Antipasti
comments 5

Happy Birthday “Cavia” – antipasti

Ve lo avevo promesso, eccovi il menù per la festa di compleanno della mia Cavia preferita, alias Paolo.

A Roma non posso che cucinare. I lavori sono cominciati una settimana prima tra la scelta del menù e la divisione della spesa tra supermercati, mercati e discounts (lo ammetto). C’era anche la necessità di soddisfare vegetariani e non, amanti del formaggio e non. Insomma venire incontro al gusto di 21 persone, per il gusto della precisione di una statistica.

Il ritardo di una settimana dei festeggiamenti non ha influito positivamente sul numero dei presenti, ma una cena, seppur in piedi, sul tetto-terrazzo di via Giulia è comunque un forte richiamo.

Ecco il menù:

ANTIPASTI

Cantucci salati

Patè di olive e mandorle

Patè di tonno

Tatziki (tradizionale)

Tatziki con le rape rosse

Rotolini di salmone, rughetta (rucola) e ricotta

Pane integrale casalingo

*********

PRIMI

Paella di carne

Insalata fredda di lenticchie, pomodoro e cipolla rossa

**********

SECONDI

Plumcake salato

Strudel salato con speck, Asiago e mela

Frittata di patate e sedano

Verdure in agrodolce

**********

DOLCI

Tiramisù

Macedonia di melone, kiwi e pesca rossa

C’è qualcuno che vuole le ricette? Per oggi eccovi le ricette degli antipasti.

In ordine:

Cantucci salati, andate qua . Ahimè stavolta avevo solo 60 gr di pinoli

Patè di olive e mandorle, andate qua . Oramai con le dosi vado ad occhi

PATÈ DI TONNO

Vi avverto questa è una versione light e veloce, nata dalla mano esperta di mia madre e che si è evoluta negli anni

Ingredienti:

2 patate medie

1 scatola di tonno naturale

Olio

Olive verdi snocciolate

Capperi

Cipolline (in origine, ora non le aggiungo più)

Pasta di acciughe

Lessare le patate. Spellarle e schiacciarle con una forchetta o usate lo schiacciapatate. Sgocciolare il tonno e schiacciarlo con le patate. E’una questione di pazienza, ci vuole un po’ di tempo perché si amalgamino. Non so dirvi se esistono metodi meccanici per farlo più velocemente. Unire le olive tagliate a fettine ed i capperi. Mescolare la pasta di acciughe ed infine l’olio. Io lo conservo in un contenitori coperto con carta alluminio. Deve riposare almeno un po’ di ore in frigo.

Si serve spalmato sul pane.

TATZIKI (TRADIZIONALE)

Ingredienti:

150 gr crema di yogurt greco (o solo yogurt greco)

1 cetriolo grande

Sale

Aglio (secondo i vostri gusti)

Aneto (o andate in Germania, come me, e prendetevi l’insaporitore per tatziki)

Olio d’oliva

Una goccia di aceto di vino bianco (o rosso, io avevo solo quello)

Sbucciate e affettate sottilmente il cetriolo. Ponetelo in un piatto con tanto sale affinché perda la propria acqua. Dopo 30-60 min scolatelo e sciacquatelo. Tagliuzzatelo, potete usare anche il mixer come ho fatto io sabato. Unite il cetriolo allo yogurt, regolate di sale. Unire l’aglio sminuzzato, l’aneto, un po’ di olio e l’aceto. Servire dopo almeno un’ora.

Devo ringraziare Concetta per la scoperta del ristorante greco e per aver accettato il provare il mio primo tatziki.

TATZIKI CON LE RAPE ROSSE

Ingredienti:

150 gr crema di yogurt greco (o solo yogurt greco)

1-2 rape rosse già lessate

Sale

Aglio (secondo i vostri gusti, ne ho usato pochissimo per questa versione dello tatziki

Aneto (o andate in Germania, come me, e prendetevi l’insaporitore per tatziki)

Olio d’oliva

Una goccia di aceto di vino rosso

Il procedimento, non complicato, è quello dello tatziki tradizionale. Basta però tagliuzzare la rapa e unirla agli altri ingredienti. Il risultato finale è più dolce del solite.

L’idea di mi è venuta guardando il Tg2. Cosa pensate? Niente di speciale, era una proposta dentro la sezione Eat Parade.

ROTOLINI DI SALMONE, RUGHETTA (RUCOLA) E RICOTTA

Ingredienti per una ventini di rotolini:

1 confezione di pane per tramezzini

150 gr di ricotta

Rughetta (a Roma), Rucola (nel resto d’Italia)

Salmone affettato pronto per l’uso

Preparate la sera prima questo antipasto.

Affiancate dove fette di pane, devono accavallarsi un po’ sul lato lungo. Schiacciare il pane con un matterello. Distribuirci sopra la ricotta, le foglie di rughetta e le fette di salmone. Arrotolare il pane sul lato corto. Avvolgere in carta stagnola stringendo bene. Lasciare in frigo una notta. Infine, tagliare a fettine. La ricetta viene dalla mia frequentazione di Coquinaria.

Pane integrale casalingo, andate qua . Stavolta ho diviso il composto in due, usando i contenitori in alluminio da plumcake

5 Comments

  1. Pingback: I menù del 2008 « Ma che ti sei mangiato…

  2. Pingback: Buon compleanno Cavia 2009 – Menu « Ma che ti sei mangiato…

  3. Pingback: Voga Girls Menu « Ma che ti sei mangiato…

  4. Pingback: i migliori blog di cucina » Blog Archive » Voga Girls Menu

  5. Pingback: 3 ricette con le rape rosse « Ma che ti sei mangiato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *