Biscotti, Torte
Leave a comment

Biscotti arancia e cardamomo

Il Natale è fatto di biscotti, come sanno bene a casa mia. Ed il Natale si annuncia con le spezie.
Il cardamomo è una spezia di dolci, pacata nel suo carattere, ma ben presente col tono stuzzichevole che sa lasciare. In questi biscotti si mescola all’elegante buccia di arancia. Insieme questi due amici speciali del Natale sanno quasi farti dimenticare la presenza del burro.
La ricetta è stata letta, conservata e quest’anno anche messa in pratica. La sua origine è statunitense, la mia versione è quella comparsa un paio di anni fa sulle pagine della rivista Bon Appetite. Nonostante questo bel passaporto è una ricetta casalinga, facilmente eseguibile…e mangiabile (come tutte le ricette del Dolce Natale 2011).

Non resta che metterla in pratica o quanto meno darle un’occhiata, si spera non troppo disinteressata. Come tutte le lady raffinate è un biscotto che pretende un occhio di riguardo 🙂

Biscotti arancia e cardamomo

170 gr farina
¾ cucchiaino di cardamomo in polvere
¼ cucchiaino di sale
170 gr di burro a temperatura ambiente
75-90 gr di zucchero di canna
la buccia grattugiata di un’arancia (o mandarino)
estratto di vaniglia
½ uovo sbattuto

Mescolo assieme la farina, il cardamomo in polvere ed il sale.
Con lo sbattitore elettrico e le fruste a spirale monto il burro tagliato a pezzetti. L’obiettivo è di ottenere una crema.
Aggiungo gradualmente lo zucchero e lo amalgamo al burro.
Ottenuto un composto omogeneo, unisco la buccia di arancia e l’estratto di vaniglia.
Mescolo e unisco l’uovo.
Poi man mano unisco il mix di farina, cardamomo e sale.
Continuo ad amalgamare con le fronte e alla fine lavoro il tutto rapidamente con le mani.
Avvolgo in pellicola trasparente e lascio riposare in frigo almeno due ore.

Tolgo dal frigo e stendo a pezzi l’impasto col mattarello. Consiglio di non farli troppo fini i biscotti.
Preriscaldo il forno a 180°C.
Intanto, taglio l’impasto con le formine che preferisco.
Faccio cuocere a 180°C per 15 minuti circa.
Lascio raffreddare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *