Pasta
Leave a comment

Quinoa al ravanello nero e tomatillo

Il mercato è un luogo che mi attira sempre. E’ l’unico momento che in città mi fa risentire, anche solo per qualche istante, ancora in campagna. Ancora in contatto con la terra e le stagioni.
E non c’è mercato in grado di stupirmi di più di quello di via S.Teodoro, zona Circo Massimo, qui a Roma (a luglio aprirà solo il sabato fino alle 14). Ne sono una vittima. Spesso mi coglie impreparata, ma cerco di recuperare appena arrivo a casa.
Così sabato scorso, arrivo, faccio il giro di tutte le bancherelle, ma poi rieccomi lì. In quella bancarella che stavolta offre ravanello nero e coriandolo fresco, ma non abbandono a sè neanche il loro aglio, che la volta scorsa comprai fresco.

Arrivata a casa ammiro il tutto e comincio ad impiattare la:

Quinoa al ravanello nero e tomatillo

1 tazza di quinoa
2 tazze di acqua
sale

Cuocio la quinoa col doppio del suo volume di acqua per 15 minuti circa.
Cotta aggiungo un pizzico di sale e faccio riposare qualche minuto.

1 ravenello nero medio
alcune foglie di ravanello
2 fette di ciauscolo
2 tomatilli sciroppati (in realtà 4 spicchi)
50 gr di feta
olio extra vergine d’oliva DOP Garda

Pulisco le verdure e le loro foglie 🙂
Taglio a fettine il ravanello e a listarelle le sue foglie.
Taglio a dadini il ciauscolo, così come a pezzettini i tomatilli (già serviti nel Rapid Aperitiv Moment).
Mescolo il tutto con la feta sbriciolata.
Condisco con l’olio.

Unisco il condimento alla quinoa e servo.
Non ho saputo resistere: ho pasteggiato col latte fresco, une delizia per me.

Alla scoperta del ravanello nero

Scopro arrivata a casa che il ravanello nero è ricco di vitamina C e B. Bisogna distingue tra una varietà estiva bianca internamente, e una varietà lungo con periodo ideale di semina e raccolta l’inverno (da cui anche il suo nomignolo francese di Gros Noir d’Hiver).

Per altre ricette coi ravanelli di tutti i colori, cliccare qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.