Contorni
comments 5

Alfa alfa

I papaveri sono alti alti e tu sei piccolina, cosa ci vuoi far.
Così mi cantava spesso la nonna, anzi la Cia. Non che abbia avuto a che fare con i servizi segreti fin da subito, ma lei di essere nonna e quindi vecchia non ne voleva mai sapere. Sarà questo gene famigliare del sentirsi giovani sempre che mi porta ad apprezzarre questa piccola vita che cresce sotto forma di lievito madre ed ora anche di germogli?
Son piccoli piccoli, loro, i germogli di alfa alfa. Per la Cia sono erba medica, per me piccoli piccoli germogli e cosa ci possono fare se li voglio trasformare in insalata? 🙂

Poco e nulla, anche perché questa è la ricetta che propongo per l’intelligente contest lanciato da Verde Cardamomo: La ricetta del benessere.
Di ingredienti del benessere ce n’è più di uno. Scrutando tra un germoglio e l’altro ecco comparire i ceci, la cipolla in rosso, i semi di sesamo nel gomasio.
Oltre a far bene è una ricetta dai tempi di esecuzioni veloci. Per ottenere i germogli basta attivarsi 2-3 giorni prima (col caldo che fa ora) e seguire il procedimento già descritto in Germogli a me.

Premetto, che piace pure agli uomini di casa 🙂

Insalata germogli e ceci

200 gr ceci dal solco dritto già lessati
3 cucchiani di semi di alfa alfa
2 ravenelli rossi
1/4 cipolla rossa di Tropea
1/2 cespo di indivia belga
Olio extra vergine d’oliva
1 cucchiaino di gomasio (o sale)
sale nero macinato sul momento

Si parte con i ceci. Io li avevo lessati il giorno prima e messi in frigo in attesa di usarli entro breve tempo.
I 3 cucchiai di semi di alfa alfa erano stati messi in coltura 3 giorni prima come descritto  in Germogli a me.
Una volta che si hanno questi ingredienti pronti all’uso, basta scottare 1-2 minuti in acqua calda i germogli.

Poi si uniscono assieme ceci e germogli.
Si puliscono i ravanelli, la cipolla e l’indivia.
Si tagliano a rondelle i ravanelli, a pezzettini la cipolla e a listarelle l’indivia.
Si mescola tutto questo benessere assieme e si condisce con olio extra vergine d’oliva, gomasio e sale nero macinato sul momento.

L’insalata può essere condita anche qualche ora prima dell’uso.
L’ho testato, dato che avevo prima di cena un aperitivo tra amiche. Sposina organizzata, sposina fortunata 🙂

5 Comments

  1. Grande Rossella,sapevo che avresti ideato una ricetta tutta salute..i germogli mi incuriosiscono moltissimo..e sai che anche a me la nonna cantava la stessa canzone???? eheheh..grazie aggiungo subito la tua ricetta in lista. un bacio a presto

  2. uhm…. e se io non li avessi mai mangiati??? sarebbe vergognoso????
    adesso mi guardo intorno e non trovo pace finchè non li scovo… poi ti copio l’ insalata, naturalmente… altrimenti non saprei che farci con tutti qugli alfa alfa.. che resterebbero in frigo a diventare beta beta….e non farebbero più bene.. :OS

  3. Ma dai! neanche ci avessimo messo d’accordo! Ho fatto anch’io i germogli qualche giorno fa, avevo voglia di fotografarli perchè al mio parere sono bellissimi. Era la prima volta che le facevo e siccome non ho trovato la alfa-alfa li ho fatti con le lenticchie, da vedere che belli alti che sono venuti!

    Rossella, dobbiamo parlare! gli ultimi mesi sono stati pazzeschi ma prima o poi ci dobbiamo rivedere, ok?
    Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *