Matrimonio, Spagna, Viaggi
comment 1

La Alpujarra

Bubiòn.
Ultimi giorni, tardo aprile e noi abbandoniamo Granada.
L’hombre alla guida, i tornanti cominciano presto a farsi vedere.
Riusciranno i noi eroi ad arrivare fin lassù. Da Lanjarón la montagna sovrasta decisa.
Sì, dai, quello deve essere Bubiòn.
Un parcheggio, lungo la strada, subito.
Il Teide ci accoglie e nel miglior inglese incontrato finora ci da le indicazioni per la spettacolarmente semplice e tipica Las Terrazas de la Alpujarras. Nel hostal troviamo letti separati, ma i colori dei tendaggi, la loro tipicità rinfrancano durante la separazione 🙂
Immediata è la voglia di sgambettare in giro.

A caso tra i vicoli di Bubiòn, un pranzo, dove? Da Il Teide, l’unico (o quasi) aperto. Cominciare con cosa? El plato alpujarreño. L’aria di montagna permette di affrontare uova, chorizo, morcilla anche sotto il sole.
Un gatto gironzola, alza gli occhi, s’avvicina. Aria distratta, ma obiettivo preciso. Un po’ di morcilla anche a lui, dai.
La felicità non arranca.

La siesta allieta. Due passi tra valle, cielo e orizzonti. Piccoli orti, casupole bianche, orizzonti di vita che fan sognare. Fuga dalla realtà, ma vai tu a capire dove si cela il vero investimento sul futuro. E soprattutto chi possa essere quella lì che fotografa un anziano chino nel suo orto.

Ma come fermarsi davanti a tanta luce e candore?! Si passeggia ancora.

 Nel candore schizzi di colore attirano lo sguardo.

Se il giorno dopo le nuvole si abbassano, l’avventura non ferma un’escursione automobilistica a Capileira. La festa di paese comincia a pulsare in giro i suoi riti, mentre la sposina sfoglia un libro che raccoglie le foto dei paesani.


Lo sposo trattiene la voglia di camminare nel Barranco de Poqueira, obiettivo non soddisfatto di questa prima volta in Andalusia.

Nel pomeriggio il sole, cresce la speranza. Si scende tranquilli a Pampaneira. Anche qui la vita non ha lo stress di fuggire via.

La fonte del paese che sembra consigliata per chi cerca moglie e marito

Eppure giunge il giorno del ritorno.
Sovrastati dai ricordi la montagna scompare. I pueblo blancos rimangono silenziosi. E’ presto e noi siamo già in un bar di Lanjarón.
Verso Malaga.
Che ne sarà di questo viaggio di nozze?

PS Per ora è tornata la voglia di partire a giorni per l’Austria. Mai contenti 🙂

1 Comment

  1. pasticciona says

    dall’Andalusia alll’Austria i due cacciatori di colori e di emozioni seguono le tracce di sprazzi di serenità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *