Bevande, Birra, Senza categoria
Leave a comment

Beer wishlist: libera la pinta che è in te

Beer wishlist: è tempo di aggiornare i desideri attorno alla birra. Che sia in una pinta, in un teku o in un calice a tulipano, la birra soddisfa molti desideri.

Ogni mese ha i suoi desideri. Dopo la wishlist per Natale, dopo la coffee wishlist, è giunto il tempo della beer wishlist. Più birra per tutti, libero sfogo a quelle irresistibili tentazioni che si nascondono anche nelle schiume meno persistenti.

Per una beer wishlist non c’è bisogno di un mago della lampada. Basta il tavolino logoro di un pub ed il Mago della Fermentazione. Contro il logorio del bevitore moderno, c’è Mr. Luppolo a porgere una teku ed un po’ di conforto. Con questi personaggi, non molto inventati, ho scartabellando nel cassetto delle birre che ho e che non ho.

Altro che collezione Panini, la beer wishlist sempre esisterà. Dopo una Toast Ale come potrò non voler intraprendere un viaggio con la mia beer cap map?
Anche se poi so, che basta dirigermi al pub preferito per capire che forse l’OWA è importante, ma anche no.

Non resta che …

Beer wishlist: stappiamola!

Settimana dalla birra artigianale

beer wishlist_settimana birraPrimo desiderio, che chiedo a te Mago della fermentazione, è di darmi il tempo e l’energia per non lasciarmi fuggire la Settimana della birra artigianale. Sì, torna anche quest’anno. Dal 7 al 13 Marzo 2016 ci saranno eventi ed occasioni per spillare a più non posso nei “locali italiani devoti alla birra artigianale”.
Sì, è una settimana per i devoti al luppolo. Ma attenzioni, o curiosi dell’ultimo lievito, c’è spazio per tutto. Nella sezione Eventi è fin troppo facile orientarsi per Regione e giorno. Il difficile sarà scegliere tra cosa fare e quale promozione stappare.

Se poi sei pure milanese, hai l’Italia Beer Festival ad attenderti dal 18 al 20 Marzo all’East End Studios – Studio 90.

Dacci la birra al pane

E’ alcune settimane che ha fatto capolino online, ma la Toast Ale non è solo una birra al pane.
Prende vita da croste di pane, dal pane “vecchio” e che fa ancora buona birra. Si presenta, quasi, come una birra di recupero. Ma non finisce qui.
E’ buona come il pane. Infatti, la Toast Ale vuole educare contro e superare lo spreco alimentare ed i suoi proventi vanno a Feedback, un’organizzazione che lo combatte. L’obiettivo ultimo della Toast Ale è non esistere più, perché questo avverrà quando saremo in grado di non sprecare nulla.

beer wishlist_toast ale
Una  bottiglia da 330 ml costa circa circa 3,90 euro ed è acquistabile online.
Tieni d’occhio anche Toast Ale su Facebook. Sa muoversi online bene grazie, forse, anche al fatto che alle sue spalle, come sostenitore, c’è pure Jamie Oliver.
E se di birra al pane vuoi riempire la tua pinta, sappi che si parla di note caramellate accompagnate all’amaro dei luppoli inglesi.

Se m’innamoro sarà per un’OWA

M’innamoro di una birra per tante ragioni. Vuoi per il sapore, vuoi per l’ebbrezza, vuoi per l’attimo. E poi ci sono le storie di birra. Più potenti di una fiaba, più persuasive di uno slogan. OWA è una storia. Stramba forse.
Se ti dicessi che un giapponese un bel giorno si innamorò della birra. Il giorno dopo volò in Belgio. Proseguì questo cammino fino a sviluppare e produrre in Belgio una birra capace di accompagnarsi ai cibi giapponesi? Leo Imai ha fatto tutto questo.

beer wishlist
Si sono molti special guest in questo racconto, non da ultimi i barili di Bordeaux.
Le formule magiche per muoversi sobri in questo mondo hanno parole come Sakura (alla ciliegia), Yuzu (per il limone giapponese) e Ume (per la prugna). Scopri le birre OWA.

Quanto mi manca Kuaska

beer wishlist_kuaskaLo so, di libri sulla birra ne ho. Son molti e tutti molto socievoli, nessuno scalpita per l’arrivo degli altri.
Da Pub, Isole ed Incontri a Man walks into a pub, l’interesse non ha fatto che crescere. Sfogliare The Oxford Companion to Beer rimane un piacere. 

Ecco che allora sebbene la Franconia di Colonna si lascia ben sfogliare, rimangono i desideri.
Non resta che stapparli!
Sì, lui mi manca: Kuaska e la sua La birra non esiste.
Dammi Mr. Luppolo il tempo per leggere tutto.

Food & Beer per le 40enni di un domani

Stavo sognando Kuaska, quando lessi Eater.
Non fu una vera e propria visione. Ero sobria! 🙂 Ma non posso dire di non essere saltata sulla sedia. La mia beer wishlist in un attimo incontrò i favori di Jeppe Jarnit-Bjergsø, birraio, e Daniel Burns, chef.

beer wishlist_food & beer dettaglio

Andiamo per ordine. Cosa vorresti come regalo per i tuoi 40 anni?
Salute, sesso e buona birra, direi, nel caso capitasse anche a me 🙂
Con quella buona birra cosa vorresti? Del buon cibo, direi, nel caso capitasse anche a me 🙂
Ecco a Maggio 2016, Phaidon ha deciso che non c’è solo il mio (ahahahah, questa è buona) 40esimo compleanno, ma pure l’uscita nelle librerie di Food & Beer.
Devo far posto accanto a Cruda & Crudo di Edoardo Fraioli.
Che dire se non dirlo agli amici?!

Una mappa per molte birre

Siam viaggiatori e siam bevitori. Serve una mappa!beer wishlist_beer cap maps
Ne esistono molte di mappe a questo mondo. Quella che qui ti chiedo o sollevatore di schiume è la Beer Cap Map. Ogni birretta diventa un tassello di un viaggio che difficilmente conoscerà fine.
Si trova per gli States, ma cercando tra una Tripel e l’altra è apparsa anche quella del Belgio. Lasaris su Etsy non si è lasciato fuggire l’orzo d’oro!
Devi solo scegliere dove vuoi bere 🙂

La tua beer wishlist com’è?
Dimmi cosa vuoi e ti dirò quanto mi tenta la tua birra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *