Riso
comments 3

Un risotto da pigri

A volte mi capita di essere pigra soprattutto se mi tocca mangiare da sola. E’ veramente triste essere senza Cavia accanto. Oh,ma quanto è utile una Cavia (sperando che legga questo post…ovviamente son tutte parole sincere, che vengono direttamente dal cuore).

Allora si diceva, ero a pranzo da sola, la Cavia era dalla mamma…quella lontana parente che abita dall’altra parte della porta di casa sua. Quando si dice andare a vivere da soli ! Altro che noi femminucce che ci allontaniamo da casa per pochi chilometri, nel mio caso si tratta solo di Roma-Udine, anzi Roma-Coseano ridente villaggio nel nord est famoso come “Cosean dal no”, dato che votò nel 1866 “no” al referendum per l’annessione all’Italia.

Ma i risotti non si fanno con la storia…

Allora, ero sola e abbandonata, mi son presa delle patate e del riso e voilà un risotto banale alle patate. Buono, anche se la dolcezza del tutto credo venisse proprio dal vino usato per mantecare il riso: il mio vino preferito per i risotto fruttati ossia un Moscato. La patata non è letteralmente un frutto, ma il vino ci stava bene.

RISOTTO BANALE CON LE PATATE

Ingredienti per una persona, piccola, dolce e abbandonata dalla Cavia

100 gr di riso

1 patata grande

Brodo vegetale

Vino bianco (Moscato)

Scalogno

Tagliare a rondelle lo scalogno e a dadini la patata spellata. Scaldare poco olio in padella e rosolare lo scalogno con le patate. Dopo 5 min di cottura delle patate (aggiungete un po’ di brodo per evitare che lo scalogno si colori), unire il riso. Rosolarlo con un po’ di vino. Infine, aggiungere il brodo e cuocere come un normale risotto.

3 Comments

  1. rossdibi says

    Son contenta che sia stato apprezzato nella sua semplicità anche questo piatto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *