All posts tagged: Ma ci sposiamo

DSC_5707

Ma ci sposiamo #16: fai da te

Dettagli di un matrimonio. La saga Ma ci sposiamo non sembra finita. Oggi si parla di come arrangiarsi con quel poco che la fantasia sa offrire. Alcune idee veloci e piacevoli da pensare e da fare. Perchè se le emozioni sono sempre quelle, ognuna di noi (spose) sa di essere speciale. Internet, forbici, colla e un po’ di olio di gomito. Essenziale una fotocopisteria vicino casa e un po’ di abilità nel far da sè (con o senza futuro sposo al seguito) e saper mischiare le varie proposte del fantasmagorico pianeta sposi. Ecco un elenco delle cose da farsi…ossia cose fatte, almeno da noi. Così per avere un’idea in più. Ma ricorda quando uscirai dalla cucina….oops da casa, inizierà il giorno speciale. Tu, l’abito, lui e gli altri. Dopo tanta organizzazione ammetto di essere entrata in chiesa e aver pensato: “E ora che devo fare?” 🙂 Semplice, dovevo solo godermi la giornata.

foto torta

E’ fatta!

Con ancora un po’ di confusione in testa, oggi è il day after. Ieri io e la Cavia ci siamo sposati. Sì. E’ successo. Scrivere qui è stranissimo. Stiamo riportando alla normalità la casa mentre pensiamo anche alla valigia che da domani ci seguirà in Andalusia. Ci si rivedere dopo il nostro tour, ad inizio maggio. Intanto una bella lista di ringraziamenti è d’obbligo. Grazie ai parenti, amici e alla nutrita schiera di blogger presenti. Per le più curiose l’abito da sposa è stato fatto da Anna Tumas, stilista disponibile e ultra professionale che ha saputo avvicinarmi al suo magnifico mondo. Lo ammetto, non sono mai stata così elegante…e donna 🙂 Grazie per i catering del giorno speciale al Mind, nelle persone di Loretta e Nadia, e al mio chef preferito Dino De Bellis. Un grazie speciale al maitre Giuseppe che ha saputo seguire gli ospiti della sera con gentilezza e prontezza. Fornitori più o meno consapevoli della serata sono stati il Casale Cjanor, la Latteria Di Bidino di Coseano, La Bottega Friulana, Wine Explorer…il menù verrà reso noto …

countdown

Oh, ma ci sposiamo #15: meno 5

Brrr che freddo 🙂 Facendo i seri, sì, mancano 5 giorni all’essere una donna sposata: “Come ti senti?….Te ne rendi conto?…Oh, ma la mia bambina…” si parla solo di questo, a casa mia. Non ho mai sognato di sposarmi. Non ho forse mai creduto nell’uomo giusto. Non mi sposo un inglese, ossia l’uomo ideale della mia adolescenza. Non sposo un economista e quindi nessuna possibilità di trovarmi in casa un John Galbraith, altro chiodo fisso ma all’università. Non mi sposo con pochi invitati, come timidezza vuole. Non mi sposo con un cappello a falda larga, come sognavo. E allora perché tutto questo subbuglio? Non chiederlo a me. Non ho una risposta. Ci son momenti in cui vorrei mollar tutto. L’organizzazione e la pazienza sono entrambi sfiancanti. Dettagli, accordi, esigenze da incastrare. Poi arriva chi ti dice “io non ho tempo“, ah, perché io… E ci sono altri momenti in cui l’emozione vorrebbe esplodere, non so ancora se in un pianto o in una fragorosa risata. Finora ho tenuto duro, chissà se resisterò fino alla fine?! …

father-of-the-bride-title-still

Oh, ma ci sposiamo #14: par condicio

Par condicio, a tutti lo stesso trattamento. Le bomboniere…oops volevo dire mia madre già la conosci. Della Cavia qualcosa sai, ma oso dir di più. Qualche accenno alla sorellina non ricordo bene se c’è stato, ma lei è un persona seria che non se la prende mai. Qui la par condicio ha a che fare con…rullo di tamburi prego 🙂 …con una persona cara che ama a dismisura la privacy, per cui tu la conoscerai solamente solo col nome in codice Mister Inamovibile.

Te lo dicevo, che ho pensato come serie e cose non serie :)

Oh, ma ci sposiamo #13: le prove

Potrei raccontarti di come le mani mi sono incartate su se stesse, mentre davanti al prete si leggeva il rito del matrimonio. Le dita si attirravano l’un l’altra ed il palmo sudava. Ero io. Lì. Durante la prova, con la Cavia accanto. Avendo l’alta autorizzazione di parlare solo di me, beh ecco che mi soffermo sulle gambe che si accavallavano, sulla mia mia voce che trema. Mentre tacerò sul volto del mio vicino di sedia 🙂 Toccava a me leggere quei paroloni là. Emozioni…paure…desideri…paure…presente…futuro…speranze… Le prove generali, così le chiamano nei film. Noi eravamo in una stanzetta col prete di fronte, un mare di letture tra cui scegliere e tanti riti da recuperare anche dalla memoria. “Lo sposo può baciare la sposa“. Nulla da fare, ha la ragione la Cavia. Questa è solo una frase da film. “Francamente me ne infischio” Oops, questo è un altro film, non c’entra nulla 🙂 “E baciala, diamine”  Nulla da fare, non ci sarà nessuno a dirlo…se non mia madre 🙂