Eventi, Senza categoria
comments 2

Visto dagli altri #4

Visto dagli altri questa settimana monopolizzata per molti dal Salone del Gusto e dall’originale #wiandfi deve dare il meglio di sè, soprattutto per chi, come me, si sta perdendo questi eventi. La prima segnalazione, tra le righe, è ad una interessante segnalazione apparsa su Il Friuli 🙂

Ma venendo al dunque, cosa c’è stato di bello questa settimana di goloso e curioso online? Solo tre parole: zenzero, pane, zuppa.

Forse non tutti sanno 🙂 che lo zenzero mi piace, mi piace in zuppa, mi piace nel tè, ma piace anche candito. Ed un blog raffinato di cucina, come La Cucina di Calycanthus, ha voluto spiegare come farsi lo zenzero candito. Ma girovagando è venuto fuori anche il pane allo zenzero di Foto e Fornelli. Nonchè per il Thirsty Thursday è stato suggerito un tè home made a base di mela e zenzero. Direi che lo zenzero rimasto lo posso comunque usare in qualche modo questi giorni.

In tema di pane, lo scorso sabato era il World Bread Day. A parte il mio modesto per originalità, ma ottimo per gusto e consistenza, pane alle olive, segnalo i panetti all’uvetta de La Panificatrice Folle, il pane con mandorle e pepe (sì pepe) di Rossa di Sera, ed il pan carrè dei Labna ricetta sempre utile. Psss se vai su Daydreamer Desserts trovi anche il Pain au Chocolat, che bontà!

Si sta facendo freddo, anzi da qualche parte è già freddo, brrr ecco allora rispuntare le zuppe. Così Cool & Chic riscopre il cuore di cardo, cosa che io devo ancora scoprire, ma conto di farlo presto. Mentre nel mondo English si sta animando la raccolta Soup Sundays, che io ho scoperto attraverso una zuppa giapponese di Kahakai Kitchen. E per ultimo, ma meno invitante, il minestrone asciutto di funghi e patate del sempre raffinato Appunti di gòla, il Vate di molti golosi.

La foto del post questa settimana è stata presa da Amsterdam Art Gallery. Si tratta di “The camomiles and bread” di  Gede Eduard.

2 Comments

  1. Belle segnalazioni. E mi hai fatto tornare in mente i cardi in brodo con polpettine che preparava mia nonna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *