Eventi
comments 11

Addio Nicea

Ho ricevuto ora la telefonata della mamma, la nonna, pardon Nicea, è morta durante la cena in casa di riposo.

Un saluto alla nonna che non voleva farsi chiamare nonna, che aveva uno dei nomi più originali che abbia mai incontrato (insieme a quello delle sorelle Vienda e Valdina), che mi pasticciò un disegno su Il Giornalino, che mi portava a scuola sulla bicicletta azzurra, che cucinava dei panettoni durissimi, che mangiava il latte caldo col pane dentro che odiavo, che veniva da Coseanetto e non Coseano, che era la nonna comunque…anche se non sapeva che ero a Roma da anni, anche se non sapeva della Cavia, anche se eravamo perse nei silenzi friulani tanto carichi di amore che non vuole palesarsi ma solo essere.

Volevo rivederti ma ho aspettato troppo. Ogni volta che avrò paura del dolore penserò a quanto male dicevi di aver provato dal dentista, mentre io sedicenne partivo per l’ospedale di Brescia. Ti voglio bene!

Salutami il nonno Bepi e non litigate troppo 🙂

Mandi.

Foto della Chiesa di San Bartolomeo di Coseano, presa da http://www.flickr.com/photos/jeancarlolecoq/4486568268/

11 Comments

  1. Avevo letto su tweeter e sono venuta a veder qui cosa ti stava capitando. mi dispiace moltissimo, ti abbraccio forte. I ricordi che hai condiviso con noi me l’hanno davvero dipinta camoe una persona speciale.

  2. rossdibi says

    @Jas @Elisa grazie
    @Elisa speciale ed un po’ rompi 🙂 Ora però ricordo solo la parte da nonna, anche se mia madre ne ha passate per lei. Anche se ora vorrei sentire mio padre, ancora desaparecido al telefono. Era sua madre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *