Oh, ma ci sposiamo #10: e mo’ che dico?

by rossdibi il 5 marzo 2012

Post image for Oh, ma ci sposiamo #10: e mo’ che dico?

Era una sera di fine febbraio. L’influenza giocherellava ancora con le mie energie. Il nubendo era fuori casa, in cerca di un pianista per la cerimonia. Ricerca certo non disperata dato che era accompagnata da un birra con un’amico.
Ed intanto io ero lì, sul divano. La tv lanciava immagini a go go. Non seppi far altro che lasciarmi andare a Sex & The City.
Mentre Mister Big tramortiva con le sue scelte la povera Carrie ecco che…
Che mi accorgo di una cosa e quella cosa grande e banale insieme mi lascia senza parole.
E sì, perché mancano quasi 40 giorno al mio…nostro…non essere più single.

Sì, siamo una coppia, ma quel Sì taglierà le vene ad ogni sogno futuro di essere single.
Single vuol dire…e mo’ che dico?
Single è, almeno nella mia testa, avere un tubino nero mozzafiato, le forme in bella vista (ben oltre quelle che ci sono), lo sguardo mozzafiato e la parola col sorriso giusto al momento giusto per l’uomo giusto. Il mio esser single prevede energia a mille, trucco garbato ma deciso, slanci di entusiasmo come quelli delle ragazze del Coyote Ugly.

Se mi conosci sai che …non sono mai stata così. Ma essere single è sognare! Sognare di essere quello che i nostri desideri vorrebbero, accalappiare più uomini possibile in attesa di quello giusto, forse senza mai chiedersi quale sia quello giusto. E’ un cercare senza mappa…ma che a volte sa essere piacevole. Di sicuro ricco di risate, quasi da telefilm :)

Beh tra quasi 40 giorni dovrò mettere definitivamente nel cassetto quel tubino, che non ho, ma che le pagine de Il Giornalino mi han fatto sognare fin dagli otto anni. Non mi  ricordo il nome del fumetto, la protagonista però ricordo bene era una decisa ragazzina. In una puntata aveva un tubino elegante grigio (topo, direbbe il nubendo) e mi fece sognare…per anni, fino ad oggi come leggi.

Tra 40 giorni cosa potrò raccontarmi per tenermi calma. Mo’ che dico ai miei sogni di rampante donzella dei miei sogni se un giorno  la passione non sarà a mille e l’intesa non sarà immediata? Che mi racconterò?
Me la sono cercata, lo so. Ho detto sì a quel Mont Blanc. Forse ho detto da tempo sì, ma qualche secondo di fuga mentale finora non è stato necessario. Ma domani…domani…domani…

 

Diamine, coppie sposate. E’ tutta colpa vostra, litigate, vi lamentate l’uno dell’altra e poi avete detto sì.
Da single per 40 giorni non vi capisco, ma ho sempre voluto essere voi. Legati, uniti, presenti.
C’è chi dice che avete un progetto, che vi dedicate un futuro, che due is megl che one :)
Però uno può far tutto, è libero, si dice, anche se poi molte serate sono col televisore.
La single che è ancora in me, ancora non capisce tutto e ha paura di questa sua incapacità di spiegarselo. Sono emozioni criptate quasi.

E mo’ che dico? Ci vediamo tra 40 giorni :)

Le immagini del post sono tratte da Sweet Lust, WeddingBeeForever Young Adult.

to be continued
La prossima puntata lunedì 12 marzo 2012: Oh, ma ci sposiamo #11: mettiti la fede

Per le puntate precedenti:
Oh, ma ci sposiamo #1: son cose che succedono 
Oh, ma ci sposiamo #2: come te lo chiedo
Oh, ma ci sposiamo #3: parola in codice “sposa”
Oh, ma ci sposiamo #4: tenere a bada la mamma
Oh, ma ci sposiamo #5: say yes to the dress
Oh, ma ci sposiamo #6: s’ha da fa
Oh, ma ci sposiamo #7: la ninnina
Oh, ma ci sposiamo #8: ed Enzo Miccio? 

Oh, ma ci sposiamo #9:io stata mai qua

Be Sociable, Share!

{ 10 commenti… leggili qua sotto o aggiungine uno }

Nathalie (@spacedlaw) marzo 5, 2012 alle 09:48

Dai, dai…
Non lasciarti impressionare di questo pezzo di carta legale: La (il) single non sparisce mai completamente. Ecco perche serve non buttare via il tubino (che ci sia o meno – ti vedo bene con un tubino topo scuro). Essere una copia (sposata o meno) non vuole dire fare per forza tutto insieme. Trovare un equilibrio se no prima o poi uno (una) (tutti due) muore (muoiono) soffocato è essenziale per tutte le copie (di carta o meno).

AnnaMaria marzo 5, 2012 alle 10:22

Essere single è prima di tutto un fatto mentale: se non fossi mentalmente single non sarei qui, sola, in mezzo a tanta gente di due e quattro gambe. ^_^

sonia marzo 5, 2012 alle 10:31

io non mi sposo, ma credo avrei i tuoi stessi pensieri!
Maledetti gli inventori di SexandtheCity :-)

elena marzo 5, 2012 alle 10:54

non è quella firma a farti fare quei pensieri. questi pensieri dovevi farli già con l’inizio della convivenza … ti giuro il giorno dopo il SI sarete uguali ad adesso, solo con un anello al dito che luccica e una marea di ricordi e di gaffe che ti faranno sorridere.

rossdibi marzo 5, 2012 alle 11:05

@Nathalie @AnnaMaria @Sonia @Elena Sì, è un fatto mentale…anche perché conviviamo da anni. Ma se al cuore non si comanda, alla testa ancora meno :)
Per me matrimonio e convivenza, con mia sorpresa, a livello psicologico non si stanno rivelando la stessa cosa. E’ come quasi scrivere in grassetto un legame che prima era in semplice corsivo.
@Elena E di gaffe noi non ne faremo ahahahahaha
@Sonia Geniali gil inventori di Sex & The City, hanno colto un attimo…già mia sorella non capisce il programma. Altre generazioni :)

CorradoT marzo 5, 2012 alle 12:23

Fattelo dire. Dopo quei famosi 40 giorni scende una tranquillita’, una serenita’ che magari vista adesso sembra staticita’. I giorni, i mesi, gli anni passano. Ma insieme. (ecco che sto ridiventando romantico…..)

verdecardamomo marzo 5, 2012 alle 16:33

Ross, ti posso dire dopo 7 anni di matrimonio che un pezzo di carta non cambia nulla noi siamo sempre noi ma abbiamo deciso di prenderci per mano e camminare insieme anche se conserviamo sempre le nostre identità. In fondo siamo come due corde di violino che suonano la stessa musica pur restando single.

Giulia marzo 6, 2012 alle 07:51

Ross, capisco perfettamente i tuoi pensieri! Io nella mia vita sono stata single per pochissimo tempo – chissà perché? – ma ho sempre sognato di esserlo. Dentro di me forse lo sono, nonostante i miei due matrimoni.
Ti dirò di più: compratelo il tubino nero, che faremo le uscite da single spigliate e … sposate!
Bacio

rossdibi marzo 6, 2012 alle 14:22

@CorradoT Sei veramente romantico…sei veramente una persona che merita di essere considerata amica.
@Verdecardamomo @Giulia Che bello! Mi capite e mi date speranza :) Per le uscite da single spigliate sono qua.

pasticciona marzo 7, 2012 alle 21:10

i tuoi timori sono indice di intelligenza e onestà morale.sei di fronte a una novità esistenziale e persino Virginia Woolf condividirebbe i tuoi dubbi ma lei affronterebbe l’ignoto con uno splendido tubino grigio topo; e quasi quasi anche io ci farei un pensierino… Il tubino nero o rosso mi farebbe sembrare più snella ?

Lascia un commento

Previous post:

Next post: