Month: giugno 2016

biscotti con quinoa Nuove Terra

Biscotti con quinoa e curry rosso

Biscotti con quinoa e curry rosso: l’ennesima tentazione da mascherare con le proprietà nutrizionali della quinoa. La quinoa sul biscotto che scotta. Le ho tentate tutte. Ho lasciato trascorrere del tempo. Ma ogni momento era quello buono. La Cavia non c’era, mentre i biscotti con quinoa e curry rosso erano lì. Di fronte a me. Ancora fumanti, direi. Io, i biscotti con quinoa e l’ennesima tentazione. Pochi attori, poche distrazioni. Farina, olio extra vergine d’oliva, curry rosso e lei, la quinoa. Giuro, si pavoneggiava. E’ sua la colpa, non mia. Mamma credi a me 🙂 La quinoa ha fatto tutto senza glutine. Ma aveva le proteine dalla sua parte. Cosa potevo fare con i miei scarsi quarant’anni? Pure gli aminoacidi, lisina e metionina, l’avevano preferita. Non parliamo del magnesio e della vitamina C ed E. Non fidarti di quel biscotto che scotta…e che ti fa allungare verso di lui la mano anche quando lo ha lasciato lì a raffreddare. E’ l’ennesima prova che sano è buono e pure ruffiano. Leggermente croccante, sfizioso col curry, rapido da preparare …

japan restaurant week cucina giapponese

La cucina giapponese tra Japan Restaurant Week e washoku

Scoprire la cucina giapponese tra Japan Restaurant Week, washoku e parole come gohyakumangoku. Perché il Giappone non è tutto un sushi. Dico cucina giapponese e …C’è chi urla wasabi e kren one love. Ma c’è pure chi non si intimorisce e difende ad oltranza la cucina italiana. Non possono neppure mancare gli infatuati dell’umani. Ed io vorrei del sake. Però molti rimangono coloro che non hanno mai assaggiato la carne wagyu e non solo per il prezzo. Nel mezzo di questa diatriba si inserisce la Japan Restaurant Week promossa dal Ministero dell’Agricoltura, delle Foreste e della Pesca del Giappone (MAFF), con la collaborazione dell’Unione Centrale delle Cooperative Agricole, sempre, del Giappone. Perché non cogliere quest’occasione per scoprire la cucina giapponese al meglio?

foodblogger liars

Cosa sanno fare i foodblogger

Cosa fa un foodblogger? Cucina e poi? Quali sono le sue competenze? Un elenco di capacità e di letture per capirci di più. Ancora per il Marketing Camp e Your Brand Camp. Per loro ho lanciato una provocazione e sono entrata non analisi, ma in modalità auto-critica. Dopo aver svelato i gradi di separazione tra brovada e pizza, è stato Seth Godin a guidarmi con il suo Alla marketers are liars. All foodbloggers are liars?  Nella mia ciotola di vita mi sono chiesta se All foodbloggers are liars. E non volendo rispondere sì ho raccolto quali sono le competenze di un foodblogger da rispettare (o che almeno fa del suo meglio per farsi leggere senza inganni). Per ogni sapere ho cercato di svelare qualche utile lettura (online e cartacea), così da invogliare i foodblogger del futuro ad essere affidabili, competenti e sempre pronti all’autocritica. Fino all’ultimo tocco di etica. Buona lettura e poi dimmi se All foodbloggers are liars?  

biscotti al Gruyere

Biscotti al Gruyère e spianata romana: tentazioni da aperitivo

Biscotti al Gruyère con spianata romana: durante un aperitivo un salatino ci vuole. Mettici di mezzo anche lo yogurt. Tra questioni linguistiche e sguardi. Chi può dire qual è la differenza che corre tra un biscotto salato, un cracker ed un salatino?  Non mi aspetto che tu sia a lanciare la prima pietra (anche se mi piacerebbe leggerti all’opera), ma non vorrei nemmeno passare per una di quelle blogger che usa le parole a caso. Qui a caso e a casa è solo la gola. Carte in tavola!  Farina, Gruyère, yogurt e spianata romana: sul piano di lavoro c’erano loro. Pensare di avvicinare un salame romano allo yogurt può apparire ardimentoso. Ma a volte è bene non porsi troppi problemi, perché se lo yogurt va a calmierare la quantità di burro, la spianata romana va a struzzichevole anche il più timido biscotto salato. In un salatino che si rispetti ci vuole poi quel tocco tra lo sbarazzino e lo sfrontato, che nelle versioni commerciali si risolve col sale. La spianata romana garantisce, però, già un buon apporto salato, ecco allora …