Pane e lievitati
Leave a comment

Pane di kamut e olio d’oliva

Iniziare a parlarne è difficile, perchè ci è piaciuto così tanto a me e alla Cavia che rischio di darti un consiglio molto di parte. E’ tutto incominciato dalla farina di kamut che avevo, c’era anche la solita voglia di fare una ricetta nuova, inoltre la Cavia pretendeva una pagnotta dalla dimensione più idonea per due sole persone. Leggendo un forum di cucina, ho trovato questa ricetta che ci ha letteralmente stregato.
Se ti piace il pane morbido e con sapore piacevole, diverso dal solito, buono e sano e con un ingrediente segreto…leggi e fai questa ricetta.

Pane di Kamut e olio d’oliva

Dosi per una pagnotta di medie dimensioni

150gr di lievito madre rinfrescato da 3-4 ore
300 gr farina di kamut (o anche 250gr di farina di kamut e 50 gr di farina tipo 0)
250gr di acqua
40 gr di olio extra vergine d’oliva (io avevo quello preso a Pitigliano)
1 cucchiaino di miele di marruca
2 cucchiaini di sale

Lavoro insieme il lievito madre con la farina e l’acqua a temperatura ambiente. Quando ho ottenuto un composto omogeneo aggiungo l’olio d’oliva. Questa fase te la consiglio di fare in una ciotola. L’olio richiede un po’ di lavoro per essere assorbito. Ma abbi fiducia si assorbe tutto, basta lavorare la pagnotta. Poi aggiungo il miele e lavoro. Per ultimo unisco il sale. E continuo a lavorare per alcuni minuti. L’impasto risulta morbido e abbastanza elastico.

Copro con un telo da cucina una teglia da plum cake e metto dentro il pane. Copro e lascio lievitare  per una notte. La mattina dopo spruzzo un po’ di acqua e lascio lievitare un altro paio d’ore.

Preriscaldo il forno a 230°C ed intanto metto il pane sulla teglia da forno normale. Spruzzo altra acqua e metto nel forno quando la temperatura desiderata è stata raggiunta. Faccio cuocere per 20 minuti e poi abbasso la temperatura a 200°C. Tolgo dal forno dopo altri 30 minuti circa.

Io ho un forno ventilato e la temperatura è forno sensibile, I suppose 🙂

Se ti domandi che miele ho preso, l’ho trovato ad un mercatino del biologico. Ha un sapore non da miele e leggermente maltato.

Prova e fammi sapere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *