Pasta
comment 1

La Cavia è tornata da Berlin

Che felicità ! Ieri la Cavia è tornata dal suo viaggio solitario a Berlin. Meno male che avevo segnato tutte le cose interessanti sulla guida. E’ stato bravissimo. Mi ha portato persino un regalino dal Kadewe: del tea.

L’anno scorso al Kadewe era scoppiata una piccola crisi. Arrivati al sesto piano aveva bofonchiato qualcosa di incomprensibile ed era scomparso. Conoscendo il suo senso dell’orientamento e le dimensione del sesto piano (è quello dedicato al cibo) l’ho aspettato lì dove mi aveva abbandonato ossia….che coincidenza, nel reparto del tea. Dopo un venti minuti è ricomparso e mi sono arrabbiata, poco giuro. Lui era andato al bagno (l’ho detto!) e aveva fatto un giro contando di incontrarmi in giro. Vabbè lo perdonai. E’ bello ricevere quest’anno un regalo proprio dall’angolo di Kadewe ampiamente visionato da me.

Per dare il bentornato alla cavia ho fatto una cena ricca per aiutarlo a ritornare alla routine romana. E’ stata anche una cena creata all’ultimo momento e fatta sulla base delle disponibilità di cibo del supermercato aperto alle 20.30, prima ero occupata.

Il menù del bentornato è stato:

formaggio (caciotta di Urbino DOP) e marmellata di cetrioli e basilico (regalatami da mia cugina)

formaggio2.jpg
pasta con pancetta, uvetta, pinoli e marsala
patate sbarazzine, create all’ultimo momento per dare un tocco d’italianità
Super Tennents, birra molto amata dalla Cavia

Volete le ricette?

PASTA CON PANCETTA, UVETTA, PINOLI E MARSALA
Ingredienti per 2 persone affamate

uvetta2.jpguvetta3.jpg

250 gr di pasta tipo farfalle (ma ieri erano ditaloni)
Pancetta
Uvetta sultanina
Pinoli (ieri ce ne erano solo 5, non scherzo)
Marsala

Mentre cuoce l’acqua della pasta, rosolare in padella la pancetta finché si scioglie il grasso. Aggiungere l’uvetta e mezzo bicchiere (fate ad occhio) di Marsala. Cuocere finché il Marsala è stato quasi tutto assorbito. Quando la pasta è cotta al dente unirla al condimento. Mescolare e aggiungere i pinoli. Servire.

PATATE SBARAZZINE
Ingredienti per 2 persone

patate2.jpg

2 patate grandi (ma medie forse va meglio)
Pomodori pelati
Sale
Pepe
Formaggio (io ho usato la caciotta, ma un formaggio fresco va bene credo)
Olio extra vergine di oliva
Ahimé non avevo l’origano sennò lo avrei aggiunto

Tagliare a fettine sottili le patate. Lavarle. Cuocerle 2 minuti al massimo nel forno a microonde. Intanto scaldare in una padella l’olio, aggiungere i pomodori. Unire le patate e mescolare leggermente. Aggiungere sale, pepe. Cuocere mescolando ogni tanto, finchè le patate sono cotte e sono diventate rosse. 5 minuti prima di servire aggiungere il formaggio tagliato a dadini così da farlo sciogliere.
Lo so, non è una ricetta impossibile, ma è buona.

Dolce? Arancia. Non avendo il forno non ho fatto niente. Essendo alla fine della giornata non ho avuto idee.

Intanto, ringrazio coloro che hanno già risposto a “An apple a day…” e poi vi consiglio caldamente di partecipare all’evento di Winoandfoodies, ossia il LiveSTRONG With A Taste Of Yellow – 2008 . Si tratta di fare un post su una ricetta che contenga qualcosa di giallo.

1 Comment

  1. Pingback: Zafferano e lenticchie « Ma che ti sei mangiato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *