Month: agosto 2011

maria rain insegna

Il momento perfetto

Una storia andrebbe raccontata dall’inizio. Però le emozioni qui tendono ad aver la meglio sulla logica e forse anche sull’educazione. No, non ci riesco ad andare per ordine. La vacanza appena conclusa è vissuta di momenti, uno dietro all’altro, una più significativo dell’altro, ma questo veramente ha quel qualcosa in più. E questo momento è coinciso con l’arrivo a Maria Rain. La non solita ridente cittadina a sud di Klagenfurt, nella Carinzia, Austria. Eravamo se non stremati quanto meno provati dalla pedalata. Tutto bene, semplice fino alla Konditorei (pasticceria) di Klagenfurt. Poi solo una decina di chilometri per arrivare alla nostra meta finale del giorno: Ferlach. Tutto arabo per te? Immagino. Ma immaginaci in un paesaggio tra il bucolico e l’efficiente. Il sole alto nel cielo lindo. L’aria estiva e una serie di salite tra la costante fatica e lo strappo sormontabile solo con la pazienza. Ed eccola, una scritta mentre la strada sta per diventare discesa. E’ la scritta della foto.

fiore rossella mulino

Oggi si festeggia

Si festeggia Miss Fiorella, una cara, dolce eppur determinata sorellina. Gli anni si ottengono per differenza aritmetica dai miei 35, semplicemente sottraendo 8. Le nostre conoscenze matematiche fanno comprendere agevolmente che Miss Fiorella sta navigando in un’età potenzialmente stupenda. Peccato che gli umani, particolarmente quelli di sesso femminile, in quegli anni siano alla ricerca spasmodica di certezze. Certezze che otto anni dopo 🙂 già rischiano di rivelare tutti i loro limiti. Eppure anche le sorelline devono fare la loro strada, provare, capire…ma oggi soprattutto festeggiare. Miss Fiorella dista al  momento da Miss Rossella quei seicento chilometri, oltre che i costanti otto anni. Miss Rossella, però, non si lascia demoralizzare. Certo non è più l’epoca geologica dei regali distribuiti per casa secondo un’accorta mappa del tesoro. Ancor più lontani sono le albe vissute nell’atrio del secondo piano ricolmo di regali, mentre Miss Fiorella ed il suo pannolone sgambettavano, cadendo sulla moquet, tra un pacco e l’altro. Niente Barbie tra i regali, niente Memory fatti a mano da Miss Rossella, niente gru di origami appesa sulla porta …

insalata di avocado

Piccole idee d’estate #3: Insalata con avocado

Il ritorno alla dura realtà 🙂 è sempre duro dopo le vacanze. Le temperature sono costantemente a mille qui a Roma. Fa caldo, non finisco di ripeterlo non appena esco dall’ufficio. Talmente caldo che la voglia di cucinare latita così come quella di mettermi a far la spesa dopo il lavoro. Due sere fa, però, armata di buona volonta, mi sono sbizzarrita. Il risultato, seppur frutto del solito caso, è stato sorprendente, persino per me. E’ nata un’insalata ricca, piatto unico, sano, che ha saputo raggiungere i gusti della Cavia. Ecco qua gli ingredienti per la:

Compare la Drava, in versione torrente alpino. Ma rimarrà così piccola?

La valigia dei sogni

Ossia la valigia delle vacanze appena trascorse. Sono state perfette, oltre più rosea aspettativa. Anche se quelle erano trattenuto silenti, mai svelate. C’è stata pace e silenzio, sole ed euforia, fatica e pazienza, riposo ed abbuffate. Tutto questo in due settimane disperse in maniera opportuna tra Friuli e Austria. Ringrazio il tempo col suo sole, il destino col suo garbo, la Cavia per la compagnia, la bicicletta per i 280 km in cui ha dato il meglio di sè, le Gasthof incontrate lungo la strada, la Drava è cresciuta insieme a noi,  le gentilezze raccolte. Abbraccio con affetto le persone incontrate, dalle più care che ci hanno accolto a casa e trasportato alla scoperta del Friuli, fino alle blogger conosciute a tavola come Solema di Nonna Sole e Cristina (ed Elena) di Udine, la mia città e … Nonna Pina. Ammiro l’attivissima Anna del Molino Moras ed lo sperimentatore Signor Meni de La Birra di Meni, non disdegnando neanche il cagnolino del Mulino Coiutti di Godia 🙂 Non c’è stato giorno che non mi abbia regalato qualcosa di …

CHOCOLATE RUM BUNDT I

Amori (non solo) estivi: Life’s a feast

Ci sono blog che conquistano per il modo di scrivere, altri per lo stile, altri ancora per le fotografie e altri (pochi) per tutto questo messo assieme. Ci sono, poi, blog che vorresti seguire assiduamente, perché ti fidi di loro e la persona che sta dietro è gentile. Però ci sono sistemi di filtraggio di Internet, che te ne limitano ingiustamente l’accesso. Così li sbirci nel tempo libero, sempre che la memoria se ne ricordi. Però, nonostante tutte queste intemperie di vita e telematici, ti rimangono nel cuore. E così succede a me con Life’s a feast.  Già il titolo lascia trapelare l’euforia che Jamie Schler trasmette nei suoi post. Una donna che non si ferma davanti a niente. Ogni suo post nasconde un lavoro immenso: foto d’epoca, racconti, ricette…vai e fidati di lei. Ti farà assaporare la vita, quella reale. Qui di seguito ecco le foto da cliccare per scoprire Life’s a feast, tutto nello spirito degli Amori (non solo) estivi.