Secondi
comments 3

E per finire le foglie di ravanello

Nulla si crea e nulla si distrugge, nonchè nulla si butta via.

Fedele a questo principio, il giorno dopo la quinoa ricca ho pensato bene di sfruttare ancora le foglie di ravanello, anche se oramai un po’ smorte. La tecnica è stata semplice: aprire il frigo, puntare alle verdure comprate al mercato il giorno primo e prendere le uova.

Cosa c’è di più facile e veloce di una frittata? Cosa c’è di meno noioso di una frittata diversa dal solito? Ecco quindi la …

Frittata con le foglie di ravanello

3 uova
latte fresco (1/4 di bicchiere)
1/4 di peperone giallo
la parte verde di un aglio fresco (circa un pollice)
le foglie di 3-4 ravanelli
1 ravanello bianco
1 ravanello rosso

Prima ho lavato le verdure e tagliato a rondelle la parte verde dell’aglio, a dadini la buccia del peperone e a rondelle il ravanello. Inoltre, ho tagliato a striscioline le foglie del ravanello.

Poi ho verso dell’olio extra vergine d’oliva in padella e ho saltato per pochi minuti l’aglio, il peperone ed i ravenelli.

Nel frattempo ho sbattuto le uova. Poi ho unito alle uova il latte e le foglie di ravanello. Ho sbattutto ancora ben bene il tutto.

Ho versato in padella e ho cotto la frittata come il solito.

Risultato? Convincente, variopinto e a prova di Cavia maschile, che ha addirittura molto apprezzato.

3 Comments

  1. Queste ricettine di #sonoalverde catturano proprio la mia attenzione! Proposte sempre utili per una cucina a basso impatto ambientale riducendo gli sprechi

  2. Buonissime le frittate, comunque esse siano preparate a noi sfiziano sempre tantissimo! La bella novità è stata scoprire che le foglie di ravanello possono essere utilizzate, ti confessiamo di averle sempre scartate, ma ci hai aperto una porta e non mancheremo di sperimentare, tra l’altro a Luca piacciono molto i ravanelli, quindi di tanto in tanto li compriamo!
    Un bacione e buona serata
    Sabrina&Luca

  3. Infatti, le foglie di ravanelli non sono da buttare! Le più tenere metto in insalata, le altre vanno nel pesto..
    baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *