Secondi
comments 5

Insalata di agrumi per cena?

Quando si ha fretta si può fare quasi tutto. Persino seguire la proposta del New York Times di un’insalata di agrumi che mescola colori, varietà e sapori.
Ce l’avete mezzo pompelmo rosa? E un’arancia? Poi sicuramente avrete una clementina.
Se avete degli avanzi di finocchio, prendetelo. Io avevo anche poco radicchio rosso.
Per l’idea del finocchio devo pubblicamente ringraziare Loste che mi commentato in tal senso su FriendFeed.
Ho spelato delicatamente i vari agrumi, togliendo con le mani la buccia e li ho tagliati a fette rotonde. Meno male avevo un coltellino alquanto affilato ed ideale per questo (ideale senza che lui lo sapesse). Mentre il finocchio l’ho tagliuzzato prima a rondelle e poi a listarelle. Mentre il radicchio rosso l’ho tagliato a striscioline. Ho tagliato a rondelle anche del porro rimasto dalla zuppa di alcuni giorni addietro. Avevo la parte bianca-verde e ho usato quella, circa 5 cm.
Ho messo il tutto assieme aggiungendo sale, pepe, olio extra vergine di oliva, aceto e un cucchiaino di miele. Dimenticavo, ci sta bene anche una spruzzatina di succo di limone.
Et voilà, mescolo e l’insalata è pronta.

La Cavia ha approvato. Ha persino subito abbandonato lo scettiscismo iniziale. La contrapposizione di sapori è stata gradita.
In tavola ho poi presentato una costata di fiorentina cotta semplicemente sulla brace senza sale e senza aggiunta alcuna. E c’erano anche dei crostini di pane casereccio fatti sul momento, passando il pane con un po’ di olio nel forno per pochi minuti.

5 Comments

  1. Mi piace moltissimo questo accostamenti di frutta e verura, di solito faccio il finocchiocon le arance…quindi se aggiungiamo gli altri agrumi sarà ancora più buono!!!

  2. che bontà anch’io mangio sempre finocchio e arance e a volte metto anche il radicchio rosso… che bello questo blog!

  3. Ciao Rossella, sempre bellissime le tue presentazioni!
    Da buon siciliano, l’insalata “Originale” di agrumi, prevede l’uso solo di arance, finocchi, cipollotti scalogni(da noi si chiamano così, sono semplicemente i cipollotti lunghi, tipo porri per capirci) sale, pepe, olio(l’aceto noi non lo mettiamo, ma una spruzzata ci sta tutta)e infine il tocco finale, l’aringa affumicata. E’ questa insalata qui normalmente la puoi trovare in tante trattorie tipiche della regione, con qualche variante, ma sempre con questi ingredienti!

  4. Ciao a tutti,
    le aringhe? Devo veramente provarla. Ahimè in Sicilia ci son stata solo pochi giorni e per un convegno, quindi la conosco di sfuggita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *