Month: giugno 2012

Caldo e Pilsner e paprika

Qui il caldo permane, come è giusto che sia d’estate. Così la voglia di quel bicchiere di birra chiara si fa forte, a volte diventa quasi un doveroso capriccio. Ed il gioco è fatto. Su E birra sia nelle pagine di Honest Cooking mi bevo una Pilsner Urquell e nel frattempo spizzico alcuni muffin alla paprika dolce. Ti unisci anche tu?

Siviglia: uno di fronte all’altro

Se un buon matrimonio si vede fin dall’inizio… Questa forse è la storia perfetta per capire pregi e difetti di una coppia. Arrivati a Sevilla (Siviglia), inebriati dal profumo di fiori d’arancio, scaldati dal sole africano, ecco che ci incuneiamo nel centro città. Poggiati i bagagni, con qualche nome di locale in testa, ecco davanti a quello che diventò il locale dei desideri della sposa. Calle Santa Teresa – Las Teresas Un cafè solo per cominciare, sorseggiato rigorosamente dal bicchiedere del marito. Il profumo degli Jamon de Bellota nell’aria. Locandine a ricordare passioni di flamenco e la corrida. Incomincio a scorgere il fantasma del mio Hemingway.

Ibisco intrigante

Granada mi ha arricchito molto in fatto di infusi. Assieme ai fiori di arancio mi sono comprata anche l’ibisco e da lì è nata un’ossessione. Fai un infuso, lo lasci raffreddare ed i giorni dopo ti segue fidato. Apri il frigo e lo ritrovi, pronto per distrarti un po’. Un sorso al ritorno dal lavoro e la spina dello stress si stacca. Sarà il colore, il fatto di essere fresco, ma quel piccolo o grande sorso che sia ecco che sorvolo quei bei giorni in Andalusia. L’ibisco, il cosidetto tè rosso della mamma degli anni Ottanta, nasconde proprietà gradevoli. A me è rimasto impresso il fatto che combatte il colesterolo cattivo. A Granada mi hanno voluto avvertire che non è adatto alle donne incinta. Nunca problema. E così litri e litri di ibisco sono stati bevuti fino a giungere a questa versione intrigrante per via delle spezie.

Momenti di … curiosità

“No, il pane non si mette così in tavola” Una frase banale, la solita ramanzina o della mamma o della moglie 🙂 Perché mai il pane andrebbe messo nel verso giusto! Qual é il verso giusto? E chi lo ha deciso? Presa da cotanta impertinenza la moglie di turno si è messa alla ricerca del perché. Una piccola e banale curiosità è diventata un’interessante scoperta di una pagina di storia condivisa tra la Francia di Carlo VII e Torino del duca Amedeo VIII di Savoia. Su Momenti di pane maggiori dettagli.