Month: dicembre 2016

I post degli altri che più ho amato nel 2016

I post degli altri che più ho amato: ancora ed ancora letture, online e non, che cerco di mettere in ordine mentre il 2016 volge al termine. Mettiamo subito le cose in chiaro. Sì, un anno fa ho scritto I post degli altri che più ho amato nel 2015. Facebook me lo ha ricordato, io ci ho scherzato online e Mariachiara Montera ha preteso il bis. E’ tutta una congiura per distrarci online un bel po’. In realtà questo 2016 meriterebbe un post molto più intimista dal titolo “Le parole che non ti ho detto quest’anno“. Sì, è stato un anno ricco, ma con poche ricette raccontate. Nulla sai della mania per la vinagrette esplosa questa estate. Se non mi segui su Instagram, potresti esserti persa quel solare fine settimana tra Ponza ed Il Faro della Guardia. Ultimamente, poi, ho ceduto al porridge. Insomma, c’è molto di taciuto e molto di raccontato diversamente dal mio solito sia su Your Brand Camp che su Dissapore. Il fatto è che ad ogni lettura segue una reazione. Quindi …

Dissapore: sì, scrivo su Dissapore

Ho iniziato l’anno scrivendo dei biscotti allo zenzero. Concludo l’anno con le ricette perfette su Dissapore. Molte cose mi sarei aspettata nella vita. Quando sono nata neanche esisteva la parola blogger ed il web era veramente di nicchia. Il personal computer non era ancora realtà e tutto scorreva liscio come l’olio. Ora sono qui con un Ma che ti sei mangiato che ha superato la soglia dei 9 anni ed io che ce la sto dando tutta per sfornare una ricetta perfetta settimana dopo settimana per Dissapore. Non è ancora tempo di bilanci. Però questo 2016 mi ha stupito. Sì, ha cominciato con Your Brand Camp. Ho ancora qualche post in serbo per loro (e per te, chiaramente). E non mancano gli stimoli da Dissapore. Peccato solo che a pagarne le spese ci metta questo blog. Sembra che non faccia nulla, quando in realtà rasento il troppo.