All posts filed under: Viaggi

pane dolce delle Fiandre

Pane dolce delle Fiandre con uvetta

Pane dolce con uvetta delle Fiandre. Ideale per la colazione e per dirsi che alla fine non resta che la dolcezza. Alla fine non resta che la dolcezza. Non resta che quella. Ripetiamolo assieme. In coro, con l’orgoglio di chi banalmente impasta dopo Lahore, Bruxelles, Ankara, Parigi e tutta quella sfilza di insopprimibile cronaca. Alla fine non resta che la dolcezza di un viaggio sognato, di una carezza forte della sua leggerezza. Di un bacio insensato nel suo essere essenziale. Di un abbraccio dato fino a liberare il profumo della pelle. Di un sospiro per un legame lontano. Alla fine non resta che la dolcezza di chi crede nella dolcezza. Non è la rosa, non è il tulipano…e se fosse un pane dolce? La dolcezza lascia solo le briciole. Chiede l’invisibile volontà, una repentina ricetta ed un’inspiegabile noncuranza. Non la cerchi su Google, ma la impasti in casa. Odio le prediche, molto meno il pane. Alla fine non resta che la dolcezza di un kockebrood, un pane dolce. Servito per colazione, riempito con uvetta sbirciando una ricetta delle Fiandre su The …

caffè a Londra

Il caffè a Londra visto da Mondo Mulia

Il caffè a Londra è nel pieno del Third Wave Movement. Giulia Mulè di Mondo Mulia ci racconta come scoprire il caffè londinese… abbandonando un po’ di pregiudizi. La prima cosa da fare per apprezzare il caffè a Londra è abbandonare la presunzione che l’espresso italiano è il più buono al mondo. Si inizia col botto. Così mi piace. Giulia Mulè l’ho conosciuta qualche anno fa Londra in occasione del Food Blogger Connect. Già allora in giro per la capitale britannica cominciavano a farsi notare i coffee shop. Ora, come racconta anche Caffeine Magazine, il caffè londinese rischia di surclassare il nostro tanto osannato espresso. Giulia, pur vivendo a Londra da quando ha 25 anni, è romana. Mi è, quindi, sembrata subito la persona da disturbare subito. Era perfetta, perché ha tutto l’attenzione di una food e travel blogger professionale (conosci Mondo Mulia?) e la capacità di confrontare due realtà: quella inglese e quella italiana. Dai, lasciamo da parte presunzioni vari e vediamo cosa c’è oltre l’espresso, la Fika svedese ed il caffè colombiano.  E’ …

Pausa caffè in Svezia? Fika

Fika: sì, si chiama così la pausa caffè in Svezia.  A lei Anna Brones e Johanna Kindvall  hanno dedicato un libro. Lasciamole parlare. Fika…so già cosa pensi. Siamo italiani. Per noi il caffè fa rima solamente con moka. In Svezia Fika è un sostantivo, una verbo ed un modo di vivere. La Fika si traduce semplicemente con l’avere un caffè, senza doppie finalità. Questo è il post giusto per te che credi fermamente che la pausa caffè debba avere la stessa dignità del tè delle cinque e degli onnipresenti scones. Di questo abbinamento con il caffè voglio parlare assieme a Anna Brones e Johanna Kindvall autrici del libro Fika: The Art of the Swedish Coffee Break, With Recipes for Pastries, Breads, and Other Treats (Fika: l’arte della pausa caffè svedese, con ricette per dolci, pani e altre tentazioni). Fika, pausa caffè, coffee time, merenda, il tè delle cinque: è sempre la stessa cosa? Mi affido a Anna e Johann per capirne di più. Anna Brones svela subito l’essenza della Fika. La cosa importante è sedersi, rilassarti, godersi ogni singolo istante con una bevanda …

5 cose che ho imparato dei Colli Euganei

Colli Euganei: oltre il baccalà fino ad arrivare al Fior d’Arancio. Come scoprire i Colli Euganei comodamente a tavola. Correva il giorno 16 dicembre 2015 ed ero a Palazzo Rospigliosi, a Roma, non lontano dal Quirinale. L’invito era giunto dal Consorzio di tutela della DOC Colli Euganei. “Dove il gusto prende forma” era lo slogan della serata. Di fronte a me un Veneto diverso, visto varie volte dal treno. Oltre la parola terme e magari moscato pochissimo sapevo dei Colli Euganei, quell’area che si trova a sud ovest della provincia di Padova e che dista da Venezia 60 km e solo 25 km da Vicenza.  Sebbene la storia dei Colli Euganei, si riporta da più parti, cominci ben 35 milioni di anni fa, io mi interessai subito a cose che stagionano al massimo 19-20 mesi come il Prosciutto Berico-Euganeo. In questo clima di conoscenza reciproca ho imparato 5 cose dei Colli Euganei che forse possono convincere anche te a sederti ad approfondire qualche tema “euganeo” 🙂 Con i Colli Euganei è successo che:

Come viaggiare da soli: un manuale sul viaggiare

Come viaggiare da soli: con un manuale, uno zaino e qualche scelta Viaggiatrice o vacanziera? Francesca Di Pietro, l’autrice di Come viaggiare da soli – Manuale di Travel Coaching , ci vuole viaggiatrici (o viaggiatori) e non credo che sia solo un caso che nell’acquistare questo libro mi sia lasciata convincere dal sorriso di un’altra viaggiatrice, Federica Persimoni. Al destino non ho fatto fare altro: ho scelto di leggere  Come viaggiare da soli durante un viaggio in treno. Come viaggiare da soli  è un bell’esempio di self publishing applicato al mondo del viaggiatore dal prima, al durante e fino al dopo il viaggio. 155 pagine che non mi hanno lasciata indifferente, come stai scoprendo. Oltre lo zaino da portare ai tropici, oltre i consigli per un fisico bestiale, ben oltre i più comune luoghi comuni, Come viaggiare da soli è un libro che mi terrò stretto. Perché?