Belgio, Birra
comment 1

Waffle alla birra

Waffle alla birra: ricordi, WeissBier Dunkel e farina ai 7 cereali

Non sono ancora in grado di dire del tutto che cosa distingua veramente un waffle da un pancake. Ad essere sincera non mi sono messa ancora alla ricerca delle differenze. Mi sto solamente impegnando per raggiungere il waffle perfetto. In questa dolce ricerca, ho seguito Ruth Van Waerebeek. Sono mesi che il suo The Taste of Belgium non mi tradisce. Le mele col pollo arrosto, la crema di indivia belga ed il Waterzooi: è sempre stata all’altezza dei miei ricordi delle pedalate in giro per le Fiandre. Tutto è cominciato con i waffle di fine anno. Superato quel test, ogni ricordo belga che passa per la mia cucina nasce anche dalle pagine di Ruth Van Waerebeek.

Stavolta ho tentato solo una deviazione. Ai My Mother’s Waffles  di Ruth ho sostituito parte del latte con della birra, riducendo lievemente la quantità di ingredienti liquidi.

La consistenza di questi waffle alla birra casalinghi è ben lontana dai croccanti waffle assunti a street food di Bruxelles. Quell’essere una via di mezzo tra pancake e frittata rispecchia la consistenza dei waffle casalinghi suggeriti da Ruth. La ricetta base, che prevedeva 500 grammi di latte, è stata decisamente arricchita con la birra, sennò non li presenterei neppure come waffle alla birra. L’aroma della birra emerge e l’ideale è utilizzare una farina integrale.

La birra utilizzata non è propriamente belga. Si tratta, infatti, di una WeissBier Dunkel tedesca. Mi sembrava più adatta a sostenere una farina come quella ai 7 cereali composta da farina integrale di grano tenero, farina di mais, farina integrale di segale, miglio decorticato, gris di soia integrale, fiocchi di avena decorticati ed anche da semi di lino e sesamo. Per chi si sente più al sicuro conoscendo i marchi, la birra è la Franziskaner Weissbier Dunkel, mentre la farina proviene dal Molino Persello di Colloredo di Monte Albano.

Le dosi suggeriti sono ideali per un pranzo o una merenda con 2-4 persone con accanto una buona fornitura di zucchero a velo, marmellata, cioccolata fusa, frutti di bosco etc.

Ma ora scaldiamo le piastre e profumiamo la cucina di waffle…e di birra 🙂

Waffle alla birra

waffle alla birra alto

Ingredienti per 10-12 waffle alla birra:

270 grammi di kefir (o yogurt o latte)
250 grammi di Weissbier Dunkel
2 cucchiaini rasi di lievito di birra secca o 1 cucchiaino colmo
2 uova
75 grammi zucchero di canna
80 grammi di burro
35 grammi di margarina
300 grammi di farina ai 7 cereali
un pizzico di sale

Il primo passo è prepare gli ingredienti, attivare il lievito e sciogliere i grassi.
Quindi versare 100 grammi di kefir (o yogurt o latte) caldo al tatto in un bicchiere. Unire al latte il lievito di birra e mescolare.
Sciogliere a bagnomaria o nel forno a micronde il burro e la margarina.

Il passo successivo è cominciare a formare il composto.
Predisporre due ciotole. Una deve essere grande, perché deve accogliere il composto e contenerne la lievitazione. Il composto raddoppia o addirittura triplica di volume.
Rompere le uova. Nella ciotola più piccole mettere gli albumi, in quella più grande i tuorli.
Montare a neve ben ferma gli albumi.
Fatto questo, sbattere nell’altra ciotola i tuorli assieme a 40 grammi di kefir (o yogurt o latte). Amalgamare poi anche il burro e la margarina fusi.
Aggiungere, subito dopo, il mix di yogurt e lievito di birra.
Continuando a mescolare versare lo zucchero di canna ed il sale.

Ad ogni aggiunta gli ingredienti vanno amalgamati. Per farlo si possono usare un mestolo di legno o le fruste elettriche.

Unire anche la farina, i 130 grammi di kefir (o yogurt) rimanenti ed i 250 grammi di birra, gradatamente. Il consiglio è di alternare aggiungere un terzo di farina, poi un terzo degli ingredienti liquidi, fino ad esaurimento degli stessi.

Amalgamare con un cucchiaio di legno gli albumi montati a neve.
Nel frattempo scaldare a 110°C per max 10 minuti il forno.

Ottenuto un composto omogeneo, ponetelo a lievitare coperto con un cannovaccio nel forno spento e caldo.
In un’ora circa il composto raddoppierà almeno di volume e si formeranno delle bolle in superficie. Dopo mezzora circa mescolare il tutto e far continuare la lievitazione.

E’ giunto il momento di scaldare la piastra da waffle. Generalmente sulla piastra va spennellato poco olio extra vergine d’oliva prima di poterla utilizzare.

Il mio suggerimento è di creare una sorta di catena di montaggio. Accanto alla piastra predisporre lo spazio per un piattino in grado di contenere un mestolo di composto, poi più in là servirà un piatto ampio per poggiare i waffle. Non dimenticare lo spazio per una ciotolina per il passino e lo zucchero a velo.

waffle alla birra zucchero

Infatti si deve:

  1. versare un mestolo circa di composto sulla piastra calda;
  2. far cuocere il waffle per 1-2 minuti;
  3. porre il waffle su un piatto;
  4. distribuire sopra ogni waffle alla birra dello zucchero a velo. Questo si scioglierà, ma eviterà che i waffle impilati uno su l’altro si uniscano tra loro.

Ed eccoci al momento preferito: servire i waffle alla birra caldi con marmellata o cioccolata fusa e per i più golosi persino panna. Per i salutisti predisporre dei frutti di bosco (non lontano dalla panna 🙂 ).

TuttoFood-Logo-Questa ricetta è per TUTTOFOOD, il Salone dell’Agroalimentare a Fiera Milano in programma da domenica 3 a mercoledì 6 maggio 2015.  TUTTOFOOD 2015, la prima fiera in concomitanza con EXPO Milano 2015, avrà una superficie di 180 mila mq per 10 padiglioni e ospiterà 2.700 aziende per oltre 7.000 marchi presenti. Uno dei padiglioni, l’HO.RE.CA. è dedicato anche alla birra, da cui la scelta di suggerirti questi waffle alla birra.

1 Comment

  1. Questi waffles devono essere semplicemente strepitosi, bravissima Rossella!!!
    Se solo potessi mangiarli…aihmé contengono un po’ di ingredienti che mi sono preclusi, soprattutto la birra…
    Ma la ricetta me la segno per tempi migliori 😉
    Un abbraccio
    Lou

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *