Menu, Senza categoria, Vino
comments 6

Cena tra amici: ospite d’onore il Lambrusco

…e non solo.
Cara sorellina, si ironizzava al telefono sul menù di questa cena. Nell’innocenza della tua età, non tenera ma neanche ancora matura, coglievi un’elaborazione che allontanava il  senso dei piatti dalla quotidianità delle nostre case. Eppure ebbi modo di dirti “che chi viene qui a cena, si aspetta qualcosa di diverso”.
Così è stato. I “che cos’è” ci son stati, ma mi è parso più volte di udire anche delle richieste, alcune più entusiaste di altre, di bis. Per oggi contengo qui la mia soddisfazione presentando solo il menù e la lista dei vini. Dopotutto questa cena è nata anche per testare in cucina il Lambrusco L’Albone del Podere Il Saliceto ricevuto grazie a Daniela e ad Andrea e per assaggiare l’Octagon. Ma andiamo con calma.

Si incomiciò con:

Menù tra amici

PANE

Pane all’harissa

ANTIPASTO

Biscotti al burro salato e salsiccia

PRIMO

Zuppa di porri

SECONDI

Polpette ricche di Lambrusco

Strudel salato alle zucchine

Insalata e alghe

DOLCI

Torta tra cacao, Lambrusco e visciole

Torta Paradiso Mandorlata

Il pane all’harissa fu cosa già testata, qui solo riproposta in formato filoncini e con dosi raddoppiate. Ho innovato solo nel mix di farine (400 gr farina tipo 1 e 200 gr farina integrale di farro).

L’antipasto anch’esso non nuovo per la Cavia è stato un capriccio per stupire gli ospiti. Nessuno si è tirato indietro, qualcuno ha resistito alla sua dieta, ma c’è chi ha notato “l’equilibrio dei sapori. Non si sente solo la salsiccia”. Un applauso ai biscotti al burro salato e salsiccia.

Zuppa di porri altra certezza, ma attenzione ai gusti degli ospiti. Qui c’è di mezzo lo scottante tema della cipolla, pardon porro, in tavola. Punta su ospiti non dico coraggiosi, ma almeno aperti e non con innamorati ad aspettarli dopo 🙂 Sebbene, da parte mia, ribadisco, il porro è signore, al pari della cipolla cucinata a lungo, lascia pochi residui dietro di sè.

Polpette ricche di Lambrusco: novità. Accoglienza: entusiasta. Ricetta: presto presto, abbi pazienza. Ragione d’essere: testare il Lambrusco in cucina e partecipare ancora all’avventura delle #twitpolpette.

Strudel ed insalata con omaggio, invece, di Eleonora. Di mio ho aggiunto le alghe, prima messe a bagno per mezz’ora e poi saltate alcuni minuti in padella. Raffredate le ho unite all’insalata. Fan bene e fan stupore.

E ora i signori dolci. Torta tra cacao, Lambrusco e visciole: signori, la amo. C’è chi per consistenza l’ha paragonata alla Torta Sacher, ma qui c’è altro.

Torta Paradiso Mandorlata? Altro scatto di novità. Si parte dalla Torta Paradiso e si aggiungono le foglie di un tè con cocco e mandorle. Dettagli e ricetta? Clicca su Torta Paradiso Mandorlata ed il gioco è fatto.

Ed infine, si fa per dire:

Il listino dei vini

Rugiada del Mattino 2009 – Cascina Carpini

Octagon 2006 – Barboursville Vinegards

Lambrusco L’Albone – Il Podere Il Saliceto

Grappa Rossa – Fratelli Brunello

Come coi cibi, si va in ordine. Prima un bianco, riduttivo dir così di Rugiada del Mattino 2009, a mo’ di benvenuto e di accompagnamento alla zuppa di porri.
Coi secondi si punta allo stupore di un vino americano, made in Virginia, col marchio Zonin. Ma qui da raccontare l’accoglienza c’è, anche qui ci vuole solo pazienza, caro lettore 🙂
Lambrusco, beh, c’è stato nei piatti e non nei calici.
Grappa Rossa, invece, per il solito e gradito bicchiere della staffa.

E ora qualche ora per avere qualche ricetta.

 

6 Comments

  1. Mmmm.. sounds delicious.. i always want to add soup in the menu but am never sure if others will settle for that!
    brava!

  2. Che dire cara Rossella.A quando l’invito?Una cena veramente ben curata, fatta apposta per far rimanere tutti quanti ” a bocca aperta “.Complimenti alla cuoca.Un abbraccio.

  3. Cena meravigliosa; ma il Lambro è stato all’altezza? io spero di si 🙂 Fatemi sapere .Ciao e grazie del bel post. Gian Paolo – Podere il Saliceto-

  4. rossdibi says

    @Gian Paolo Il Lambrusco non ha deluso.
    Inviti? Datemi un po’ di giorni per riprendermi dalla fatica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *