e da quel papà che sembra portar pazienza per tutto (cane escluso, ovviamente. Quello è il suo più grande alleato)

Ssss parlano le emozioni frammiste ai valori.

L’ho pensato quando..

…quasi quasi apprezzo  il corso prematrimoniale, perché mi ti richiama alla mente le grandi parole della vita. Futuro, amore, comunicare etc. parole dette e ridette, eppure sembrano ancora così ricche. Sembrano ancora covare tutti quei sogni di una bella vita che avevano durante l’adolescenza.

“Io stata mai qua”

Sì, lo penso quando

…compare quel qualcosa di ancestrale che la parola m-a-t-r-i-m-o-n-i-o.  Sì, perchè spunta la voglia di fare veramente qualcosa che guarda oltre, oltre l’accontentarsi e il trasporto emotivo.
… ci son amici buoni che se ne escono con frasi criptiche alla notizia del tuo matrimonio. Sono i più insospettabili, ma amici rimangono anche se l’ego prematrimoniale vorrebbe solo slanci di felicità tutti i giorni e sempre di più 🙂
…ci son amici che mi commuovono con un’email da Dubai dove si scusano per non poter venire, ma mi riempiono di complimenti e concludono con un “dio li fa e poi li accoppia“, che fa sentire così bene…bene ora in questo turbinio di crisi economica, lavoro incerto, giochi di potere, svarioni organizzativi. Insomma, ci sono amici che mi e ci fanno sentire più forti tutto.

“Io stata mai qua”

Vuoi dirmi che nei  tuoi sogni più nascosti tu già sapevi che…

… che organizzare un matrimonio è una roulet russa tra prezzi, capricci, necessità e tradizioni ed un pizzico di pazzia, che non sapevi di avere?
… che la lista degli amici è veramente lunga? Da mamma chioccia io inviterei il mondo, come se se fosse l’ultimo giorno per dire a tutti grazie. Ma il portafoglio ricorda che i giorni potranno essere tanti, tantissimi, ed ognuno con sue necessità e capricci.
… che tu sei tu e lo sposo è lo sposo, quindi doppie esigenze da coordinare? W l’arte della diplomazia a suon di baci.

“Io stata mai qua”

Vuoi dirmi che tu sapevi che…

… il nubendo poteva trasformarsi un pianificatore folle? E aggiungere alla tua meticolosità la sua? Mai visto cose del genere!
… il nubendo poteva…oops scusa, qui c’è la censura. Mi è stato amorevolmente richiesto di parlare solo a nome mio e non di altri. Comunque qui mi sa che faccio bene a sposarlo 🙂

 

 

to be continued

La prossima puntata lunedì 05 marzo 2012 : Oh, ma ci sposiamo #10: e mo’ che dico?

Per le puntate precedenti:
Oh, ma ci sposiamo #1: son cose che succedono 
Oh, ma ci sposiamo #2: come te lo chiedo
Oh, ma ci sposiamo #3: parola in codice “sposa”
Oh, ma ci sposiamo #4: tenere a bada la mamma
Oh, ma ci sposiamo #5: say yes to the dress
Oh, ma ci sposiamo #6: s’ha da fa
Oh, ma ci sposiamo #7: la ninnina
Oh, ma ci sposiamo #8: ed Enzo Miccio?

 

Le immagini del post sono tratte da The Polka Dot Bride, Font Free Endpapere Style me pretty.

4 Comments

  1. pasticciona says

    io stata mai qua…chi poteva mai immaginare che Roma diventasse la Venezia della piccola treenne smorfiosa? Allora eri con i genitori, da ora in poi sarai sempre con Paolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *