Eventi, Vino
comments 4

Grappa Brunello Day #2: la degustazione

Quattro amici in distilleria e vanno a scoprire (o a confermare?) che oltre l’alcol c’è di più.

Eccoli che escono dalla distilleria dei Fratelli Brunello e si recano alla fase più attesa: la prova sul campo, alias la degustazione.
Seppure i nasi erano già stati sedotti dai fumi alcolici, furono messi alla prova ulteriormente da Paolo Brunello. “Eccovi alcune grappe provate a sentire se le riuscite a distinguere”. E poco dopo oltre il naso è stato messo alla prova il palato.

La degustazione della grappa si evolve nelle classiche quattro fasi.

Fase #1: vista

Occhio deve vedere e vuole la sua parte. Persino due grappe invecchiate, come quelle della foto, differiscono nettamente tra di loro. Una è invecchiata 12 mesi ed una 30 mesi. Entrambe fanno parte della linea La Scura.

Fase #2: olfatto

Snif snif. 4 diversi tipi di grappa come Grappa Bianca, Grappa Frappato di Vittoria, Grappa Gran Riserva e Grappa Moscato Fior D’Arancio.
Tutte grappe, tutto con un profumo decisamente diverso tra di loro. La Fior D’Arancio è stata una sorpresa, nonostante la mia diffidenza data dal nome tra il romantico ed il mieloso. Invece, già solo al naso si coglie la freschezza quasi primaverile dei fiori d’arancio, quasi a voler dar ragione alle elucubrazioni del Petrarca fatte, si sospetta, post bevuta, o bevute, di grappa.

Annusate signori!

Fase #3: gusto

Glu glu. Siamo al momento fatidico.

#1 Grappa Bianca. Fatta a partire da vignacce bianche dona sensazioni di fiori e di frutta a pasta bianca. Non da confondere, a detta dei vigorosi vicentini, con la Grappa Vicentina, dal corpo più robusto. Ci è stato raccontato che questa grappa è stata definita “acqua” da alcuni bevitori di grappa del luogo.

#2 Grappa Rossa. Non è rosso il prodotto finale, ma lo sono le vignacce miste e rosse da cui proviene. Si sentono nettamente i sapori di frutti rossi e rispetto alla prima è più secca e decisa. Molto apprezzata dalla Cavia, mentre io …un attimo di pazienza.

#3 Grappa Frappato di Vittoria. Ecco un vitigno che non conoscevo, tra i tanti. Si parla di vignacce sicule. Vittoria è una località in provincia di Siracusa. Ha un sapore matura questa grappa.

#4 Grappa Riserva. Invecchiamento di almeno 18 mesi alle spalle e con passaggio in legno. Si ottiene dallo stesso tipo di vignacce della Grappa Rossa.

#5 Grappa Moscato Fior D’Arancio. Nonostante il sentore di bucca d’arancia, io ho continuato ad rimanere sbalordita dal fattore fiori d’arancio. Viene tratta da un vitigno del 1300 denominato dal Petrarca “moscato Sirio” e che viene ancora coltivato nella zona dei Colli Euganei sotto il nome di “moscato d’arancio”.

Fase #4: retrogusto

Per questo gioca la parte del padrone il tempo e l’esperienza. Non vedo l’ora di dedicarmi all’assaggio La Scura di 30 mesi davanti un caminetto e sentire sprigionare i sentori di sigaro o ancor meglio gustarmela con un po’ di cioccolata fondente. So che lo voglio fare 🙂

Fase #5: il bicchiere della staffa

Si conclude con un bicchiere serale post cena e post chiacchiere attorno al calcetto e all’Alpino. Per la cronaca, alla disfida interregionale di calcetto ha vinto il Veneto grazie a Davide (StudioCru). Mentre il piemonte ha liquidato il Lazio nella fattispecie della Cavia. E l’Alpino chi è? Non è altro che un fantomatico cocktail a base di grappa, of course, e menta che Fabrizio (Enofaber) ha fatto conoscere, a parole, a tutti, Brunello compresi.

La grappa Gran Riserva ha accompagnato quest’ultima fase di veglia, mentre qualche ultima lucidità permetteva di scambiare chicche attorno al mondo della birra, lambic comprese per la felicità di Tirebouchon 🙂

4 Comments

  1. Pingback: Grappa Brunello Day #2: la degustazione

  2. rossdibi says

    @Enofaber Ed io intanto l’ho visto di persona l’Alpino su un tavolino a Prato della Valle a Padova. Quindi confermo l’esistenza.

  3. Pingback: Tweets that mention Grappa Brunello Day #2: la degustazione -- Topsy.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *