matrimonio
comments 13

Oh, ma ci sposiamo #15: meno 5

countdown

Brrr che freddo :)
Facendo i seri, sì, mancano 5 giorni all’essere una donna sposata:
Come ti senti?….Te ne rendi conto?…Oh, ma la mia bambina…” si parla solo di questo, a casa mia.

Non ho mai sognato di sposarmi.
Non ho forse mai creduto nell’uomo giusto.
Non mi sposo un inglese, ossia l’uomo ideale della mia adolescenza.
Non sposo un economista e quindi nessuna possibilità di trovarmi in casa un John Galbraith, altro chiodo fisso ma all’università.
Non mi sposo con pochi invitati, come timidezza vuole.
Non mi sposo con un cappello a falda larga, come sognavo.

E allora perché tutto questo subbuglio?
Non chiederlo a me. Non ho una risposta.
Ci son momenti in cui vorrei mollar tutto. L’organizzazione e la pazienza sono entrambi sfiancanti. Dettagli, accordi, esigenze da incastrare. Poi arriva chi ti dice “io non ho tempo“, ah, perché io…
E ci sono altri momenti in cui l’emozione vorrebbe esplodere, non so ancora se in un pianto o in una fragorosa risata. Finora ho tenuto duro, chissà se resisterò fino alla fine?!
Tante domande, tante certezze, la razionalità non sa a che aggrapparsi, ma anche al cuore il gioco non è reso facile.

Tante domande, tra le mie e le altrui. Meno male che gli amici si fanno sotto in questa fase. Ci sono anche dei super coraggiosi che vogliono incontrarti prima. Affrontano impavidi il rischio di un aperitivo tutto incentrato sul mio matrimonio. Meno male però che oltre ad ascoltarmi hanno qualcosa da raccontarmi anche loro. La tisana Equilibrio e la Lambic presa con loro sono state quasi catartiche.

Ad oggi ho solo due punti fermi:
1- al prossimo che mi chiede se vogliamo una lavatrice, lo avviso, non sono responsabile di come potrei reagire nel dire “NO”;
2- il momento di più bello di questi ultimi giorni, sai qual è stato? Ritrovarmi in automobile col nubendo per andare a buttare l’immondizia. Tanti regali, tanto ingombro con i pacchi, quindi via alla ricerca di un cassonetto abbastanza grande per le scatole superflue.
Sì, è stato questo momento. Noi, solo noi due, in uno spazio ristretto e famigliare assieme, a fare una cosa banale, di tutti i giorni e dove la parola “matrimonio” non ci azzeccava proprio. Al riparo da tutto.

Qui finisce questa saga. Qualche fotografia potrebbe essere resa pubblica di questo evento che mi sta assilando.
Meno 5, ragazzi !!!!

13 Comments

  1. Mitica RosSella!! Anzi Mitici!!! Avete intrapreso un percorso stupendo ma difficile, una Parigi-Roubaix della vita, caratterizzata da tratti di percorso lineari e piacevoli alternati a tratti difficili di pavé dove tutto sembra traballare… Ma una squadra affiatata come sembra quella composta da te e la cavia(Pippo concedimi in questo virtuale contesto l’appellativo) puó affrontare questa affascinante “classica” della vita, non senza fatica, per tentare di raggiungere l’ambito velodromo della felicità.
    Buona pedalata e tanti tanti auguri 😉

  2. Brava Rossella,
    sei arrivata al countdown finale con lo spirito giusto, per lo meno secondo me. Tra normali tensioni, voglia di scappare e migliaia di dettagli da sistemare la cosa più bella è proprio la voglia di ritrovarsi solo in due, nel silenzio, nella semplicità di un gesto quotidiano!

    A te e alla tua cavia non posso che augurare di vivere una bellissima giornata, di gustarvela in ogni attimo, apprezzando i sorrisi (e le lacrime) di chi intorno a voi sta condividendo questo importante momento.
    tanti auguri
    Claudia

    ps: mangia, mi raccomando! altrimenti tutto il lavoro fatto a che cosa è servito se non lo gusti anche tu?!? 😉

  3. pasticciona says

    l’emozione sta salendo, noi tutti ci sentiamo nubendi nel condividere le vostre ansie. Ma gli sposi siete solo voi due:Rossella e la Cavia:vi vogliamo bene

  4. lo stress finale fino ad arrivare alla sera del giorno del matrimonio e andare a letto distrutti ma dire, come è già finito tutto???? credimi lo dirai, ti mancherà la frenesia di questa ultima settimana. Il gettare gli scatoloni, ti fa capire cosa è il matrimonio, un difficile cammino magari monotono o pieno di imprevisti ma da fare sempre insieme!!!! UN augurio speciale, mi ha fatto piacere leggere fino a oggi tutti i lunedì i tuoi anedoti mi ha fatto ricordare i miei preparativi e devo dire con un pò di nostalgia!!! ora ti aspettiamo per il prossimo countdown!!!

  5. rossdibi says

    Grazie a tutti.
    Ho visto l’agenda di domani: il lavoro sarà un’optional :)

  6. Carissima vedrai andrà tutto bene. L’ansia è normale, la voglia di evadere anche..Poi il gran giorno arriva e tutto corre veloce e sì… purtroppo finisce..quello che non finisce, anzi inizia è questa nuova fase della vostra vita insieme che avrà un bel ricordo in più. Vi abbraccio virtualmente per darvi tutto il mio sostegno in questo rush finale. Cristina e family

  7. augurissimi!!!!! da chi venerdì scorso per il compleanno ha ricevuto una proposta corredata da una cosa molto sbrilluccicosa :O)
    credo che verrò a chiederti consigli, (ti sento ferrata e in sintonia con certi miei pensieri) non solo su dove reperire carote viola o cuocere il daikon…
    baci baci baci!!!! e se proprio non riesci ad allontanare l’ ansia… cucina! :O)

  8. rossdibi says

    Che notiziona @Serena.
    A me lo sbrillucicoso non è arrivato, tanto finiva in qualche pagnotta :)

  9. Aspettiamo tutti qualche testimonianza fotografica!!!
    E’ il minimo, dopo tutti questi post :)))))

    P.S. Ma una lavatrice……..

    P.S. 2 – Un augurio di portare immondizia insieme per tanti e tanti anni :)

  10. brava rossellaaaaaaaaaaa
    manca davvero poco..
    io sono qui che attendo che qualcuno molto vicino a me si decida… per il momento ancora niente!

    un bacione grande

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>