Biscotti, Eventi
comments 7

Biscotti per gli ospiti #1: Nidi di Marmellata

Biscotti ed ospiti

Biscotti e ospiti? E’ il mio modo di ricordare a chi sarà a Roma il 6 aprile 2010 che all’Antica Osteria l’Incannucciata ci sarà un pranzo a favore di Medici Senza Frontiere. Io contribuirò semplicemente, preparando un sacchetto di biscotti per ognuno dei 90 presenti e qualche altro biscotto per chi presenzierà all’asta di vini.
Per chi è interessato al pranzo i dettagli sono qua.
Per chi è interessato ai biscotti, beh continui a leggere.

Nidi di marmellata

Quali saranno i tipi di biscotti? Se mi segui per almeno 5 giorni lo saprai.

Incominciamo col primo. E’ un mio cavallo di battaglia. Forse IL mio cavallo di battaglia.
Correva l’anno 1997 o 1998 quando mia madre intorno ai dodici anni mi lasciò la cucina solo per me. Andò a fare la siesta pomeridiana sperano di trovare la cucina intera al ritorno. Io dissi, col libro della Cameo in mano, farò i biscotti. Lei, stoica Ivetta, disse:”Ti avverto, i biscotti non sono facili da fare. Non ti arrabbiare poi se non vengono bene”.
Ed ecco da come cominciò il successo dei Nidi di Marmellata. Fin dalla prima volta. Con questi biscotti ho conosciuto la mia Cavia, con questi ho fatto amicizia con le Coquinarie, con questi so cosa fare quando viene Laura di Palermo a trovarmi, con questi ho cenato con Daniela e ho ammaliato Giulia sabato (mentre la sorella gemella Mirella cercava di placarla).
Unico mio avvertimento: la pasta a volte non si assembla velocemente. Quindi, può succedere che la pazienza serva.

Nidi di marmellata

250gr di farina
3g (un cucchiaino di tè raso) di lievito
100 gr di zucchero
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di essenza di mandorla
1 tuorlo
150 gr di burro
marmellata

Mescola farina e lievito. Unisci lo zucchero, l’aroma di vaniglia ed il sale. Mescola. Aggiunge l’aroma alla mandorla ed il tuorlo. Amalgama il tutto. Aggiungi man mano i burro tagliato a pezzettini.
Lavora l’impasto fino ad ottenere una palla compatta. A questo punto puoi metterlo in frigorifero per almeno un’ora. Resiste comunque dei giorni.

Per ottenere i biscotti procedi come per gli gnocchi: forma dei rotolini grossi come un dito e tagliali a pezzettini. O stacca un pezzetto di impasto e lavoraro.
Ogni pezzettino lavoralo con le mani per ottenere una pallina (grandezza di un chicco d’uva o di una ciliegia, come preferisci). Disponi le palline sulla placca del forno (imburrata e infarinata o usa la carta da forno). Su ogni pallina pratica con la fialetta di aroma un piccolo avvallamento e metti dentro la marmellata aiutandoti con due cucchiaini.

Tempo di cottura circa 15 min in forno preriscaldato a 200°C.
Controlla sempre la cottura, non devono scurirsi troppo.

Varianti possibili sono:
– di aggiungere anche della cannella. Serena, un’amica archeologa, me lo ha suggerito.
– di usare dello zucchero di canna, in parte. Con tale aggiunta i biscotti risulteranno più scuri.

7 Comments

  1. @Daniela Grazie
    Nella foto ci sono i biscotti fatti con lo zucchero di canna (non tutto)

  2. Pingback: Biscotti per gli ospiti #2: Biscotti con tè con Albicocca e Spumante « Ma che ti sei mangiato…

  3. Pingback: Biscotti per gli ospiti #3: Biscotti allo zenzero « Ma che ti sei mangiato…

  4. Pingback: Biscotti per gli ospiti #4: World Peace Cookies « Ma che ti sei mangiato…

  5. Pingback: Biscotti per gli ospiti #5: Biscotti da asta « Ma che ti sei mangiato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *