Eventi
comments 3

7 link da ricordare di questo foodblog

Cosa c’è meglio della lentezza afosa di un fine settimana estivo per lasciarsi trascinare dalla memoria e dal già fatto?

Ecco 7 link a 7 post di questo blog, nato nel dicembre 2007. L’idea dei #7links viene da Problogger, uno dei guru della blogosfera, molto letto forse soprattutto dai blogger e meno dalla gente comune. Ma questa idea merita.

Ecco i 7 link motivati a:

Il mio primo post

Rileggendolo non solo mi emoziono ma anche mi vergogno. Quanta strada ho fatto da allora e quanta c’è da fare per imparare in fatto di cucina e comunicazione online.
Ahimè, la versione attualmente online del primo vero post è illeggibile a causa del cambio di indirizzo, però se vuoi la ricetta dei fantastici Nidi di Marmellata, don’t worry l’ho riproposta recentemente. Perchè questo è un blog che cresce e che cresce migliorandosi a partire da quello che ha già fatto.

Il post che ho scritto divertendomi di  più

Non possono che esserci di mezzo i bi scotti, il mio primo amore in cucina 🙂 Ecco allora che il mio post preferito è quello che racconta il pranzo di beneficienza all’Incannucciata, per cui ho fatto tanti, ma proprio tanti, biscotti. E per te vuol dire, 5 link ad altrettante ricette di biscotti.
Ma non posso dimenticare che questo è un blog costruito attorno alla Cavia e ci siamo pure divertiti a fare la birra in casa, la Paulina al miele 🙂 Raccontata fase per fase fino al risultato finale.

Il post che ha fatto discutere molto

I lettori del blog. I maggiori commenti sono stati raccolti dal post sulla Sala da tè russa di Roma, che ahimè ora risulta aver chiuso i battenti. Però anche il mio primo post sul Cacio & Pepe ha animato la platea 🙂 e così io ho imparato fino a giungere all’orzo Cacio & Pepi. Perchè di Cacio & Pepe ce ne è uno, ma di pepi ce ne è tanti.

Il post che avrei voluto scrivere su un blog altrui

E che ho scritto. Si tratta dell’intervista fatta ad una foodblogger australiana che seguo da anni, tale Winosandfoodies. Si parlava con Winosandfoodies di pranzi/cene che sapessere trasmettere i ricordi accumulati durante le ferie. Scelsi di intervistare Barbara perchè ammiravo ed ammiro la sua energia, il suo stile, il suo imporsi sempre nuove sfide. Nel 2010 Barbara si è buttata pure sulla fotografia: chi la ferma?!

Il post più utile

Più utile? Sono tremendamente indecisa tra il post sulle 41 risorse online sul lievito madre o la lista di 52 foodblogs da scoprire durante il 2010. Credo siano i più utili, perchè vanno oltre le frontiere del mio praticello e cercano di sfruttare tutto quello che offre il web e la fantasia e creatività altrui. Perchè il bello del web è non fermarsi a se stessi,così come il bello del cucinare è fare qualcosa di nuovo partendo da una lista di ingredienti.

Il post col titolo di cui sono più orgogliosa

Qui la scelta è difficile, perchè il mondo web impone degli adattamenti ai titoli per far arrivare i lettori. Un titolo creativo e web friendly, secondo me, è molto diverso da un titolo azzeccatto ad esempio di un libro o di un giornale. Un titolo che combina questi due approcci alla creatività è Guinnes inside, che apre un post sul mondo della Guinness a Dublino. Insomma, se sei stato a Dublino o ti capita di andarci, qui trovi le mie impressioni.

Il post che vorrei fosse più letto

Essendo in una fase di rivisitazione delle mie origini, ci tengo molto a che la mia Regione, quella dove sono nata e vissuta per 26 anni, venga conosciuta meglio. Quindi vorrei fosse letti i post su Facciamoci Live da parte dei blogger friulani e giuliani e da parte dei lettori curiosi i post sul Friuli Venezia Giulia, come quello sul Frico, su cosa vedere a Udine, su Ramandolo, sul Prosciutto di San Daniele e su Gianni Cosetti.

Ed i tuoi post preferiti o che vorresti trovare pure qua, quali sono o sarebbero?

3 Comments

  1. Pingback: 7 link da ricordare di questo foodblog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *