Riso, Vino
comment 1

Un vino … un risotto

A volte capita di leggere il blog di un’amica e scoprire improssivamente che non si è mai assaggiato un vino.
Così tramite Food Vagabond ho scoperto il Barolo. Barolo mumble mumble, ma io non lo sconosco oltre il nome. Allora son tornata a casa facendo un salto in enoteca, partendo anche da quanto letto online ovviamente. Tramite Google avevo con me la ricetta del Risotto al Barolo, per una volta presa da Gennarino e non da Coquinaria.Quella sera imperversava in tv il derby, ma il mio buon animo mi ha fatto fare lo stesso il risotto da offrire all’affamato nell’intervallo. Ho calcolato perfettamente i tempi (meno male che lui è arrivato qualche minuto dopo).

Ed ecco il:

RISOTTO AL BAROLO
Ingredienti per due persone, una affamata e curiosa l’altra solo affamata

risotto-al-barolo-2.jpg

Un quarto di cipolla rossa (perché avevo quella da finire)
150 g Riso (in realtà ad occhio)
Brodo di carne (ahimè solo brodo vegetale fatto leggero)
Olio extravergine di oliva
Burro
Parmigiano grattugiato (in realtà un po’ di pecorino rimasto da Cacio & Pepe)
Barolo

Affettare la cipolla finissima e farla rosolare (meglio se metà olio e metà burro, io ho fatto olio e poi un po’ di brodo). Appena diventa morbida e trasparente si butta il riso (tre pugni a testa).Mescolare col cucchiaio di legno finche’ il riso e’ bollente (basta toccarlo col dorso delle dita).
Aggiungere mezzo bicchiere scarso (per due) di Barolo e girare fino a evaporazione quasi completa.Aggiungere due o tre mestolate di brodo bollente, girare un paio di volte e non toccare piu’ fino alla prossima aggiunta di brodo. Continuare con le aggiunte di brodo a due o tre mestoli alla volta.A cottura quasi ultimata, invece del brodo aggiungere un mezzo bicchiere scarso di barolo.Spegnere il gas col riso ancora al dente, che abbia una consistenza “all’onda” (la mia preferita).
Aggiungere il parmigiano e una grossa noce di burro freddo, rimescolando freneticamente per un minuto.Mettere nei piatti, aspettando un paio di minuti prima di servire in modo che il tutto riposi e i sapori si omogeneizzino.

barolo-3.jpg

Il Barolo mi ha incuriosito per il colore ed il sapore. Per la foto, lo so, la prossima volta pulisco meglio il bicchiere.
Il risotto è stato gradito e credo di inserirlo nei miei piatti da cena con gli amici.

barolo-4.jpg

1 Comment

  1. Pingback: Risotto alla Barbera « Ma che ti sei mangiato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *