Dolci al cucchiaio, Menu, Pasta
comments 5

Fettuccine al cacao: il tema di un menù romantico

Ci sono momenti in cui anche una donna libera del 2000 sente l’esigenza di dedicarsi alla casa. E ci sono momenti in cui una Cavia abbandona la cuoca per andarsene in montagna a fare trekking.

Così sabato scorso, mentre la Cavia baldanzosamente passeggiava verso il l ago La Duchessa, la sottoscritta scopriva il mercato di via Andrea Doria insieme ad una combricola giovane ma gaudente di tedeschi, francesi e svizzeri. Poi, dopo un rapido e scontato acquisto in libreria, correva a preparare i cibi per la serata romantica. Concedendosi anche un attimo di relax pomeridiano per  ulteriori acquisti per abbellire la serata.

E … le avessero detto che l’Italia giocava a Sofia, sarebbe stata più felice.

Ma la felicità è di chi la cerca, e io modestamente la cerco … in tavola.

 

Così sabato sera tra i goal, che non ci sono stati, qualche richiamo della giungla dal divano “Vuoi che ti aiuti?”, tanto buon cuore non fare alzare lo sportivo, ho offerto alla Cavia:

 

*************

ANTIPASTO

Uva fragola

 

PRIMO

Fettuccine al cacao con ragù profumato alla cannella

 

DOLCE
Mousse di fragole di Terracina

 

*************

 

L’uva fragola è stata una decisione dell’ultimo momento, in risposta alla desolazione della Cavia che giorni addietro aveva notato come fosse scomparsa dai negozi. Mentre le fettuccine, le mie prime fettuccine fatte in casa, sono state scelte dopo attenta meditazione, avendo in mente la voglia di stupire. E come il solito devo ringraziare il forum  Coquinaria. .

Infine, la mousse è opera di   Luisa di Ricette-facili.net   e del banco della frutta del mercato romano.

 

Tutta questa dedizione alla causa, cena, è anche dovuta allo straordinario regalo inaspettato che mi ha fatto la Cavia: una macchina per stendere la pasta. Grazie Cavia !

 

Partendo con le ricette:

Servire in maniera elegante l’uva fragola.

 

 

Poi:

FETTUCCINE AL CACAO CON RAGÙ PROFUMATO ALLA CANNELLA

Ingredienti per ben più di due persone, ma sono buono anche il giorno dopo saltate in padella

 

 

Pasta

300 gr di farina 00

3 uova (biologiche)

3 cucchiai di cacao

Un pizzico di sale

Acqua se serve

 

Ragù

300 gr di spalla di maiale tritata

2 dl di acqua calda

2-3 cucchiaini di cannella

40 gr di burro

Sale

Pepe

 

 

Per la  Pasta, mescolate la farina ed il cacao. Unite le uova ed il sale. Lavorare per alcuni minuti fino ad ottenere un composto compatto e liscio. In caso di necessità, aiutatevi con poca acqua. Lasciate un’ora la pasta in frigo.

Successivamente, dividete la palla di pasta in quattro parti. Incominciatela a stendere con la macchina della pasta, partendo dall’ampiezza maggiore. Poi piegatela e libro e ripassatela nella macchina. Scendete di una tacchetta di grossezza. Continuare fino a raggiungere la grossezza desiderata (io ho optato per la più fine). Infine passatela rapidamente nel rullo delle tagliatelle.

Cuocetele in acqua leggermente salata. Scolate al dente e fatele saltare pochi istante col ragù caldo.

 

Per il Ragù, fate sciogliere il burro nella pentola. Unire la carne facendola rosolare alcuni minuti. Aggiungere la cannella, il sale ed il pepe. Per ultimo unire l’acqua calda e lasciate cuocere a fuoco moderato per 45 min.

 

 

MOUSSE DI FRAGOLE DI TERRACINA

Vanno bene anche fragole normali, sono di Terracina perché le mie provenivano da lì.

 

 

Circa 300 gr di fragole

50 gr di zucchero

1 cucchiaio di succo di limone

125 gr di panna

 

Pulite e tagliate in quattro le fragole. Mescolate le fragole con lo zucchero ed infine il succo di limone. Passate al forno a microonde a 700 K per 1-2 minuti. Schiacciate con una forchetta le fragole. Fate raffreddare il tutto, anche ponendo il contenitore in frigo.

Intanto montate la panna. Unite alle fragole, raffredate, la panna. Lasciate in frigo almeno 2 ore, meglio se direttamente nelle coppette.

 

Il risultato? Tutto molto apprezzato, nonostante uno sguardo attonito della Cavia quando ha visto la palla di pasta marroncina. Che simpatico ! Poi ha mangiato tutto. La mousse è stata fin troppo gradita, rischia di essere un altro caso di dipendenza come il semifreddo al cioccolato bianco . Ha concluso la cena dicendo “Questo è buono anche domani a colazione”. Chi commenta questo?

 

5 Comments

  1. Pingback: Vivere, cucinare e sedurre (o quasi) - Amore Seduzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *