Dove mangiare, Friuli, Viaggi
Leave a comment

Pasticceria Plasè: le 3 ragioni per cui non delude

Pasticceria Plasè a Martignacco (Udine) non delude per 3 ragioni

Della Pasticceria Plasè si parla da tempo in Friuli. Si trova a Martignacco, non lontano da Udine, ed è facilmente raggiungibile dato che si trova su via Spilimbergo 263.
Dopo anni ho deciso di entrarci durante uno dei miei sparuti ritorni a casa. Mi ha convinto all’ultimo l’energia e passione che traspariva dalla pagina Facebook della pasticceria Plasè.

La visita è stata effettuata in completo incognito e corredata da un team di tester d’eccezione. Ognuno di loro aveva in sé il germe del non facile convincimento per una serie di ragioni su cui mi soffermerò tra qualche riga.
Mentre ti svelo subito il finale di questo incontro. Ora ho 3 buoni motivi per tornarci, che si possono tradurre in 3 ragioni per cui la pasticceria Plasè non delude.

L’accoglienza alla Pasticceria Plasè

Qual è la tua immagine tipica di una pasticceria?
La mia ruota attorno alle Konditorei austriache, spesso nascoste nei centri storici dei piccoli villaggi o delle grandi città come Vienna. L’ambiente è sovente datato e ricercato assieme, i toni sommessi. Questa è un’immagine che per certi aspetti è da cancellare quando si va da Plasè.

Un tempo al posto della pasticceria Plasè c’era un mobilificio, ora l’area è cambiata notevolmente. A qualche chilometro inizia l’area centri commerciali. Accanto già c’è qualche grande magazzino, anche giustificato dalla presenza di una via di scorrimento.

Per il mio gruppo di tester (che ti presento tra poco) ha un grande pregio, fin da subito, la pasticceria Plasè. Il parcheggio comodo, ampio e separato dalla strada che rende agevole fermarsi da Plasè.
L’insegna non è di quelle storiche. E’ moderna, senza fronzoli e su sfondo nero. Altro che Demel.

Alla vista dell’entrata, la prima reazione del tester romano è stata: “Cosa vuol dire Plasè?“.
Piacere dal friulano.

pasticceria plasè esterno

Entrando ammetto di essere rimasta, io, a bocca aperta. Non c’è il gusto shabby chic che va per la maggiore tra Roma e Milano. Ma diamine: Plasè sa distinguersi.
Ambiente moderno, dalla musica, alle tonalità di colore, al numero di tavoli a disposizione. La presenza dell’acquario è decisamente insolita. Con gioia ho visto un angolo di Friuli vivace. Il sabato mattina era piena la pasticceria Plasè ed i giovani (compresi quelli della mia età 🙂 ) non mancavano.

L’attenzione all’apparenza raggiunge i piatti-non-piatti per servire pasticcini ed aperitivi. La pasticceria Plasè, infatti, non si ferma al lievito madre, tenta di avvicinarsi anche agli amanti dello Spritz. Decisamente curiosa la teiera.

Lo sweet engineering vantato sul biglietto da visita non è uno slogan fasullo.

La ricerca di Manuel Carboni

Nei dintorni di Martignacco ancora prima di Plasè è conosciuto Manuel Carboni. Si sa che ha studiato e lavorato a Londra. E’ arrivato ad essere pasticcere per l’Harry’s Bar e nel ristorante privato della Regina Elisabetta II.
I giornali iniziarono a parlare di Plasè esaltando il ritorno del figliol prodigo. Afferma sul sito della pasticceria Plasè di aver scelto Martignacco per “portare innovazione in un settore statico e stimolare il pubblico alla ricerca di nuovi sapori“.

Queste le premesse, ma la realtà?

pasticceria plasè

La realtà è che ha scelto un pubblico tosto. I friulani non sono tipi facili. Volendo rispettare questo loro tratto per scoprire Plasè ho scelto una compagnia ostica. Da una parte una coppia di friulani doc, stanziali radicati quanto basta, non immediatamente attratti dalle novità e dall’altra la Cavia, sempre attento allo sperpero.
Ci siamo ritrovati alla pasticceria Plasè per una seconda colazione. Caffè e cappuccino sono stati accompagnati da quattro pasticcini. Ammetto di essere stata tentata da molte altre prelibatezze, ma la compagnia era sul “non esageriamo”.

Veniamo al dunque.
La prima reazione è stata dettata dalle dimensioni dei pasticcini. Ridotte per gli standard locali. La vera reazione è stata però generata dal sapore. Nessun giudizio negativo è emerso. Tutti hanno gradito il loro pasticcino, sia che fosse un Mont Blanc Perrier, una Foresta Nera o una Diplomatica.

Per chi non c’era, i pasticcini erano dei piccoli e ricercati cubi quasi perfetti. Ognuno riassumeva alla perfezione il dolce classico a cui si ispirava. Ogni strato raccontava un sapore, come puoi notare dalla fotografia che ritrae due Mont Blanc Perrier. E Perrier non è l’acqua, ma lo champagne. Analogamente nella Foresta Nera l’immancabile ciliegia compariva sotto forma di gelatina. La sequenza non era decisamente stata scelta a caso. Tutto era stato studiato, testato e perfezionato. Ogni pasticcino era l’emblema della ricerca passata, presente e futura promessa da Manuel Carboni.

Il test oculato nelle spese ha apprezzato anche il costo finale che è stato di € 8.20. Competitivo direi per una pausa seduti comodamente ad un tavolo.

L’attenzione a tutti i clienti

Ricerca che prosegue nella varietà dell’offerta e nell’occhio attendo dedicato al variegato mondo delle intolleranze alimentari e delle inclinazioni alimentari.

Se vai a Martignacco tocchi con mano come queste attenzioni vengono accolte.
Non so se era un caso, ma quel sabato mattino la brioche al carbone, senza latticini, incontrava l’approvazione di molti. Inoltre non mancavano i tester della colomba vegana, come neppure le garbate spiegazioni su burro e trucchi per la lievitazioni raccontati dalla viva voce di Manuel. Era bello origliare e carpire frammenti di quel cambiamento giustamente ambito dal pastry chef.

Soprattutto l’immagine raccontata su Facebook trovava conferma nella realtà. La passione citata tra gli ingredienti della colomba vegana c’è. Mentre gli altri ingredienti, oltre la passione, sono farina, acqua, lecitina di soja, olio di semi di lino, fibra di germe di grano stabilizzato, zucchero di canna, sale, vaniglia, arancio candito. Per il burro vegano il mix studiato, testato e perfezionato prevede olio di semi di lino, acqua e fibra di germe di mais germinato.

In conclusione, i miei ritorni a casa saranno meno sporadici e più dolci grazie al nipotino in vista e ad una pasticceria, che è giusto giusto sulla via per Udine.

Tu cosa ne pensi della pasticceria Plasè?

Pasticceria Plasè
Via Spilimbergo 263
Martignacco (Udine)
Telefono: (39)3314369416


 

Per chi vuole fare il turista goloso in zona segnalo anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *