Canada, Viaggi
comments 2

Good Friday: ricetta del salmone

Cara Cavia,

ti scrivo, ancora da Ottawa. I giorni si susseguono tra lavoro e città.

Tendo ad essere un po’ pigra, lo ammetto. Ma da domani la mia vita sociale fuori dall’ufficio si attiva: andrò al cinema con un gruppo di persone di Ottawa. Mentre a Pasqua, a conferma della grande ospitalità dei locali, sarò a pranzo di una famiglia italo-canadese. Per ora ho conosciuto oltre che per telefono anche di persona la “mamma” della famiglia: una giovanile 60enne che allieta i giorni della pensione andando alla scuola superiore.

Qui in Canada è festa il Good Friday, ossia il Venerdì Santo, mentre a Pasquetta ahimè si lavora.

Ricomincio a scrivere di cibo proprio partendo dal Good Friday. Una bella giornata di sole, senza neve (c’è stata mercoledì). La ricetta, avviso, è semplicissima ma mi dispiaceva abbandonare il mondo delle ricette.

L’alimentazione qui per ora è molto più sana ed equilibrata di quella che ho in Italia. In generale faccio uno stile di vita sanissimo. Cammino un sacco: vado al lavoro a piedi (circa 30 minuti per arrivare) e vado in centro, pardon downtown, a pieni (pochissimi minuti). Per ora i mezzi pubblici di Ottawa non mi hanno visto se non allo sportello per acquistare alcuni biglietti di scorta.

L’alimentazione, come accennavo, è sanissima. Niente di complicato e tante verdure. Incredibile. Spesso però i pomodori vengono dal Messico e i kumquats dagli Stati Uniti (Florida), ma mi sto informato su una dieta più a kilometro zero o come dicono qui 100miles diet.

 

Allora ecco la ricetta del pranzo del Good Friday:

 

SALMONE DEL PACIFICO CON ZUCCHINE

 

 

 

1 trancio di salmone dell’Atlantico da circa 140 gr

1 zucchina

porro

1 fettina di brie

 

Tagliare a listarelle il porro. Saltarlo in padella con poco olio (se come me lo dovete evitare). Aggiungere la zucchjna tagliata a dadini e cuocere a fuoco basso o medio per un po’ di minuti. Scaldare nella stessa padella il salmone e cuocerlo 3-5 minuti per parte. Verso la fine appoggiare la fetta di brie sopra il salmone per farla ammorbidire.

Servire e mangiare.

 

E’ stato un’ottimo pranzo solitario, che ha preceduto un giro interessante per Ottawa di cui saprete di più nei prossimi post.

2 Comments

  1. E’ entusiasmente il tuo piatto canadese nell asua semplicità. Da provare al più presto!

  2. rossdibi says

    Son contenta che piaccia nonostante la sua banalità.
    Son anche contenta perchè son capace di cucinare anche solo per me stessa, in attesa di avere degli amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *