Eventi
comments 9

Ambizioni del 2011

Ossia come aprire l’anno con le idee chiare in testa.

L’ottimismo abbonda in questa fase, le idee sono facili da farsi venire. Ogni idea sembra avere un suo teorico valore, sembra rivoluzionare almeno un istante.  Anche razionalizzarle è alquanto agevole. Saranno poi i 365 giorni (già 362) a seguire che decreteranno se questa lista di ambiziosi buoni propositi verrà rispettata. Ossia, saranno quelle ore dedicate al dovere e al piacere a dimostrare se anche io sono capace di mantenere la parola.

Per non fare figuracce ho ridotto l’elenco a 5 punti tra l’essenziale e forse il banale, il detto e ridetto. Ma li scrivo per tenere fede almeno ad uno di questi.

  1. Seguite la passione del cibo e della cucina, evitando però di convogliare tutte le discussioni a questo. Ossia, voglio farmi una cultura enogastronomica, ricordando però che la cultura non è solo quella.
  2. Provare anche un sacco di cose in cucina.  In primis, voglio imparare a fare i lievitati dolci e capire cos’è che rende il mio lievito madre più incline a donarmi pani straordinari, piuttosto che dolci lievitati di uguale successo.
  3. Imparare a scrivere anche off line. Voglio riprendere la penna in mano, riacquistare la mia calligrafia, riscoprire il piacere di scrivere anche senza essere vista.
  4. Osare quando c’è la passione dietro, osare per dire anche a me stessa cosa vorrei veramente. Osare come altra faccia del tentare. Basta lamentarsi della faccia tosta degli altri e basta.
  5. Non smettere di essere curiosa. Non smettere di fare domande e di osservare. Ossia, cambiare qualcosa di me stessa, pur rimanendo “io”, perchè anche a trenta e passa anni si discute ancora con se stessi. Che sia un buon segno?! 🙂

2011: eccomi qua, pronta ed insieme titubante con queste ambizioni.

9 Comments

  1. Brava Rossella!!

    ti posso dire che su 1., 2. e 3. concordo, anzi su parte del 2. (lievitati dolci) nsono disponibile a parlarne, ci vuole un lievito diverso, poco acido e molto attivo.

    Quanto al 4. e al 5. be’ tu prima di un annetto fa non mi conoscevi. Ti posso assicurare che non ci credo nemmeno io ma sono cambiata.
    da timidissima, schiva, timorosa di mettersi in mostra ho acquisito una consapevolezza che non avrei mai immaginato di poter avere e che mi permette di lanciarmi con una faccia tosta che non avevo (vedi quando ho chiesto di aiutare Bottura in cucina da Tricolore).
    Sul punto 5. te lo posso mettere per iscritto, quando si vuole si cambia anche a 50 anni. Ti fidi di me? L’ho fatto. Ci vuole impegno e i risultati alla fine ripagano molto.
    La tua amicizia è preziosa per me e quando vuoi ci vediamo davanti a un tè (di cui tu sai molto più di me) e parliamo.

    Il mio buon proposito per il 2011?
    ci sto pensando ora…. vediamo:

    essere sempre disponibile con gli altri e con me stessa, intendo mentalmente soprattutto.

    Abbracci!!!

  2. Condivido- e come potrebbe essere altrimenti- buona parte di questi propositi 🙂
    Buon 2011 Ross!

  3. Pingback: Tweets that mention Ambizioni del 2011 -- Topsy.com

  4. rossdibi says

    @Daniela Ci credo! C’è chi mi ha conosciuta bene durante l’università che si stupisce di come sia ora. Ed è una gran soddisfazione sentirsi dire da un’amica sempre ammirata per il suo sorriso e la sua socialità che l’ho superata. La cosa più bella è che tutto è successo quasi spontaneamente, anche se non facilmente. Quando questi cambiamenti accadono credo che in realtà si liberi qualcosa di se che c’era già. Ho sempre avuto un bellissimo ricordo della mia fanciulezza ed io fanciulla che parlava, parlava e parlava (e anche un po’ pretendeva, lo ammetto). E ora ci sono momenti in cui mi risento bambina, felice, leggera. Mi sembra di recuperare quello che ero prima dei vari problemi, dei capricci dell’adolescenza e delle ambizioni intelettuali della giovinezza. Come se ogni età avesse un suo perchè e come se questa fosse l’età di coinciliare il tutto o almeno sue parti.

    Per il tè…ti sembra che io dica di no ad un tè 🙂

  5. Ammetto la mia scarsa conoscenza sui tè quindi mi faccio guidare volentieri, scegli tu il luogo adatto.

    🙂

    La mia infanzia non è stata spensierata, lo è molto di più la mia età adulta e che dire? conta quello che si sta vivendo adesso. Il passato è dietro le spalle, con me porto solo le cose belle che mi ha dato e gli insegnamenti che ho tratto da quelle che non sono andate bene, il resto è dimenticato.
    🙂

  6. roberto says

    Di solito io per l’anno nuovo arrivo a malapena ai buoni propositi, tu sei già alle ambizioni, tanto di cappello. Bella lista, se ti può consolare oltre che con quelli dolci io ho seri problemi anche con quelli salati, ma la cucina è passione e vita e come recita un proverbio eschimese, la vita è anche dolore. Ti auguro un fantastico 2011!!
    Roberto

  7. rossdibi says

    @Roberto Ho usato la parola ambizioni per non fermarmi apposta ai propositi, buoni o cattivi. Si fa presto a parlare in teoria, volemo e voglio smuovermi a fare veramente qualcosa.
    Proverbio eschimese?! Beh se a loro i dolci lievitati crescono e a me no, mi arrabbio col fato 🙂
    Auguri per un 2011 pieno di soddisfazioni culinarie e non

  8. ciao Rossella, che bello questo post, semplice e ricchissimo. Io non ti conoscevo prima ne si può dire che ti conosca adesso, però l’impressione che ho su di te è che sei una persona dalle grandi potenzialità e capacità, quindi secondo me le tue cinque ambizioni saranno raggiunte e appaganti.

    In bocca al lupo e mai come adesso : Buon Anno!!!

    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *