Torta tra cacao, Lambrusco e visciole

by rossdibi il 22 marzo 2011

Post image for Torta tra cacao, Lambrusco e visciole

Ieri scrivevo entusiasta della cena tra amici e con quel po’ di Lambrusco L’Albone nel piatto.
Sì, nel piatto, non ho bevuto troppo. Avendo un dovere da blogger di testare il Lambrusco del Podere il Saliceto, mi son data da fare. Ho pensato ad una torta, recuperando una ricetta pescata nel mare dorato di Coquinaria, adattandola al gusto del momento. Ma il tocco forte è stato condivivere con alcuni amici questo dolce (e non solo quello).

Devo ancora perdermi tra  le parole o basta che ripeta i tre ingredienti cardine della torta? Cacao, Lambrusco e marmellata di visciole. Dammi tre ingredienti più invitanti.

Il risultato finale è tra il peccaminoso e l’essenzialmente goloso. Torta morbida è, lo strato superiore incuriosisce e dalle mie statistiche quasi nessuno intuisce immediatamente il posto riservato alle visciole.

Ora si tratta solo di vedere come mettere insieme i vari ingredienti:

Torta tra cacao, Lambrusco e visciole

In ordine di apparizione:

200 gr di burro a temperatura ambiente e morbido
300 gr di zucchero
60 gr di cacao amaro
100 gr di Lambursco L’Albone
4 uova
150 gr di farina tipo 00
mezza bustina di lievito (8gr) per dolci

Per decorare:
100 gr di marmellata di visciole
2 cucchiai di Lambrusco L’Albone
1 cucchiaio di acqua

Ho lavorato a crema il burro. Poi ho aggiunto gradatamente lo zucchero ed il cacao.

Finalmente si è avvicanata la fase facile del dolce con l’unione del vino. Mescola che ti mescola, amalgamato il tutto, ho aggiunto il primo uovo, poi anche gli altri, uno alla volta, rigorosamente, per ottenere un composto omogeneo.

Stessa procedura con la farina, unita pian piano e già amalgamata col lievito.

Preriscaldato il forno a 160°C (per me forno ventilato, altro non ho), ho cotto il dolce per 45 minuti in una tortiera apribile da 26 cm di diametro.

Ho lasciato in forno altri 10 minuti, intanto ho mescolato gli ingredienti della decorazione ben bene.

Tolta la torta dal forno, ho bucherellato la sua superficie con uno spiedino e poi ho versato sopra la marmellata, tutta. L’ho distribuita e ho fatto raffreddare la torta.

Torta ottima il giorno dopo. Io mi son lasciata tentare persino per colazione :)

Con questa ricetta partecipo al frizzante concorso della Nouvelle Vogue del Lambrusco.

Be Sociable, Share!

{ 5 commenti… leggili qua sotto o aggiungine uno }

Daniela (senzapanna) marzo 22, 2011 alle 12:28

bella!!! da provare!!!!

rossdibi marzo 22, 2011 alle 14:31

Da provare, sì sì sì.
Il Lambrusco de Il Podere il Saliceto da tono a quella che a qualcuno è parsa una Sacher. E’ una torta veramente di carattere, ma che ti chiama a sè facilmente dopo un primo assaggio.

Pina marzo 30, 2011 alle 09:38

Anche se non sono particolarmente appassionata di dolci questa ricetta mi sembra proprio invitante…l’accostamento delle visciole con un vino dalle note fruttate di mora e ciliegia come il lambrusco mi pare ottimo! Ciao! Pina (mamma di Lorenzo).

Maurizio La Rocca marzo 9, 2012 alle 11:34

Mamma che bontà, questi sono tra i miei sapori preferiti. Da bere? Un lambrusco amabile? O forse azzardare qualche rosso passito più importante, come recioto o sagrantino…

Bon appetit e un saluto, Ross!

pandizenzero marzo 22, 2012 alle 21:34

mamma mia che appetitosa questa torta!
la devo fare…..sempre che riesca a non bermi il lambrusco volta volta….

Lascia un commento

Previous post:

Next post: