Secondi
comments 7

Frico con le patate

Fa caldo ma c’è del Montasio nel frigo. La Cavia scalpita, chiede “Frico”. La settimana si fa rovente, il lavoro si arrichisce di un’urgenza dietro l’altra. L’urgenza delle dieci di mattina, nel giro di due ore passa già in secondo piano. Arrivo a casa, stravolta. C’è ancora un post da scrivere a mo’ di regalo virtuale di matrimonio. Ma è anche l’ora di aperitivo casalingo a base di Friulano del contadino. Ritorno dalla terrazza allegra, finisco le righe per Il Mondo di Gianni Cosetti, e mi capitombolo in cucina pronta a fare della polenta ed il Frico.

Come ho ampliamente raccontato e documentato sul post del Frico, esistono tante versioni. Qui faccio quella a base di formaggio e patate. La ricetta del Frico con le patate è un adattamento, guarda caso, di quella che compare su Vecchia e Nuova Cucina di Carnia. Ho eliminato la pancetta e ho seguito le istruzioni di Gianni. E’ un primo esperimento sul tema Frico.

Frico con le patate

alias Frìco cun cartufùles

300 gr di Montasio di 6 mesi
4 patate medie
1 cipolla
olio extra vergine d’oliva
sale, pepe
acqua

Ho tagliato a pezzettini le patate spellate e a rondelle la cipolla rossa.

In una padella ho versato dell’olio (max un cucchiaio) e ho fatto soffriggere la cipolla. Ho poi aggiunto le patate, il sale, il pepe ed un mestolo d’acqua. Ho coperto e fatto cuocere a fiamma moderata per circa mezz’ora.

Nel frattempo ho tagliato a pezzettini il formaggio Montasio. Trascorsa la mezz’ora, ho unito il formaggio. Mescolato un po’ il tutto fino ad ottenere un composto vagamente omogeneo. Ho cotto come una fritta, girando dopo un po’ il frico del diametro di circa 20 cm. Questa fase mi ha preso circa 15 minuti.

Cosetti nel libro suggerite le patate tagliate a tocchetti, io ho anche memoria di aver visto delle patate gratuggiate nel frico. Ma la degustazione di Frico è appena cominciata 🙂

7 Comments

  1. Esperimento ben riuscito a quanto pare che bella crosticiana noto sul piatto. Poi formaggio e patate è sempre una soluzione perfetta.
    Buona settimana

  2. Pingback: Frico con le patate

  3. Barbara M says

    Cavoli, mi hai fatto venire una voglia di addentarlo … ed è solo mezzogiorno.
    In effetti è dal post precedente sul frico che mi avevi incuriosito.
    Appena trovo il materiale giusto provo!

    Saluti

  4. Anche mio marito impazzisce per il frico, alla faccia della cucina mediterranea con cui è cresciuto!! W il Friuli 😉 Mandi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *