Biscotti, Eventi
comments 11

Pranzo di beneficienza all’Incannucciata

Siamo ahimè al resoconto finale. Raduno le idee e le immagini mentali appena arrivata a casa. La gentilissima Daniela di SenzaPanna mi ha dato un passaggio a me, al trolley privo di moltissimi biscotti e ad un vino preso all’asta, tal Apolonnio Valle Cupa Salento Rosso 2003.

Oltre i beni materiali, più trovati che cercati :), ci sono tante emozioni. Prima la timidezza di arrivare all’Osteria e conoscere tante persone nuove da Dino e Arcangelo all’apertura della porta. “Diamine, ma io li ho visti questi due”. Strette di mani varie da Vigna del Mar a Katia a chi era sempre ai fornelli. Tanti nomi, ed io sono negata per quelli. Ho rivisto con molto piacere il più grande fan di SenzaPanna, un giovanotto da non disdegnare per la sua curiosità, bravura e giovane età. Prima di incominciare  a parlare di qualcosa che possa interessare anche te un messaggio personale per la mia sorellina Fiorella:


“Guarda! Ho usato il tuo grembiule. Grazie del regalo, sei la mia PR preferita” (Sennò quella lì si arrabbia con me :). L’ho cresciuto troppo bene).

Per chi non leggesse sul grembiule c'è scritto: Rossella - Ma che ti sei mangiato

Allora, cosa vuoi sapere? Numeri della giornata? Una 60 ina di persone a pranzo,circa 8.000 euro raccolti per Medici Senza Frontiere tra pranzo e asta di vini. L’asta è stata molto animata, tra rilanci, battute, silenzi imbarazzati di fronti Grande bottiglie, quelle che meriterebbero ma…Nessun ma, si era lì per divertimento, interesse e sopratutto beneficienza, quindi non ci si è mai (o quasi mai) tirati indietro.

Il pranzo era da applausi, ricco e abbondante e Buono. Il tortino di broccoli con cuore di burrata e olio luculliano ha raccolto i primi plausi. Poi è stato il turno della pasta studiata da Dino e Daniela, con pasta fresca e piselli e fave e gunciale. Indovina chi ha capato insieme ai grandi piselli fave? Durante la capatura c’era L’Arcangelo che ricordava che oggi era la pasquetta dei ristoratori a Roma un tempo, mentre Vigna del Mar si vestiva di rosso alle mie spalle. Daniela gestiva i contatti telefonici, Katia ripensava alle sue vacanze solitarie senza l’Oste che non apprezza più il mare 🙂 Insomma, bei momenti per non sentirsi piccina assai fin da subito.

E poi è stata la volta della finta trippa romana, Arcangelo docet, e di uno spettacolare dolce, una sorta di Saint Honorè con creme varie da leccarsi i baffi, non troppo zuccherato come nelle intenzioni della cuoca.

Ah, i miei biscotti (nidi di marmellata, biscotti allo zenzero, biscotti al tè di albicocca e spumante, World Peace Cookies, biscotti per l’asta) sono piaciuti. C’era chi non si fermava nonostante una iniziale indifferenza. Ehehe così sono io. Grande soddisfazione vedere chi non riusciva a fermarsi dal mangiare i biscotti dell’asta, “come se fossero patatine. Così fini, uno tira l’altro” 🙂

Tanti altri dettagli riportati in maniera più professionali li troverai su Scatti di gusto e tante foto su Eventi Live.it.

11 Comments

  1. giulia says

    eheheh, io sono quella che ha definito i tuoi biscotti come patatine, ma non sono stata affatto indifferente, anzi, mi ci sono catapultata!
    Ora vado a scopiazzare qualche tua ricettina 🙂
    Complimenti ancora, e spero di rivederci alla prossima occasione!

  2. Fiorella says

    E brava la mia sorellona produttrice industriale di biscotti!!! 😉
    Guarda che a questo punto, la prossima volta che vengoa trovarti, ti tocca preparmi il necessario per fare una scorpacciata di biscotti (diciamo che è il compenso per la tua PR preferita) ;p

  3. rossdibi says

    Grazie @Giulia. Ovviamente non mi riferivo a te 🙂 Son contenta che ti siano piaciuti, queste sono le mie vere soddisfazioni

    Evviva ! La sorellina @Fiorella ha commentato. Sì, e quando vieni a Roma? Quante volte te l’ho proposto? Cosa devo aspettare che col tuo nuovo lavoro trovi un evasore totale? …Hai visto la foto? Forse ha ragione la Cavia a dire che assomiglio alla bisnonna nella foto degli anni ’40. Diamine, sembro proprio una friulana d’altri tempi, mi manca solo il fazzoletto in testa 🙂

  4. E’ stato un bellissimo pranzo immagino! Un bella soddisfazione vedere chi va a “rotella” con i tuoi biscotti immagino. Ma lo sappiamo che sei super brava!
    AH! Il grembiule con il tuo nome… TROPPO BELLO! BACIO

  5. Giorgio says

    Beh, magnifico resoconto per una magnifica giornata!
    Però vi siete dimenticati quello che secondo me è stato il piatto più convincente di tutti (semmai fosse possibile stilare una classifica della goduria tra tante eccellenze): il cannellone di Franco e Catia, semplicemente eccezionale per aroma e sapore!

  6. rossdibi says

    @Elisa Peccato che non ci fossi. Se vuoi due biscotti sono rimasti.

    @Giorgio Il cannellone meritava veramente, hai ragione. Le immagini della giornata sono talmente tante che ho dovuto fare una difficile selezione, anche perchè l’ora si stava facendo tarda 🙂 Tra l’altro Catia, mentre faceva shopping dall’altra parte di Roma, è stata pubblicamente ringraziata da Dino per la straordinaria disponibilità in tutto, sempre presente, sempre attenta e sempre propositiva. Una superdonna !

  7. Pingback: Il gusto della beneficenza non ha frontiere | scattidigusto.it

  8. grazie Rossella , per la tua disponibilita’ ,ma soprattutto per i tuoi fantastici biscotti, slurp.

    a presto dino

  9. rossdibi says

    @Dino de bellis Mi incornicio il tuo commento. Grazie a te!

  10. Lodi, lodi, lodi.
    Per l’iniziativa e la realizzazione.
    Bravi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *