Menu, Riso, Secondi, Torte salate
comments 4

Happy Birthday “Cavia” – primi e secondi

Volete ancora le altre ricette? Ma siete propri ingordi.

Dopo gli antipasti ecco, nell’ordine del menù, le ricette dei due primi. Due perché c’erano anche i vegetariani da soddisfare.

E dato che per ora so solo fare la Paella di carne e non quella di pesce ho raddoppiato lo sforzo.

PAELLA DI CARNE

Ingredienti:

400gr di riso Basmati

700gr di pollo tagliato a pezzi (petti di pollo)

400gr di coniglio a pezzi (io non l’ho mai aggiunto per una questione di non disponibilità)

200gr di polpa di maiale a dadi

200gr di fagiolini

100gr piselli

100gr ceci lessati

150gr pomodoro fresco a dadini

Cipolla

Aglio

Peperone rosso dolce

1 litro di brodo di pollo (dado)

150gr olio d’oliva (io meno)

2 bustine di zafferano (1)

1 cucchiaino di paprika dolce

2 foglie di alloro (grazie Mamma)

Sale

Scaldare l’olio nel wok (ho solo quello) e far rosolare lentamente il coniglio. Quando ha preso colore spostarlo ai bordi della padella dove il calore è meno forte e mettere al centro i pezzi di pollo. Rosolare il pollo, spostarlo ai bordi della padella e al centro metterci il maiale.

Quando tutte le carni sono ben rosolate unire cipolla, aglio e peperone. Mescolare e fare ben appassire le verdure prima di aggiungerci il pomodoro e l’alloro.

Salare e rialzare la fiamma. Dopo pochi minuti aggiungere il brodo caldo, lo zafferano e la paprika e far bollire per 5-6 minuti.

Unire i fagiolini, i piselli, i ceci, mescolare e versare il riso a pioggia. Scuotere la padella e proseguire la cottura a fuoco allegro per 15 minuti senza assolutamente mai mescolare. Nel caso aggiungere un mestolo di brodo.

Alla fine il riso sarà cotto al dente e i chicchi asciutti e sciolti e sul fondo della padella si sarà formata una crosticina un po’ bruciacchiata. Deve essere fatta così.

Far raffredare la paella. A me è sembrata più buona fredda che calda, per questo l’ho preparata nel pomeriggio e servita la sera senza riscaldarla. Dato che ho abbondato con le dosi ahimè i sapori si sono persi: la pentola non era abbastanza capiente per contenere tutto il brodo.

La ricetta è quella della Paella valenciana alla Antonio Diaz Lavajen (chef equadoregno con ristorante a Roma) che ho trovato sul Gambero Rosso.

INSALATA DI LENTICCHIE ROSSE

Ingredienti:

250 gr di lenticchie rosse (rimaste da Capodanno). Non servono quelle rosse rosse. Avevo una varietà umbra chiamata lenticchie rosse, in realtà marroncine

1 cipolla rossa

Pomodorini

Olio

Aceto

Sale e pepe

Senape (per chi la vuole)

Lessate le lenticchie per 25-30 min in acqua leggermente lessata. Scolarle e passatele sotto l’acqua fredda. Tagliare a filo la cipolla rossa (io ne ho usata solo metà e l’ho lasciata un po’ in acqua perché perdesse un po’ di odore) e in quattro i pomodorini. Unire lenticchie, cipolla, pomodorini. Aggiustare di sale, pepe, olio e aceto. Se volete mescolate già la senape o lasciate fare agli ospiti.

Fonte della ricetta uno dei libri che regalava a giugno Sale & Pepe.

Per i secondi eccovi i link, son tutte ricette che vi ho già presentato:

Plumcake salato,

Strudel salato con speck, Asiago e mela

Verdure in agrodolce

Per tutte queste andate qua

Vi raccomando non dimenticate le verdure in agrodolce a metà strada tra il tavolo ed il frigo come ho fatto io !

FRITTATA DI PATATE E SEDANO

Frittata normale con patate a dadini, cipolla, le foglie di sedano tagliuzzate, uova. Una banalità.

Per i dolci ancora un po’ di pazienza

4 Comments

  1. conc says

    nell’ordine ho adorato:

    tzatzichi di rape rosse (pubblicato nel post precedente :O…. spero)

    tzatzichi classico (pubblicato nel post precedente :O…. spero per la seconda volta)

    gli involtini di pane salmone e rucola…. che in puglia è chiamata “ruga” (sempre nel post precedente…. ma erano tutti nella stessa cena e allora….)

    a pari livello con le lenticchie

    pane integrale (oh vabbè le ricette su questo post sono meno rispetto alla grazia della cena ed è tutto… sul post precedente)

    il resto dell’elenco nel prossimo post

  2. Pingback: I menù del 2008 « Ma che ti sei mangiato…

  3. Pingback: Buon compleanno Cavia 2009 – Menu « Ma che ti sei mangiato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *