All posts filed under: Torte

torta ricotta e cioccolato bianco_fetta

Torta ricotta e cioccolato bianco: ne hai bisogno

Toglietemi tutto, ma non la libertà di affondare i pensieri nel cioccolato. Il tempo delle cioccolate calde è lontano. Qualche cioccolatino continua a far capolino dalla scatola delle dolcezze. E le uova di Pasqua sono dietro l’angolo. Ma no, non le apro prima del tempo. Come posso viziarmi – ancora di più – senza che nessuno se ne accorga? “Ho ordinato un gin tonic. Lo so che non bevi nel pomeriggio, ma prima o poi lo farai.” Candice Bergen ha sempre ragione. In The Women dà il meglio di sè (e del film del 2008) quando accoglie così la figlia.

eve's pudding

Eve’s pudding: dentro Pride and Pudding

Eve’s Pudding, Regula Ysewisjn, Pride and Pudding: l’importanza di saper fare il pudding. Regula Ysewijn è fiamminga, il pudding è inglese, e Pride and Pudding è internazionale. Ma come fare il pudding? Regula, alias Miss Foodwise, solo a pagina 70 propone la prima ricetta. Non è una tizia prolissa. Non passa inosservata, questo è certo. Ha il piglio di chi, pur sapendo tutto sul pudding, non lo mescola come se nulla fosse. Non è giusto passare subito alle ricette del pudding. Regula Ysewijn nelle prime pagine (sì, quelle tutto testo) disegna quasi una mappa. Una mappa che servirà per muoversi nell’universo del pudding ed in Pride and Pudding.

Torta al limone

Torta al limone per colazione

Torta al limone per colazione: una missione non banale risolta puntando sull’olio d’oliva “Mi serve una ricetta di cui mi posso fidare” Fiducia, dal latino fiducia, indica per il dizionario l’atteggiamento, verso altri o verso sé stessi, che risulta da una valutazione positiva di fatti, circostanze, relazioni, per cui si confida nelle altrui o proprie possibilità, e che generalmente produce un sentimento di sicurezza e tranquillità. Il dizionario, però, non elargisce ricette fidate. Ti lascia da sola col peso del dover rispondere ad un’amica. “Mi serve una ricetta di cui mi posso fidare. Hai una ricetta per una torta per colazione?” L’amica non sa che tu tremi. Ne hai di ricette fidate, ma lei è più fidata di ogni ricetta. La conosci da…devo dirlo…una ventina d’anni. Camminavate negli stessi corridoi dell’università. Poi vi siete trovate anche nello stesso ufficio. Ed ora fate una vita che vent’anni fa non immaginavate neppure. E tu, sei lì, che devi soddisfarla con una torta per la colazione. “Sono alla ricerca di una buona ricetta per una torta al limone per …

torta al cioccolato bianco

Torta al cioccolato bianco e vin santo

Torta al cioccolato bianco: quando la dolcezza diventa eleganza in una torta morbida e intrigante per il vin santo. Da The Baking Bible ad una torta casalinga. Cos’ha di irresistibile una torta al cioccolato bianco? Me lo chiedo constantemente. In realtà, la questione è più profonda. In questi benedetti 35 metri quadri si aggirano due golosi figuri. Una parteggia per il cioccolato fondente, l’altro si prosta ai piedi del cioccolato bianco. Come dire: una punta alla sostanza (essenziale) e l’altro ha un inspiegabile richiamo verso la dolcezza (estrema). Dove si incontrano questi due golosi? A parte sotto lenzuola, pure si sfiorano in cucina. E’ lì che sorgono delle dispute. Immagina che…l’uno, lo sweetheart, arriva con tavolette bianche e candidamente chiede un semifreddo al cioccolato bianco. L’altra, quella che conosce il peso dell’altro, non cede: troppa panna nel semifreddo. Non trova di meglio da dire: “Ti farò altro”. Altro cosa? Ci è voluta Rose Levy Beranbaum. Rose ha dovuto pubblicare The Baking Bible. Io, quella del cioccolato amaro, non sono un’estremista, se non dei sapori. Posso vivere bene …

ricetta del gingerbread

La ricetta del gingerbread e la melassa

La ricetta del gingerbread va custodita per provare il sapore ricco del Natale fatto di spezie e melassa.  “Una torta umida, spugnosa e speziata” con queste parole di Laurie Colwin in testa affronto, ancora una volta, il gingerbread di Nigella Lawson. No, non è una ricetta complicata. Non richiede una pazienza infinita e neppure grandi capacità. La tecnica è molto simile a quella dei pepparkakor (hai letto la Guida ai biscotti allo zenzero?). Infatti, si comincia con lo sciogliere gli zuccheri al calore del fuoco. Sì, sto parlando del vero gingerbread. E come ogni pan di zenzero anglosassone che si rispetti la ricetta richiede della melassa. La tua ricetta del gingerbread parla di treacle e non di melassa? Che differenza c’è?