All posts filed under: Interviste

In cucina con Roots

For the English version, click here. Lo puoi trovare nel posto più inaspettato! Questa è una regola aurea dell’amore e del buon cibo. Dai, confessa, anche a te è capitato di aver scoperto come un ingrediente sottovalutato possa in realtà essere speciale. Nevvero? Diane Morgan, ad esempio è convinta che le radici sono speciali. Le radici, carote, patate e affini: sto parlando di questo. Per Diane Morgan possono diventare i re e le regine della nostra dieta quotidiana. Ne è talmente convinta che ha lavorato sodo perché questo accadesse. Si è messo a scrivere Roots, The Definitive Compendium with more than 225 Recipes. Ossia Radici, il compendium definitivo con più di 225 ricette. E’ stata così convincente che la prefazione è stata scritta con uguale entusiasmo da Deborah Madison (te la ricordi? E’ l’autrice di Vegetable Literacy). Diane ammette di aver scritto il libro per ragione egoistiche: voleva imparare di più sulle radici. Ed un lungo viaggio è più piacere se fatto con buoni amici e lettori. Lei, Diane, mi ha conquistato  fin dall’introduzione appena comincia a …

Searching for Roots in your kitchen

Per la versione italiana, clicca qui. You find it in the unexpected place! That’s a golden rule for love and good food. How ofter do you discover that an undervalued ingredient is really special? Diane Morgan is convinced. Roots are special, they could be kings and queens of your everyday diet. She is so convinced that worked on The Definitive Compendium with more than 225 Recipes. She’s really convincing that can count on the forewords by Deborah Madison (do you remind her? She’s the author of Vegetable Literacy). While Diane admits that she wrote that book for selfish reasons: she wanted to know more on Roots. And a long journey is better if done with good readers and friends. She conquested me as soon as in the Introduction she tell of the vegetable diaspora from New World and Old World and reverse. Her aim is to share the history and the lore of the root cellar and provide basic botanital information on roots. To do that Roots is organized in 28 chapters arranged alphabetically by …

Assunta Perilli ed il telaio

Non è una fiaba, anche se a leggere l’email che ho ricevuto stamattina mi è sembrato di stare dentro un bellissimo sogno. Ti ricordi di Assunta? L’incontrai in una calda giornata dell’anno scorso, mi conquistò con la sua energia e passione per la tessitura. Te la presentai anche in questo blog con un’intervista su La Tessitura ed il pane. E oggi… …oggi ne faccio parlare su Revel In It. Grazie al supporto linguistico di Lucia Perilli, ho voluto ricambiare il dono della sua Rifilatura, con un articolo in inglese. Le donne eccellenti italiane meritano una grande visibilità e, come si dice, se non ci si aiuta tra donne… Non ti resta che leggere Assunta Perilli met a loom. Assunta Perilli Met A Loom When you think of a weaver, what do you see? An old lady with white hair, a long black dress maybe a bit overweight? Or maybe she’s a pretty young girl with long blond hair, a sort of Rapunzel? Meet our weaver, Assunta Perilli, a 30-something year old woman with short black hair and …

Pub, Isole, Incontri: intervista con l’autore

Con Ian Marchant, l’autore di Pub, Isole, Incontri – Soprattutto pub, mi son presa una grande libertà. Appena finito di leggere il libro ho preso Internet in mano e gli ho scritto un’email. Da quell’email da lettrice entusiasta ne è nata una mail-intervista. Un ottimo punto di partenza per chi non conosce il libro o è indeciso sulla lettura. Ian è un tipo eclettico, ricco di curiosità e con una passione molto inglese per la birra. Con The longest crawl, titolo originale del libro, si scopre il Regno Unito di oggi quasi a 360° gradi. Tutto ciò che gira intorno ai pub viene presentato, dalla birra al sidro, dal gin al whisky, fino ai pub quiz. Tutto in maniera documentata, arricchichendo il lettore di chicche, facendolo innamorare quasi inconsapevolmente della storia del bere e anche della sua arte. Ma in mezzo a questo modo incantato fatto di ricerca e sensi tra le righe emerge anche la società inglese, con le esagerazioni nel bere, i limiti della meritocrazia, le droghe etc. Insomma, prima di prendere o …

Intervista a Silvia Maestrelli: DiVINando

La curiosità e la costanza portano a scoprire tanti nuovi aspetti della vita e a conoscere, realmente o virtualmente, persone interessanti, che colpiscono per il brio. Così è successo per me con Silvia, spesso letta in veste di DiVINando. Se poi si legge una presentazione di Silvia come quella fatta da Intravino, il passo successivo non è che intervistarla. Ecco il risultato. Son sicura che anche voi rimarrete stupiti di fronte alla ricchezza di attività in cui Silvia di prodiga, al suo approccio attivo alla vita: insomma, potrebbe incantarvi come una vera donna rinascimentale. Silvia Maestrelli ed Intravino Intravino ti ha descritto come “Produttrice, blogger, promotrice culturale e chi più ne ha, più ne metta.” Andando in ordine, Silvia da dove viene e dove va? Prima di tutto, Rossella, ti ringrazio per questa tua gentilissima intervista e rinnovo i miei ringraziamenti anche ad Intravino, che mi ha inserito, con mio grande onore, tra le prestigiose donne del vino che mi fanno compagnia nell’ elenco che tu citi. Grazie! Da quando mio padre Moreno Maestrelli acquistò, …