Antipasti, Contorni, Secondi, Vino
comments 8

Polpo e Astraio

Cos’è l’Astraio?
Dove hai trovato l’Astraio?
Perché è finito nel titolo?
Ed il  polpo che c’entra?
Calma, calma. Come tutte le avventure devo pur creare un po’ atmosfera per assaporarla meglio.
La scorsa settimana di ritorno da un lunga, ma fruttuosa, giornata di lavoro, la Cavia mi accoglie a casa chiedendomi: “Ma ti aspettavi un pacco con del vino?”
“…..Sì, è quello dei Zonin, della loro mailing list”
Infatti mesi prima mi ero iscritta alla loro mailing list per appassionati di vino e cibi con la speranza di poter assaggiare uno dei loro vini. Andate a scoprirne di più su Wine is love
Per le caratteristiche tecniche del vino ecco online la scheda dell’Astraio
Da appassionata di cibo ho aspettato di avere del tempo libero e mi sono buttata a cercare ricette col pesce per meglio apprezzare tale vino. Volevo ringraziare la sorte e Francesco Zonin della bellissima sorpresa, quindi dato che nella vita nulla viene regalato ho cercato di meritarmi il “premio”.
Dopotutto essendo friulana trapiantata a Roma, Zonin è un nome ben presente in testa, un nome che ti capita di notare lungo le strade del Friuli, appunto.
Ecco allora il menù con cui ho viziato la Cavia e la sorte:

***********************

MENU per ASTRAIO

Gazpacho di Melone

Polpo al vino

Pomodori, olive, feta

Macedonia di mango e ribes

**********************

Per il Gazpacho di Melone devo ringraziare il genio de Il Cavoletto di Bruxelles . Io l’ho servito come un antipasto.

GAZPACHO DI MELONE
gazpacho melone
Ingredienti per 2 persone
¾ di melone
2 cucchiai di mandorle tritate
1 pugnetto di pane raffermo
Pochissimo aglio (sennò vi chiameranno Miss Gazpacia)
La punta di una foglia di basilico
Olio extra vergine d’oliva

Col tritatutto, tritare la polpa di melone  (senza semi), le mandorle, il pane raffermo, l’aglio ed il basilico. Unire un po’ d’olio d’oliva e et voilà.

Mi ha stupito nell’idea e nella realizzazione questa ricetta.
POLPO AL VINO
polpo

Ingredienti per 2 persone

500 gr di polpo intero pulito
1 bicchiere di vino bianco (nel mio caso, indovinate…Astraio)
Un terzo di bicchiere di olio extra vergine d’oliva
1 fogli d’alloro
Tagliate in tre parti i tentacoli del polpo ed in quattro la “testa”.
Mettente in padella e fate cuocere per 5 minuti. Dacchè eliminate l’acqua salatissima che il polpo rilascia.
Unire il vino e cuocete, assieme alla foglia d’alloro, per circa 30 minuti. Se il vino non basta, aggiungetene un po’.
Infine, aggiungere l’olio e lasciar cuocere per 5 minuti.
Risultato: ECCEZIONALE ! Mi sono detta brava, anzi bravissima, da sola al primo boccone.
POMODORI, OLIVE, FETA
Fate un’insalata sempre in tema mediterraneo con:
pomodorini tagliati in quarti o ottavi
olive nere
un frigitello tagliato a listarelle
feta a dadini
olio extra vergine d’oliva
Pepe
Questa insalata è molto piaciuta e mi è stato chiesto già un bis il giorno dopo.
Infine una MACEDONIA DI MANGO E RIBES a cui avevo aggiunto il succo di un pompelmo rosa.
Il vino si è abbinato in maniera eccelsa col polpo. Il gusto perdurava in bocca, con grande piacere de la Cavia.
L’ho abbiamo assaggiato persino il giorno dopo con ….ah, ma questa è un’altra storia. Aspettate un attimo. Posso solo anticipare che lo abbiamo assaggiato anche con della carne, ossia col suo abbinamento non ideale. Ma il risultato è stato ottimo comunque. Con la carne ho notato altre delle caratteristiche del vino. Il gusto era quasi rinvigorito.

8 Comments

  1. Ma lo sai che non sapevo mica che viognier fosse coltivato in Italia! Sono curiosa.

    Grazie per il bel blog. 🙂

  2. rossdibi says

    @nan
    provalo. Contatta Francesco Zonin, sono sicura ti saprà dire molte cose sul vino e anche dove lo puoi trovare.

    Bellissimo anche il tuo sito, tutto su Venezia. Bello come una cittò e l’Italia ti abbiano stregato.

  3. rossdibi says

    @francesco
    grazie per essere passato di qua. il vino ci è veramente piaciuto, a me il doppio dato che mi ha reso “creativa” in cucina

  4. Pingback: Wine is love - Il blog di Francesco Zonin » Blog Archive » Torniamo in Maremma: i vostri commenti sull’Astraio

  5. Pingback: Vivere, cucinare e sedurre (o quasi) - Amore Seduzione

  6. Pingback: i migliori blog di cucina » Blog Archive » Polpo al vino rosso luculliano

  7. Pingback: Polpo al vino rosso luculliano « Ma che ti sei mangiato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *